Coop Alleanza, chiusura sede viale Virgilio: sindacati sul piede di guerra
Acof onoranze funebri
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Acof onoranze funebri
articoliEconomia

Coop Alleanza, chiusura sede viale Virgilio: sindacati sul piede di guerra

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Fulmine a ciel sereno. Nessun minimo accenno era stato fatto su una scelta di tale portata anche in occasione dell’incontro nazionale tenutosi a Bologna'


Coop Alleanza, chiusura sede viale Virgilio: sindacati sul piede di guerra
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'A sorpresa, senza nessuna avvisaglia, è stato comunicato lo scorso 5 luglio ai sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, e alle lavoratrici ed ai lavoratori che verrà chiusa la sede storica di Coop Alleanza in viale Virgilio 20 a Modena. Nessun minimo accenno era stato fatto su una scelta di tale portata anche in occasione dell’incontro nazionale tenutosi a Bologna, solo qualche settimana fa, tra le Rappresentanze Sindacali Unitarie Nazionali e la Direzione di Coop Alleanza 3.0. Alla sede modenese afferiscono oltre 300 lavoratori, senza contare tutti quelli in appalto che si occupano delle pulizie e della vigilanza'. Così in una nota unitaria i sindacati sull'annuncio dato a sorpresa da parte del colosso cooperativo.

'A detta della Direzione aziendale la decisione di dismettere la sede di viale Virgilio sarebbe coerente con gli indirizzi strategici del piano industriale della Cooperativa.

La sede sarebbe ormai sovradimensionata e poco efficiente sul piano energetico e ambientale. Secondo Coop Alleanza il piano prevede comunque il mantenimento dei liveli occupazionali. In primis discutiamo la modalità con cui Coop Alleanza 3.0 ha deciso di affrontare questa situazione – affermano Laura Petrillo (Filcams Cgil Modena), Alessandro Martignetti (Fisascat Cisl Emilia Centrale) e Lorenzo Tollari (Uiltucs Uil Modena e Reggio Emilia) - comunicandoci le cose senza alcun confronto preventivo e senza alcuna volontà di confrontarsi su eventuali soluzioni alternative come l’individuazione di una sede più piccola che possa essere coerente con il numero di dipendenti della sede di viale Virgilio e più performante dal punto di vista energetico.

La Cooperativa, invece, in continuità con il discutibile modello di relazioni sindacali in uso da qualche anno, ha scelto la strada della “comunicazione a cose fatte” senza tenere in considerazione che quella decisione, indipendentemente, dalle semplificazioni della Direzione aziendale, avrà ricadute non solo sui lavoratori, ma sull’impoverimento di tutto il territorio modenese perché quando si chiude un posto di lavoro si causano effetti diretti sulle lavoratrici ed i lavoratori coinvolti ed indiretti sull’intero indotto'.

Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil ritengono discutibile anche la dichiarazione semplicistica che i livelli occupazionali verranno mantenuti. 'Certo verranno mantenuti. Ma il come non è nè banale nè scontato. Ci saranno lavoratori che dovranno spostarsi presso le sedi di Anzola Emilia o Reggio Emilia con implicazioni fortemente peggiorative di conciliazione tempi di vita e di lavoro (pensiamo ad esempio a chi ha figli piccoli o anziani da accudire), e per gli aggravi economici che deriveranno dagli spostamenti. La soluzione dell’impresa sarà quella di un uso ancora più “spinto” dello smart woking – continuano i sindacalisti Petrillo, Martignetti e Tollari - che, a questo punto non sarà più un’opzione, ma una scelta obbligata poiché anche le sedi di lavoro limitrofe che stanno approntando negli ipermercati di Grandemilia, Portali e Borgogioioso non saranno sufficienti ad assorbire i numeri dei dipendenti coinvolti da questa dismissione. Per non dire, che quegli spazi che negli ipermercati verranno messi a disposizione di questa riorganizzazione saranno gli stessi che, finora, sono stati anche utilizzati per riunire in assemblee sindacali i lavoratori degli ipermercati, di fatto quindi la Cooperativa otterrà anche l’effetto di ridurre le agibilità sindacali per un numero importantissimo di dipendenti. Sarà un caso? Per come è stata gestita l’intera faccenda, temiamo di no' - commentano i segretari di Filcams, Fisascat e Uiltucs.

Inoltre, i sindacati esprimono forti perplessità anche in relazione all’uso “spinto” della modalità di lavoro in smart working che può innescare rischi di isolamento e anche di arretramento per la condizione delle donne sempre più ricacciate tra le mura domestiche. E non convince neanche la dichiarazione che la dismissione della sede permetterà una riduzione dell’impatto ambientale, 'poiché immaginiamo che procederanno alla sua vendita e non abbiamo ad oggi certezza che chi la acquisterà farà gli opportuni investimenti, quegli stessi che la Cooperativa ha scelto di non fare' - aggiungono.
'Ma quello che è certo, è il rischio che ci siano lavoratori che dovranno coprire distanze più lunghe per arrivare alla sede di lavoro e tornare indietro, quindi inquinando di più e impiegando più tempo.
Nel comunicato stampa dell’azienda, si legge ancora: che in questi anni la Cooperativa si è mossa per innovare in modo importante rispetto al tema luoghi di lavoro. Verrebbe da rispondere che l’innovazione che hanno deciso di mettere in campo è quella di farli sparire i luoghi di lavoro, come hanno provato a far sparire i/le lavoratori a Reggio Emilia con la quasi totale estensione delle casse automatiche senza cassiere o esternalizzando il servizio della logistica di alcuni supermercati a Bologna con l’applicazione del contratto multiservizi non coerente con l’attività svolta. Secondo la Cooperativa, questa manovra le permetterà di essere più competitiva. Il problema è che l’attuale gruppo dirigente ha scelto di giocare la competizione non sulle proprie capacità imprenditoriali, ma tagliando costi vivi e senza investimenti reali, scegliendo la strada più facile e anche più breve perché non ci saranno sempre sedi da vendere o gioielli di famiglia da ipotecare. Ed è questo che preoccupa fortemente oltre alla deriva di un modello di Relazioni Sindacali che si riscontra solo tra i più beceri “padroni di lavoro”, che nulla ha a che vedere con la storia che questa Cooperativa ha avuto sul territorio. Storia che qualcuno ha deciso di cassare con un colpo di spugna in meno di due mesi e senza alcun rispetto delle lavoratrici e dei lavoratori, delle Rappresentanze sindacali e di quello stesso territorio che è sempre stato strategico per lo sviluppo della Cooperativa. Le lavoratrici e ai lavoratori riuniti in assemblea ieri pomeriggio hanno espresso forte preoccupazione e hanno manifestato la volontà di aprire lo stato di agitazione nei prossimi giorni, valutando quali iniziative mettere in campo per tutelare al meglio le loro condizioni di lavoro'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Economia - Articoli Recenti
Crisi Stellantis, crolla produzione. A Modena allarme Maserati (-73%)
Nello stabilimento Maserati di Modena, in particolare, si sono prodotte 160 vetture contro ..
08 Luglio 2024 - 19:57
Crisi Bellco, attesa per il tavolo ministeriale del 9 luglio
‘Mirandola e Mozarc devono essere una priorità nell’agenda del Governo, perché il ..
06 Luglio 2024 - 14:15
AssoBio in forte crescita: con 140 soci rappresenta oltre il 70% del valore del mercato italiano
Bilancio positivo dall’Assemblea dei soci, a Bologna. Lettera di intenti con il Consorzio ..
06 Luglio 2024 - 00:51
Economia - Articoli più letti
Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla speranza che i soci non chiudano i libretti
La Coop utilizza l'intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0: soci prestatori esigono risposte
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38
Bper, correntisti ex dipendenti Unipol sul piede di guerra
'Se Bper non manifestasse un reale interesse a mantenere le migliaia di correntisti tra ..
03 Dicembre 2019 - 17:52