Bologna, il vescovo Zuppi è cittadino onorario
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
articoliPolitica

Bologna, il vescovo Zuppi è cittadino onorario

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Bologna è la cultura che diventa cultura lavoro e intelligenza, accoglienza. Bologna non è una rotonda, ma un luogo d'incontro'


Bologna, il vescovo Zuppi è cittadino onorario
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Ricevere la cittadinanza onoraria' di Bologna 'non lo sento affatto come un traguardo. Per me è un compito continuare ad impegnarmi con i miei fratelli, per far somigliare sempre più Bologna a quella città che Dio ha progettato per ciascuno di noi. La Vergine di San Luca ci protegga e ci insegni a capire il legame che c'è tra la terra e il cielo. E Dio benedica Bologna'. Sono le parole dell'arcivescovo Matteo Maria Zuppi, che ha ricevuto oggi in Comune a Bologna la cittadinanza onoraria, a fianco del sindaco Matteo Lepore e della presidente del Consiglio comunale Maria Caterina Manca, votata con delibera approvata all'unanimità dal Consiglio comunale.

La sala del Consiglio di Palazzo d'Accursio era piena, per l'occasione c'era anche la sorella del cardinale, Cecilia, e lo stesso Zuppi scrive nel 'librone' delle cittadinanze onorarie a fine cerimonia: 'Grazie per questo 'noi' che mi ha accolto e che è la mia comunità'.

Anche durante il suo discorso nella sala del Consiglio, Zuppi cita spesso 'il noi' e spiega ricordando la storia del patrono: 'Bologna è il mio e il nostro noi, lo ricorda san Petronio. Ha sempre la città tra le mani, ce la presenta affinché nessuno si pensi come un'isola e ci ammonisce di servirla, non di usarla. Petronio la tiene stretta' Bologna, 'ma non la possiede. Perché la ama. Protegge tutti, senza distinzioni, perché sia per tutti, a partire dai più poveri, luogo di accoglienza e di riparo. Questa è sempre stata la forza di Bologna, che ho conosciuto e ho veramente apprezzato'. Rimarca Zuppi: 'Bologna è la cultura che diventa cultura lavoro e intelligenza, accoglienza. Bologna non è una rotonda, ma un luogo d'incontro. Un vero crocevia originale e creativo, che proprio per questo si rigenera completamente e rapidamente.

Non è mai la stessa, ma conserva questi caratteri profondamente perché sono radicati nell'umanesimo che qui viviamo'. Del resto, ricorda il cardinale, 'Bologna ha cambiato nei secoli tante mura e adesso le ha buttate giù, pur conservandone l'identità per non smarrirsi. Perché Bologna voleva crescere. Quando si ha paura si alzano barriere e muri, quando si guarda al futuro si abbattono. La sfida è proprio questa'.

Lepore ha sottolineato la capacità della città di accogliere rinnovandosi: 'Bologna è la città di riferimento della solidarietà e dell'impegno e non poteva che conferire questa cittadinanza onoraria a un suo cittadino, don Matteo, che per noi è molto importante ed è un punto di riferimento, il quale ci permette di tenere accesa la lanterna davanti- è la metafora del sindaco- senza lasciare indietro nessuno. Le collaborazioni che abbiamo portato avanti in questi anni' con Zuppi 'e il senso di comunità che abbiamo hanno portato il Consiglio comunale a votare all'unanimità l'assegnazione della cittadinanza onoraria' al cardinale. Lepore ha citato poi 'la lettera aperta' alla Costituzione italiana di Zuppi, 'che- continua il primo cittadino- sostiene punti programmatici decisivi per lo sviluppo del nostro paese, tra cui il lavoro, la democrazia, la scuola, la salute. Bologna come 'ascensore sociale' è intesa come la città che aiuta le persone a crescere, ad avere la possibilità di un lavoro dignitoso'.
'Bologna è un esempio nel nostro paese di questo: una terra cercata da tanti come luogo di opportunità, che grazie ai suoi servizi e alla sua sanità riesce a tenere insieme la coesione sociale. È una conferma di quello che abbiamo visto anche recentemente'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


e-work Spa
Politica - Articoli Recenti
La piazza di Massimo
Dopo la prima festa alla sede elettorale il neo sindaco Mezzetti saluta e ringrazia gli ..
11 Giugno 2024 - 02:39
Modena, ecco i nomi del nuovo Consiglio comunale
Il nuovo consiglio comunale di Modena è formato da 22 consiglieri di maggioranza, 8 ..
10 Giugno 2024 - 23:06
Voto a Modena: Mezzetti al 63%. Negrini si ferma al 28%
Segue la Modena al 3,16%, Mvp all'1,6%, Daniele Giovanardi all'1,4%, Chiara Costetti ..
10 Giugno 2024 - 21:11
I sindaci eletti in provincia di Modena
L'elenco dei 31 comuni della provincia di Modena al voto con i rispettivi sindaci eletti e ..
10 Giugno 2024 - 21:00
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58