Studio Aurora - Cerca la casa dei tuoi sogni
Italpizza
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Attestazione Idoneità Finanziaria per imprese di Autotrasporto Conto Terzi
notiziarioLa Nera

Degrado zona Nonantolana Modena, drammatica lettera a sindaco e prefetto

La Pressa
Logo LaPressa.it

Cinquanta firme di residenti. Mentre stiamo scrivendo, al parco una quarantina di persone fanno cena e musica e ci sono almeno 2 venditrici abusive con trolley


Degrado zona Nonantolana Modena, drammatica lettera a sindaco e prefetto
Una lettera inviata al prefetto, al sindaco di Modena, al questore, al comandante dei carabinieri, al comandante della Guardia di Finanza e al comandante della polizia municipale per denunciare la situazione di degrado e di insicurezza in cui versa via Nonantolana a Modena. La petizione che unisce le firme di 50 persone, solleva gli atavici problemi della zona.

Autorità della città, siamo i cittadini che abitano la parte di Modena più prossima al centro Storico, di là dalla ferrovia, nel quadrilatero tra Via Nonantolana, Via del Lancillotto il Parco XXII Aprile e le scuole Elementari Collodi. Pur essendo un'area degradata ormai da tempo non siamo mai saliti, per fortuna, in vetta alle cronache giornalistiche, forse perché di quest'area non si interessa nessuno.

Eppure l'abbandono a cui sono lasciate le strade, il verde pubblico, i rifiuti sono sotto gli occhi di tutti, non c'è bisogno di tanto cercare e nemmeno di raccontare dato che l'amministrazione comunale dovrebbe già sapere la scarsità di interventi manutentivi e di controllo in zona.
Lo diciamo spesso che qui, persino i bidoni della spazzatura sono diversi che altrove. Basta scendere dai due cavalcavia e ci si rende conto che l'attenzione verso il decoro è ben diversa. Qualcuno dia un occhio al sotto strada della Via Nonantolana civici 85 — 143 e ci dica se è 'normale' che un angolo di città sia lasciato in questo modo. Oggi, però, non è solo più l'abbandono a noi stessi, la sporcizia, il degrado, la poca pulizia che ci preme sottolineare.

Ormai le frequentazioni di questa zona rispecchiano ciò che è il Parco XXII Aprile che sta sconfinando anche sulla parte sud.

Ed è cosi che spacciatori e tossicodipendenti ormai arrivano sino sotto le nostre abitazioni, per spacciare e per bucarsi e, per ultimo, urinare li sotto il nostro naso. Persino qualche prostituta comincia a mostrarsi all'altezza dei palazzi 85-143.
In diverse occasioni, durante la notte, le auto parcheggiate sotto casa sono state aperte e da esse sono state prelevate sciocchezze, ma il mattino seguente abbiamo dovuto constatare i danni e pagare le riparazioni.
Già dalle prime ore del mattino (a volte anche alle 5) e sino a tarda sera gruppi di ragazzi stazionano nelle aree più nascoste e lì si ubriacano, si bucano lasciando per terra tutto ciò che è servizio al loro sballo. Non è meglio la situazione di disagio che viene creata alle abitazioni che danno proprio sul parco XXII Aprile dove, lo sapete tutti, che decine e decine di spacciatori fanno staffetta durante tutta la giornata e la notte. Ubriachi sono presenti ad ogni ora; sulle panchine spostate e sui tavoli approntati si gioca d'azzardo, si consumano alimenti e bevande alcoliche.

Eppure ogni forza dell'ordine, che raramente passa, non vede nulla perché le attività continuano come se fossero legalmente riconosciute ed autorizzate. Quest'estate, molto calda, che un po' ci ha preservato dal gioco del cricket e dagli assembramenti che ne derivavano nonché dal gabinetto a cielo aperto che diventavano le nostre siepi (a volte quando la calura non era insopportabile c'era anche questo), ci ha regalato le feste di gruppo con bevande alcoliche a gogo e musica ad alto volume.
Anche in tali occasioni non sporadiche (tutte le sere i passaggi delle pattuglie delle forze dell'ordine (poche ad onore del vero) sono state 'guardo e passo'. E la sera dopo la situazione è sempre stata la medesima. Mentre stiamo scrivendo questo esposto, al parco, circa una quarantina di persone fanno cena e musica e ci sono almeno due venditrici abusive con trolley e borse piene di cibo preparato e birre. Da ieri sera, in cui la situazione era la medesima ed abbiamo visto passare una pattuglia della Polizia municipale non è cambiato niente. Che poi non si capisce come sia ammessa l'arroganza di chi nell'illegalità più totale possa spostare tutte le panchine del parco (sottraendole a chi se ne serviva) per creare una sorta di quartier generale dal quale dirigere le proprie attività fuori da ogni regola legislativa e civile.

Punto strategico, tra l'altro, dal quale sono ben visibili i punti da cui accedono le pattuglie di controllo (ribadiamo: poche e sporadiche). Mettiamo a disposizione due casi particolari: in data 10.09.2021 una delle sottoscritte reclamanti ha chiamato il 112 (che ha passato la Polizia di Stato) perché era stata svegliata dalle urla concitate di 6 soggetti che al Parco si strattonavano. L'operatrice ha chiesto alla reclamante se fosse proprio sicura che le persone stessero litigando o se invece stessero parlando tra loro. Come se fosse assolutamente normale che un gruppo di persone possano disturbare la quiete pubblica a quell'ora. Come se non fosse dovere dell'organo di polizia andare a vedere quale fosse la situazione. La stessa mattina la reclamante nella sua camminata mattutina al parco, intorno alle 8, scattava alcune foto dello sporco (bottiglie e resti di cibo lasciati dalla festa alcolica serale e quotidiana. Per questo veniva seguita da due soggetto in biciletta uno dei quali facendo il segno del taglio della gola gridava verso di lei 'attenzione, attenzione'.

Al Parco poi ci sono le venditrici abusive di cibi e bevande. Si tratta di persone straniere che cucinano cibi classicamente africani per andare poi a distribuirli al Parco (ovviamente a pagamento). Alcune abitazioni sono divenute un punto di riferimento. Si tratta, per ciò che noi abbiamo potuto vedere nella nostra zona, di 2 abitazioni e precisamente Via Nonantolana n. 113 int. 4 e Via Nonantolana n. 85 interno 11. In tali abitazioni si cucina continuamente ed addirittura si griglia nel cortile per giornate intere. Da lì partono le persone con trolley e borse pieni di bevande e cibo e si recano al Parco per la vendita. Nelle stesse abitazioni c'è un grande via e vai di persone sconosciute ai condomini dove dormono anche solo per una notte. Le autorimesse di tali abitazioni vengono utilizzate come magazzini di bevande (birre ma anche superalcolici) dove persone sconosciute vengono attingere in diversi momenti della sera e della notte. Attività del tutto abusive che servono materie di conforto agli spacciatori del parco. Un paradossol Laddove i controlli dovrebbero essere minuziosi e risolutivi.
Pur nella consapevolezza di organici all'osso, di difficoltà operative e di normative carenti, sollecitiamo tutte le Autorità di Modena a prendere atto della situazione e di mettere in campo ciò che è necessario per riportare la vita, da queste parti, in una condizione almeno decente. Confidiamo che il signor Prefetto possa stimolare interventi mirati e dare le giuste indicazioni per riportare la zona in una situazione di ragionevole civiltà e legalità.


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

La Nera - Articoli Recenti
Violenza donne, ammonimenti questore ..
22 sono stati i provvedimenti adottati su istanza della vittima e 45 quelli scattati a ..
25 Novembre 2022 - 18:27
Malore improvviso, muore mamma di 39 ..
Lucia Piccioli lascia la figlia, il marito, i genitori e la sorella. I funerali saranno ..
25 Novembre 2022 - 13:39
Omicidio Alice Neri, sindaci di ..
Luca Prandini: 'Desidero esprimere, a nome di tutta la comunità concordiese, il dolore per ..
25 Novembre 2022 - 12:48
Budrio, 13 irregolari e 10 ..
In un capannone a Budrio, sede di 4 ditte individuali, delle quali 3 sconosciute al fisco
25 Novembre 2022 - 11:22
La Nera - Articoli più letti
L'orrore di Reggio: bambini affidati ..
Dall'inchiesta condotta dai Carabinieri emerge una realtà inquietante, da film horror. Due ..
28 Giugno 2019 - 09:33
Orrore Bibbiano, la Bolognini e gli ..
Ed ecco il video integrale del convegno, patrocinato dalla Regione, 'Quando la notte abita ..
29 Luglio 2019 - 07:00
Bibbiano, minore usata come 'cavia' ..
La lettura della ordinanza del Gip. Il caso della ragazza che mai risulta essere stata ..
04 Agosto 2019 - 15:14
Da Pavullo a Sassuolo, partorisce in ..
E' successo nella notte, protagonista una donna residente nell'alto Frignano. Dopo il ..
18 Febbraio 2018 - 22:39