La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliEconomia

Caiumi (Confindustria): 'Sistema Emilia perde un miliardo su export in Russia'

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Invitiamo gli esperti a non escludere la via del nucleare e vorremmo che l'Italia avesse un ruolo forte all'interno del dibattito europeo'


Caiumi (Confindustria): 'Sistema Emilia perde un miliardo su export in Russia'
Le imprese del sistema emiliano perdono un miliardo di euro per il mancato export verso la Russia. 'Ma non c'è niente da fare, dobbiamo restare uniti'. A dirlo è Valter Caiumi, presidente di Confindustria Emilia, oggi in Fiera a Bologna per l'assemblea generale di 'Farete', che difende così le sanzioni verso il Paese guidato da Vladimir Putin. 'Come sistema di Confindustria Emilia, quindi come imprese di Bologna, Modena e Ferrara perdiamo un miliardo di euro di export verso la Russia - spiega Caiumi, a margine della kermesse - è chiaro che è un ammontare importante, ma non c'è niente da fare. In questo momento bisogna stare uniti come Paese e come Europa. E credo che questa posizione non possa che essere condivisa'. Nonostante il crollo dell'export verso la Russia, e l'aumento dei costi dell'energia, però, 'il mondo del business sta andando bene - afferma il presidente di Confindustria Emilia - in quasi tutti i settori abbiamo portafogli importanti.

Ma le difficoltà sono tante e imprevedibili, e sono difficili da gestire'. Le imprese escono tra l'altro dagli anni della pandemia. 'Come Confindustria Emilia ci sentiamo di aver intensificato il lavoro in questi tre anni, non di aver rallentato, usando tutti gli strumenti digitali che avevamo sviluppato con largo anticipo.
Quindi siamo tranquilli sul nostro operato e questo si vede anche dal risultato delle nostre imprese, che sono state davvero eccellenti in questo periodo'.

E Caiumi non esclude il ritorno al nucleare in Italia per far fronte al problema energetico. L'Europa, sottolinea Caiumi, sta subendo ormai da anno uno 'shock energetico che stiamo pagando tutti, cittadini e imprese'. Le energie rinnovabili, però, come eolico e solare, 'non saranno sufficienti a sostenere il carico dei consumi lo dice la scienza'. Per questo è 'necessario capire cosa fare in aggiunta a ciò che è stato fatto'.

Caiumi apre quindi al nucleare, quello di 'quarta e quinta generazione, precisa, su cui già 'alcuni Paesi del mondo stanno già investendo'. Questo nuovo tipo di nucleare, sostiene, è 'molto più sicuro di altre forme di energia e che garantisce emissioni zero. Non esiste una seria obiezione scientifica al nucleare - aggiunge il presidente di Confindustria Emilia - ci sono preoccupazioni, angosce comprensibili ma non razionali. Nei prossimi anni avremo un incremento di consumi energetici, quindi le decisioni vanno anticipate ad oggi'. Per questo, esorta Caiumi, 'invitiamo gli esperti a non escludere anche questa via e vorremmo che l'Italia avesse un ruolo forte all'interno del dibattito europeo'. Sul breve-medio periodo, invece, il numero uno degli industriali emiliani ribadisce la sua posizione a favore sia del 'price cap' europeo sia del progetto del rigassificatore a Ravenna. 'Il costo dell'energia è quello che ci mette più in difficoltà - conferma Caiumi - perché siamo un territorio manifatturiero con export e quindi ci confrontiamo con Paesi nel mondo che hanno costi dell'energia imparagonabili rispetto al nostro. Questo è un handicap che ci portiamo dietro'.


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Economia - Articoli Recenti
Effetto Ucraina: calano del 6,2% le ..
Insieme a quelle del tessile abbigliamento trainano al ribasso il saldo delle imprese attive..
28 Gennaio 2023 - 02:05
Migranti, tornano a pieno regime i ..
Più della metà, circa 44.000, saranno destinati a lavori stagionali soprattutto in ..
27 Gennaio 2023 - 12:50
Legacoop Estense, staffetta alla ..
Alla vicepresidenza confermata Francesca Federzoni (Politecnica) ed eletto Daniele ..
26 Gennaio 2023 - 16:42
Benzinai revocano il secondo giorno ..
Le sigle Fegica e Figisc annunciano lo stop all'agitazione 'a favore degli automobilisti, ..
25 Gennaio 2023 - 18:27
Economia - Articoli più letti
Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l'intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38
Bper, correntisti ex dipendenti ..
'Se Bper non manifestasse un reale interesse a mantenere le migliaia di correntisti tra ..
03 Dicembre 2019 - 17:52