La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliChe Cultura

Murales Villa d'Oro: storia della più grande pittura murale a Modena

La Pressa
Logo LaPressa.it

L'ideatore e autore del murales della Villa d'Oro, Roberto Monfredini, ripercorre per La Pressa la storia di quell'opera di vera e propria avanguardia


Murales Villa d'Oro: storia della più grande pittura murale a Modena
L'ideatore e autore del murales della Villa d'Oro, Roberto Monfredini, ripercorre per La Pressa la storia di un'opera di vera e propria avanguardia. Fu realizzato nel 1979 e fino al 2012, è stato una installazione-simbolo della città



Nel 1979, sulla parete dell'edificio di fronte alla polisportiva Villa d'Oro venne realizzato il più grande murales della storia di Modena, come ti venne l'idea?
'In quegli anni c'era una forte immigrazione dal meridione, in certi casi l'integrazione era difficile, volevo fare qualcosa di concreto per sensibilizzare i ragazzi su questo tema. Mi rivolsi agli insegnanti delle scuole medie Marconi, e da lì nacque una bellissima raccolta di disegni che ancora conservo. Mettendo insieme quelli più significativi feci un bozzetto. Ne parlammo col Comune, che fu molto sensibile, ci diedero l'impalcatura e i colori e in qualche mese realizzammo il murales che è rimasto lì per oltre 30 anni. Come riferimenti artistici avevamo David Alfaro Siqueiros, un maestro messicano nel genere'.

 
Quali erano i protagonisti di quel periodo così importante per la storia della città?
'C'era un grande fermento creativo che andava di pari passo con la sensibilità del Comune grazie in particolare all'assessore Liliano Famigli e al lavoro fondamentale di un pedagogista come Sergio Neri, all'epoca avevamo le scuole materne, gli asili nido tra i migliori al mondo. Un esempio per tanti paesi. Grazie a queste persone nacquero i Centri Giovani'.
 
Parlaci delle tensioni sociali tra i ragazzi 'modenesi' e i figli degli immigrati meridionali?
'Le tensioni c'erano ma rispondemmo subito con una reazione culturale, puntando sull'aggregazione. Alla Villa d'Oro mettemmo insieme anche una squadra di pallamano. Il murales fu una delle esperienze più importanti, purtroppo non ebbe seguito. Fu un lavoro di mesi, fatto con passione e coraggio, non è da tutti'.
 
Raccontaci dei giorni in cui realizzaste il murales.
'Passavano tante persone, la Villa d'Oro aveva una squadra di pallavolo, di pallamano, si giocava a tennis. Anche i vecchietti della bocciofila. C'era senz'altro interesse da parte di tutti i frequentatori della polisportiva e dagli abitanti del quartiere'.
 
In quel periodo furono realizzati altri due murales.
'Al cinema estivo ne facemmo uno con Filippo Partesotti, e sempre con lui ed altri ragazzi a Castelnuovo, su richiesta dell'ex assessore alla cultura Simonini. Purtroppo entrambi non esistono più. C'era la voglia creativa da parte degli amministratori di abbellire le città. Nessuno allora dipingeva i muri, fummo i primi'.



Raccontami l'esperienza del Centro Giovani della Villa d'Oro. Come furono i primi tempi.
'La ricordo come una bellissima esperienza, c'era un fermento incredibile, un desiderio di dare una mano per il bene comune. C'era la possibilità di fare un sacco di cose, ci trovavamo tutti insieme e ognuno faceva le sue proposte'.
 
Quando terminò l'esperienza del Centro Giovani?
'Piano piano, queste cose nascono grazie ad un gruppo di persone che si trovano insieme con la voglia di impegnarsi per un obiettivo. Quando finisce la motivazione ideologica, spariscono le forze. La scuola di allora è sparita. Quella fu un'esperienza irripetibile. Non veniva delegato ad altri il compito di risolvere i problemi, l'amministrazione si impegnava direttamente coordinando i progetti con le persone nei quartieri. Un percorso comune che coinvolgeva tutti. La delega ad altri uccide la democrazia, magari i cittadini torneranno ad impegnarsi senza lasciare ad altri il compito.
L'anno che arrivò Berlinguer a Modena io, Cremaschi e Vaccari realizzammo in due mesi, tutti i cartelloni del Festival dell'Unità. Gli artisti si mettevano al servizio dell'Amministrazione per colorare, anche questo episodio faceva parte di quel fermento che poi è sparito'.
 
Gli anni del Centro Giovani coincisero con l'avvento dell'eroina. Come fu gestita la cosa in Villa d'Oro?
'Sapevamo ovviamente che il problema c'era e negli anni coinvolse diversi ragazzi. Noi cercavamo di fare aggregazione dando una possibilità a tutti di uscire da un isolamento che poteva diventare pericoloso. Tutto questo lo ricordo con un grande affetto, era sempre in linea con il pensiero delle attività dell'epoca, come ad esempio il murales'.

Stefano Soranna

Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Stefano Soranna
Stefano Soranna
Mi occupo di comunicazione e pubblicità da un po' di tempo. Su La Pressa scrivo di musica, libri e di altre cose che mi colpiscono quando sono in giro o che leggo da qualche parte. La..   Continua >>

 
 

Articoli Correlati
Corsette e bici sì, passeggiate no: ma qual è la differenza?
Pressa Tube
17 Marzo 2020 - 19:01- Visite:18425
Angeli e demoni, ecco i vantaggi economici del gruppo di Foti
Politica
28 Luglio 2019 - 08:38- Visite:11833
La Pressa - speciale cartaceo: le case a Vaciglio
Sfogliando
15 Ottobre 2017 - 12:00- Visite:11798
Pessime notizie
Il Galeotto
23 Aprile 2017 - 08:55- Visite:11647
La Pressa - speciale cartaceo: la cultura a Modena
Sfogliando
28 Settembre 2017 - 12:00- Visite:11329
Il presidente Amo Burzacchini: 'Attacco al Pd: dalla Pressa un gioco ..
Parola d'Autore
02 Settembre 2017 - 11:42- Visite:11292
Che Cultura - Articoli Recenti
Festival Mundus, protagonisti i ..
Questa sera, domenica 2 agosto, con il terzo dei quattro concerti in programma a Carpi nel ..
02 Agosto 2020 - 11:50- Visite:198
L'archivio pittoresco di Lula Pena ..
L'artista portoghese strega il pubblico di Palazzo dei Principi. Il racconto di una serata ..
31 Luglio 2020 - 14:24- Visite:372
Modena, il Monumento ai Caduti in ..
Asmer: 'Siamo fieri che Modena abbia deciso di puntare alla promozione della Memoria Storica..
31 Luglio 2020 - 11:18- Visite:495
Ex presidente Legacoop: 'Nomina ..
Roberto Vezzelli: 'Continua la saga degli amici degli amici che non hanno mai fatto un ..
31 Luglio 2020 - 10:18- Visite:1020


Che Cultura - Articoli più letti


Se la locomotiva di Guccini si ..
Guccini si scaglia contro l'opposizione brandendo l'arma più subdola, la bandiera di ..
27 Aprile 2020 - 10:59- Visite:18258
18 settembre 1977: al parco Ferrari ..
Il precedente al quale si aggrappa Muzzarelli per sperare che il primo luglio vada tutto ..
19 Giugno 2017 - 17:10- Visite:15119
Diagnosi dell’ictus ischemico: ..
Baggiovara è il primo ospedale in Italia dove è stato installato questo software ..
13 Luglio 2018 - 11:24- Visite:13350
La massoneria in Emilia e a Modena
Anche a Modena esiste una presenza Massonica organizzata tramite la Loggia 106 intitolata a ..
25 Giugno 2017 - 22:08- Visite:13282