La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliChe Cultura

Post Punk, New Wave in Emilia. Vivi nell'Italia fra il 1978 e il 1989

La Pressa
Logo LaPressa.it

Conoscevi le persone perché indossavano la maglietta del tuo gruppo preferito, il giorno dopo ci suonavi insieme. Senza particolari aspettative...


Post Punk, New Wave in Emilia. Vivi nell'Italia fra il 1978 e il 1989
Ritrovare vecchie cassette audio in qualche cartone, riascoltarle e rendersi conto che la musica che si produceva all'epoca è ancora attuale. Poi scoprire che in Giappone, Inghilterra e Stati Uniti, quei gruppi sono diventati fenomeni di culto e sono seguiti ed ascoltati tuttora. Così è nata l'idea di mettersi a cercare voci e suoni del passato e pubblicare una collana di raccolte su doppio cd chiamata  “391 - VOYAGE THROUGH THE DEEP 80s UNDERGROUND IN ITALY”, di cui le ultime due sono dedicate all’EMILIA-ROMAGNA.  A cura di  Gianlorenzo Giovannozzi e  Francesco Pirro. Proprio con Gianlorenzo ho avuto una piacevole ed interessante conversazione telefonica. 

I pezzi sono del periodo 1978/79 fino al 1989. Le tracce ottanta. Grazie ai social, i contatti sono stati più facili, circa il 30% degli artisti suona ancora (vedi il caso dei bolognesi  CENTRAL UNIT). Alcuni sono tornati insieme e hanno ripreso gli strumenti in mano grazie all'entusiasmo nato col progetto delle compilation. Per i due curatori una delle soddisfazioni più belle. 
Gianlorenzo mi racconta di una certa diffidenza iniziale, si trova di tutto, anche chi dagli anni '80 è rimasto deluso, qualcuno sperava di sfondare, di fare il musicista di professione, guadagnare soldi e fare la vita da artista. Se non è accaduto, meglio dimenticare. Tutto era, inevitabilmente, nato a Bologna. Grande merito lo ebbe il  DAMS, molti erano studenti fuori sede provenienti dal centro e dal sud Italia. Il virus si diffuse ovunque, da  Modena a  Parma, da  Cattolica a  Piacenza. Gli anni di piombo influenzarono quella generazione, ma la musica non fu un rifugio. Molti dei protagonisti si immergevano in quella negatività, si dichiaravano avversi alla musica commerciale,  a testa alta verso un insuccesso programmato. Poi c'era l'eroina, chi era fiero di farsi, magari la si usava per essere più creativi, ora però in tanti sono sotto terra. Dal 1983 poi qualcosa cambiò, qualcuno tentò la strada verso il successo, e ci riuscì. I  Litfiba ad esempio.

Con Gianlorenzo ci siamo confrontati sulle differenze fra quel periodo e i nostri giorni: secondo lui, all'epoca c'era più spontaneità. Conoscevi le persone perché indossavano la maglietta del tuo gruppo preferito, il giorno dopo ci suonavi insieme. Senza particolari aspettative, solo per condividere una passione e identificarsi in una cultura. Adesso siamo super social su Facebook, ma asociali in strada. Stai in casa a guardare le serie TV o a giocare con la play. Chi suona, in tanti casi, lo fa senza niente 'dietro'. Senza condividere granché. 
Altro tema attualissimo. Perché ci sono pochi concerti di qualità? Troppa politica, molta ignoranza, gli amministratori pubblici non dimostrano la stessa sensibilità di un tempo. La musica poi, non è più così
redditizia. Chi ha voglia di fare della strada per ascoltare dal vivo il proprio beniamino?
 
Veniamo alla musica, pazzesca. Alcuni pezzi sono da brividi come  FUGA dei  CAUCHEMAR, fidatevi ci sono dei capolavori. Scopriteli tutti. L'acquisto è super consigliato. A proposito,  giovedì 12 marzo presentazione della compilation a Bologna, ci sarà anche un live. Stay tuned.

Stefano Soranna


Stefano Soranna
Stefano Soranna
Mi occupo di comunicazione e pubblicità da un po' di tempo. Su La Pressa scrivo di musica, libri e di altre cose che mi colpiscono quando sono in giro o che leggo da qualche parte. La..   Continua >>

 
 

Articoli Correlati
Coronavirus, scuole tutte chiuse in Emilia Romagna per altri 8 giorni
Societa'
29 Febbraio 2020 - 08:00- Visite:44582
Critiche raccolta fondi, Bonaccini minaccia: 'Ci vediamo in tribunale'
Politica
05 Gennaio 2020 - 06:26- Visite:41365
Coronavirus, il Governo chiude anche la provincia di Modena
Societa'
07 Marzo 2020 - 20:36- Visite:34674
Coronavirus, da domani tutte le scuole chiuse in Emilia Romagna
Societa'
23 Febbraio 2020 - 16:53- Visite:30763
Ecco la sinistra: Bonaccini chiude la campagna con cena da Bottura
Politica
20 Gennaio 2020 - 12:13- Visite:24917
Crisi Coop Alleanza 3.0, ex leader Legacoop: 'Colpa di manager ..
Parola d'Autore
13 Gennaio 2019 - 18:31- Visite:21894
Che Cultura - Articoli Recenti
Dario Tazzioli, l'arte rinascimentale..
Un artista modenese rispettoso delle tecniche cinquecentesche che unisce alla ..
05 Marzo 2020 - 16:45- Visite:2728
Le derive della borghesia Modenese ..
Uscirà il prossimo 10 marzo, in libreria e sulle piattaforme online, il libro Un conto ..
04 Marzo 2020 - 20:16- Visite:535
Bomporto, rinviato l’incontro di ..
L’appuntamento con Alessandro Gallo di domani sera slitta al 24 marzo
02 Marzo 2020 - 11:50- Visite:575
Festival Filosofia, Massimo Cacciari ..
Siederanno nel Comitato scientifico assieme a Marc Augé e Michelina Borsari
28 Febbraio 2020 - 17:23- Visite:659


Che Cultura - Articoli più letti


18 settembre 1977: al parco Ferrari ..
Il precedente al quale si aggrappa Muzzarelli per sperare che il primo luglio vada tutto ..
19 Giugno 2017 - 17:10- Visite:14213
La massoneria in Emilia e a Modena
Anche a Modena esiste una presenza Massonica organizzata tramite la Loggia 106 intitolata a ..
25 Giugno 2017 - 22:08- Visite:12774
Diagnosi dell’ictus ischemico: ..
Baggiovara è il primo ospedale in Italia dove è stato installato questo software ..
13 Luglio 2018 - 11:24- Visite:12702
Vasco Rossi è nonno per la seconda ..
Lavinia non è la prima nipotina del Blasco: prima di lei è nato Romeo, figlio di Davide
29 Aprile 2017 - 17:16- Visite:12435