La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliChe Cultura

Una domenica speciale con la Fiab: le bellezze di Modena in bicicletta

La Pressa
Logo LaPressa.it

Visita a tappe intitolata Modena Civica, guidata e illustrata dall’architetta Rossella Cadignani e da Giorgio Castelli


Una domenica speciale con la Fiab: le bellezze di Modena in bicicletta

Un nutrito gruppo degli Amici della Bicicletta di Modena, rinforzato anche da un bel numero proveniente da Reggio Emilia, si è radunato domenica mattina 8 Febbraio in Piazza Grande per una visita a tappe intitolata “Modena Civica“, guidata e illustrata dall’architetta Rossella Cadignani e da Giorgio Castelli, pit stop presso monumenti, piazze e edifici altamente significativi per il valore memoriale e d’identità collettiva della nostra città: la Modena o Mòdna dei Geminiani (la Mutina splendidissima e floridissima di Cicerone, prima che fosse sommersa dai depositi alluvionali).

L’accento della visita è stato quello di far risaltare il forte spirito civico dei modenesi – una caratteristica solida e tratto distintivo – attraverso la narrazione della realizzazione e l’iconografia dell’opera architettonica e del loro significato intrinseco sia religioso che artistico o sociale degli edifici pubblici riqualificati.

Nel Palazzo Municipale la prima tappa con le sue sale storiche: quella del Vecchio Consiglio e quella del Fuoco con il ciclo pittorico a fresco di Niccolò dell’Abate che raffigurano le famose Guerre di Modena, con il giovane Ottaviano nipote di Giulio Cesare e futuro imperatore, Marco Antonio e Decimo Bruto. Il governo al tempo era retto dai Savi o Conservatori della città, un consiglio formato da virtuosi cittadini iscritti nel ruolo degli estimi dove non vi erano nobili o rappresentanti del clero, un ruolo il loro che faceva da contrappeso fra il potere superiore del sovrano, rappresentato in città dal governatore. Questi, fin dal 1537 avevano promosso un ampio progetto di rinnovamento edilizio della città (avant lettre rispetto al settecentesco estense), attraverso una serie di interventi pubblici volti a legittimare la propria indipendenza nel governo della comunità. Si edificarono le Caselle, alloggi per le truppe di passaggio e le Beccherie, il mercato pubblico delle carni. Secondo pit stop al Sito Unesco: il romanico Duomo di Lanfranco e Wiligelmo, con gli inserti innovativi dei Maestri campionesi, e Torre Ghirlandina abbracciati dalla Piazza Grande.

La Cadignani si è soffermata sugli aspetti salienti dei monumenti: culturali e artistici, edificati con le pietre recuperate dalla città romana e ha ricordato la peculiarità del sito, costruito vicino all’antico tracciato della via Emilia e base della Ghirlandina, per due metri vi poggia. La fabbrica è rimasta aperta per quasi tre secoli, tanto è occorso per terminare la torre fra alterne vicende, la comunità che constava di circa 11mila abitanti ne sostenne le spese. Un’operazione che ha dell’incredibile per l’epoca! Il sito ha ospitato fino alla metà degli anni Sessanta del Novecento, oltre al Palazzo Municipale e alla Cattedrale anche il Palazzo di Giustizia, abbattuto e sostituito con l’edificio bancario, per par condicio, rappresentati a parità di condizione i tre poteri: legge, clero e civico. Se non è stato ed è segno questo di altissimo esempio del valore della democrazia e libertà nel rispetto delle idee e del ruolo dell’altro?

Il grande spirito civico dei modenesi, la molla per le tante opere e azioni realizzate, lo ritroviamo anche nella comunale Chiesa del Voto, edificata a seguito della pandemia di peste del XVII secolo, voluta e finanziata dai Conservatori della comunità.

Breve fermata al Palazzo dei Musei per ricordare che tra i vari istituti culturali che vi hanno sede c’è anche l’Archivio Storico comunale, che custodisce tra documenti, lettere, atti e delibere , la storia cittadina pressocchè completa dal XIII secolo. Al momento ospita l’interessantissima e molto frequentata mostra Nomen omen. Le carte delle identità. E prima di essere collocato nelle sede museale, l’archivio comunale era situato all’interno della Torre Ghirlandina, che era sia torre civica che campanaria, quindi fortissimo ancora il richiamo e l’afflato urbano con la sua chiesa edificata per il sepolcro del suo patrono, talmente forte il sentimento verso San Geminiano che fu vescovo della città non per nomina papale o imperiale ma eletto a furor di popolo, e l’iconografia mediovale che lo raffigura col mantello e a cavallo, è il logo della nostra antica università. Con i cenni sull’Archivio storico comunale termina la visita sulla storia pregnante del passato cittadino per rivolgersi a due luoghi non meno simbolici della storia più recente: l’ex caserma Santa Chiara e Piazza Redecocca. Due zone della città che sono state bombardate durante la seconda guerra mondiale. L’ex convento poi Caserma Santa Chiara fu gravemente danneggiata, l’edificio di proprietà statale fu comprato dalla municipalità e fu oggetto di una brillante riqualificazione pubblica. Il progetto del suo recupero fu frutto di una collaborazione progettuale e molto intelligente fra l’architetto Cervellati e lo studio tecnico comunale. Messo in sicurezza il palazzo non è stato ricostruito, un monito, l’enorme squarcio – monumento alla memoria – . La nuova destinazione ha mantenuto le poli-funzioni, residenze pubbliche IACP oggi ACER, c’era un teatrino sostituito dal Cinema Truffaut e da uffici culturali.

Piazza Redecocca nasce dalle macerie dei palazzi caduti sotto le bombe, e la testimonianza di quell’evento tragico è data dalle due facciate speculari dei due edifici che si fronteggiano, l’ex scuola Ceccarelli, oggi sede della sala del quartiere Centro Storico e della porzione rimanente e restaurata dell’edificio bombardato.

Attraverso la lettura artistica, culturale, architettonica degli edifici e dei siti storici visitati, sono emerse e sono state evidenziate le doti civiche dei modenesi. Quel fuoco sacro o civismo modenese che unisce l’amore per l’arte e la cultura del sapere, che va di pari passo all’amore e all’impegno politico alla solidarietà umana ( e chi meglio del grande sindaco Corassori con i Treni della Felicità ne è l’alfiere?) un’attitudine che risale potremmo dire alla notte dei tempi e non c’è più “luce” duratura che lo testimoni: le lapidi a memoria di Piazza Grande. Quella affissa in ricordo del tardivo riconoscimento del sacrificio delle migliaia di nostri militari che non aderirono dopo l’8 Settembre del ’43 alla repubblica di Salò e furono deportati nei campi in Germania, le due che ricordano le rappresaglie nazifasciste lì avvenute, quella del gesto estremo dell’editore Formiggini a seguito della approvazione delle Leggi razziali, il sacrario della Ghirlandina.

Una visita guidata degli Amici della Bicicletta molto apprezzata e che ringraziamo di cuore che è stata soprattutto un “ servizio civico” e un omaggio ai tantissimi così commemorati nel cuore della città, nella sua “imperitura bellezza” riconosciuta come Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco e rappresentano la più alta e viva testimonianza di una vocazione che ha continuato a difendere e a promuovere quei pilastri fondanti sociali: dai valori democratici, dall’indipendenza alla libertà nel rispetto delle idee degli altri.

Infine e purtroppo inevitabilmente la visita porta a fare una riflessione a margine. Tanti ‘elevati’ esempi di buon governo del consiglio diretto dai Savi o Conservatori del passato, gestione la loro che ha operato con grande spirito di corpo e saggezza, con una visione di grande respiro e nel solo ed esclusivo interesse del bene pubblico, dove la trasparenza e la partecipazione erano cose concrete e non soltanto delle parole di circostanza, dimostrano che la comunità era certamente più coesa, inclusiva e aggregante e i suoi delegati erano sicuramente più responsabili, più attenti e solerti rispetto ai giorni nostri.

Franca Giordano



Franca Giordano
Franca Giordano

Attenta, curiosa e frequentatrice del mondo artistico e culturale della città, lo seguo attivamente e con molto interesse nell’evoluzione dei suoi grandi progetti culturali.<..   Continua >>



Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:134086
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:98709
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:48545
'Lo Ius Soli sarà per noi il primo punto nella nuova legislatura'
Pressa Tube
01 Febbraio 2018 - 01:00- Visite:42133
'Festa Unità: è il vuoto totale, a Modena non esiste centrosinistra'
Parola d'Autore
31 Agosto 2018 - 11:38- Visite:41946
Grandinata devastante su Modena: danni alle auto e alberi abbattuti
La Nera
22 Giugno 2019 - 15:59- Visite:35797
Che Cultura - Articoli Recenti
Nasce Design Resistenza. Il mondo del..
I creativi si trasformano in partigiani. Un progetto che ha subito entusiasmato le aziende e..
20 Marzo 2020 - 16:35- Visite:242
Dario Tazzioli, l'arte rinascimentale..
Un artista modenese rispettoso delle tecniche cinquecentesche che unisce alla ..
05 Marzo 2020 - 16:45- Visite:2847
Le derive della borghesia Modenese ..
Uscirà il prossimo 10 marzo, in libreria e sulle piattaforme online, il libro Un conto ..
04 Marzo 2020 - 20:16- Visite:555
Bomporto, rinviato l’incontro di ..
L’appuntamento con Alessandro Gallo di domani sera slitta al 24 marzo
02 Marzo 2020 - 11:50- Visite:592


Che Cultura - Articoli più letti


18 settembre 1977: al parco Ferrari ..
Il precedente al quale si aggrappa Muzzarelli per sperare che il primo luglio vada tutto ..
19 Giugno 2017 - 17:10- Visite:14218
La massoneria in Emilia e a Modena
Anche a Modena esiste una presenza Massonica organizzata tramite la Loggia 106 intitolata a ..
25 Giugno 2017 - 22:08- Visite:12778
Diagnosi dell’ictus ischemico: ..
Baggiovara è il primo ospedale in Italia dove è stato installato questo software ..
13 Luglio 2018 - 11:24- Visite:12712
Vasco Rossi è nonno per la seconda ..
Lavinia non è la prima nipotina del Blasco: prima di lei è nato Romeo, figlio di Davide
29 Aprile 2017 - 17:16- Visite:12438