La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliPolitica

'Medaglia d'oro al valor militare, un impegno da onorare ogni giorno'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Lo ha affermato il Sindaco di Modena nel consiglio comunale straordinario per i 70 anni dell’onorificenza alla città di Modena. Il resoconto della seduta


'Medaglia d'oro al valor militare, un impegno da onorare ogni giorno'

La Medaglia d’oro al valor militare è da settant’anni per Modena e i modenesi “un motivo di orgoglio, un simbolo dell’identità collettiva ma soprattutto un impegno da onorare ogni giorno e per gli anni a venire”.
Lo ha affermato il sindaco Gian Carlo Muzzarelli nel corso del Consiglio comunale straordinario di venerdì 8 dicembre dedicato alla celebrazione dell’anniversario del conferimento dell’onorificenza avvenuto proprio l’8 dicembre del 1947. Quel giorno il presidente della Repubblica Enrico De Nicola appuntò la Medaglia d’oro al valor militare al gonfalone della città di Modena nel corso di una cerimonia davanti al Palazzo ducale, dove in quello stesso giorno rientrava l’Accademia militare. Con il sindaco Alfeo Corassori, vi presero parte anche Luigi Luongo, membro della Costituente, e Marcello Sighinolfi “Mirko” della Brigata partigiana Walter Tabacchi.

Al Consiglio straordinario, presieduto dalla presidente Francesca Maletti, sono intervenuti il prefetto di Modena Patrizia Paba e il presidente della Regione Stefano Bonaccini. Hanno partecipato i rappresentanti dell’Anpi, con la presidente Aude Pacchioni, e delle associazioni combattentistiche oltre a numerose autorità, tra le quali anche il senatore Stefano Vaccari, il comandante dell’Accademia militare Stefano Mannino, il procuratore capo Lucia Musti, il questore Filippo Santarelli. Presenti anche i consiglieri regionale Giuseppe Boschini ed Enrico Campedelli.

La Medaglia, ha sottolineato il sindaco, “fu innanzitutto un riconoscimento al coraggio, al sacrificio e al valore dei partigiani combattenti e un omaggio alle donne e agli uomini della nostra città che a prezzo o a rischio della propria vita l’avevano fatta nascere libera e democratica. Oggi in Italia e in Europa – ha proseguito – riemergono simboli, parole d’ordine, organizzazioni che speravamo di avere consegnato alla storia, con il loro seguito di atti violenti, di odio razziale e sessuale, di disprezzo dei deboli, di spregio della democrazia. Non sono episodi di nostalgia o fenomeni figli dell’ignoranza. Di fronte a questi inquietanti fenomeni – ha concluso Muzzarelli – la politica e le istituzioni democratiche hanno il dovere di interrogarsi e di reagire con tutti gli strumenti legali per fermare il pericolo, prima che sia tardi”. 

Introducendo la seduta del Consiglio, la presidente Maletti ha sottolineato il ruolo di Modena e di tutta la provincia furono fondamentali nella lotta di liberazione. La presidente Maletti, alla presenza di alcuni dei loro familiari, ha poi ricordato i sette modenesi che nella guerra di liberazione persero la loro vita e l’8 dicembre 1947 ricevettero la medaglia d’oro al valor militare: Mario Allegretti, Gabriella Degli Esposti, Selvino Folloni, Alcide Garagnani, Demos Malvasi, Emilio Po, Walter Tabacchi. 

Il Prefetto Paba riporta il messaggio del Presidente della Repubblica, del Presidente del Consiglio e del Ministro della difesa 

L’importanza della memoria l’ha sottolineata anche il prefetto Patrizia Paba prima di riportare il saluto del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha ricordato l’altissimo valore civile della ricorrenza, e leggere alcuno brani dei messaggi del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e del ministro della Difesa Roberta Pinotti. Gentiloni ha ricordato l’apporto dei cittadini modenesi alla Resistenza e ha sottolineato l’importanza di “proseguire nel percorso di memoria condivisa dei nostri valori più profondi. Quei valori su cui, ancora oggi, è fondata saldamente la nostra Repubblica”, mentre per Pinotti “se oggi possiamo assaporare a pieno i frutti della democrazia e della libertà, lo dobbiamo a chi allora lottò e non esitò a sacrificare la vita. Ma come alcuni episodi degli ultimi mesi dimostrano, nulla è per sempre”. Da qui l’importanza di tenere vivi i “valori di solidarietà, unità, sacrificio, amore per la Patria, propri non solo del passato ma anche del presente, nella vita quotidiana, e del futuro, nelle nuove generazioni”.

 

L'intervento del Presidente della Regione Stefano Bonaccini

L’8 dicembre 1947 la Medaglia d’oro al valore militare concessa al gonfalone della città di Modena, suggellava un patto tra il nuovo Stato e i suoi nuovi cittadini e dichiarava le donne e gli uomini che avevano dato vita alla Resistenza “padri fondatori della Costituzione e della Repubblica italiana”.

Così il presidente della Regione Stefano Bonaccini al termine degli interventi che si sono succeduti nel corso del Consiglio comunale straordinario per celebrare i 70 dall’assegnazione della Medaglia d’oro alla città di Modena.

“Quelle donne e quegli uomini – ha detto Bonaccini – avevano maturato una scelta di campo dopo l’8 settembre al di fuori di quelle aule scolastiche e di quelle istituzioni che sono oggi il primo, principale, baluardo al cospetto delle nuove e subdole forme di fascismo; giovani donne e uomini che nella clandestinità, nelle poche parole bisbigliate negli spazi segreti sottratti al regime di occupazione tedesca e di collaborazione della Repubblica sociale italiana, avevano concepito l’idea di un futuro diverso e rafforzato l’ambizione di costruirlo. Un antifascismo – ha proseguito il presidente – popolare prima ancora che intellettuale, sopravvissuto alla dittatura fascista, alla privazione delle libertà, alla persecuzione dei diritti e delle vite nella certezza che un mondo altro e diverso fosse possibile. Questi giovani avevano scelto di dedicare la loro vita alla realizzazione di un nuovo progetto di società e avevano accettato la responsabilità di farsi costruttori di quel sogno e di quel progetto. È con loro che la Medaglia d'oro suggellava un patto dichiarandoli, prima di chiunque altro, Padri fondatori della Costituzione e della Repubblica italiana”.

Gli interventi dei gruppi consiliari

Per il Pd, Andrea Bortolamasi ha sottolineato che giornate come questa “sono il patrimonio più importante con cui affrontare le sfide di un mondo sempre più complesso. Soprattutto in questi giorni nei quali la nostra città è stata scelta come teatro per una manifestazione di stampo neo-fascista e xenofoba. L’ennesima provocazione a cui noi ribadiamo con forza, dall’aula della massima istituzione democratica della città, che Modena, democratica e antifascista, rifiuta qualsiasi forma di intolleranza, violenza fisica e verbale. Le democrazie si fondano su una gerarchia di memorie, cioè sulle scelte e sui valori che vengono dalla nostra storia, e la nostra scelta è continuare a perseguire il bene comune, nel solco della democrazia, resa possibile 70 anni fa dalle scelte di chi ha permesso alla nostra città di ribellarsi dal giogo nazi-fascista”.

Per Andrea Galli, FI, “le libertà sancite dalla Costituzione devono essere conquistate giorno per giorno, non date per acquisite; questa libertà di manifestare il proprio pensiero deve essere confermata anche dal confronto con le idee degli altri, anche se sono idee da cui dissentiamo e credo che il diritto di manifestare sia pari al nostro diritto di non condividere e non partecipare a quella manifestazione”. Facendo riferimento all’iniziativa prevista per il 15 dicembre Galli ha affermato: “Io non parteciperò, ma hanno diritto a svolgerla rispondendo di eventuali violazioni. Cortei e iniziative culturali non possono esser negati a priori perché il restringimento della libertà di tutti inizia proprio dal restringimento della libertà di alcuni. E se li limitiamo, andiamo contro la nostra stessa Costituzione”.

Francesco Rocco, ArtUno-Mdp-Per me Modena, ha evidenziato che “le ragioni che portarono allora donne e uomini a sacrificare sé stessi in nome di ideali superiori trovano ogni anno ragioni per rinnovarsi e confermarsi attraverso la nostra azione politica e la nostra capacità di occuparci della città e dei problemi della gente. Anche dopo settant’anni dobbiamo avere la forza di schierarci senza esitare dalla parte delle vittime e questo oggi vuol dire combattere la povertà in tutte le forme: dire no al welfare che viene smantellato, alla sanità privata, all’istruzione per pochi, alla finanza che sbrana l’economia reale, al lavoro che non è più un diritto difendibile e non assicura a chi lo svolge la degna sussistenza né la possibilità di progettare il proprio futuro. La Resistenza di oggi è schierarsi a difendere i valori della nostra Costituzione, renderli fattuali, concreti e fruibili per tutti”.

Partendo dalla vicenda dell’esecuzione dei venti ostaggi prelevati dal carcere di Sant’Eufemia e fucilati dai tedeschi in piazza Grande, nel luglio 1944, Mario Bussetti per il M5s, ha affermato che “la storia ci deve insegnare che la politica si fa solo con il contatto e l’ascolto della vita quotidiana delle persone. In caso contrario, anche il 70 rischia di rimanere solo un numero”. Per portare avanti i valori che contraddistinguono Modena “serve a poco ragionare di sinistra, destra, rossi o neri. Oggi celebriamo l’unico colore che dovrebbe identificare questa città: l’oro della medaglia che porta appuntata al petto, orgogliosa per tutti quei gesti di libertà dei suoi cittadini. Per costruire un futuro all’altezza delle migliori qualità dei modenesi dobbiamo impegnarci a fondo per tutelare l’iniziativa, lo spirito critico e lo sguardo lungo dei nostri concittadini, e per rendere l’inclusione basata sul bene comune una scommessa vinta da questa città”.

Antonio Montanini di CambiaModena ha affermato che spesso, quando si parla dei valori della Resistenza, “ci si trova in contrapposizione, come se la ferita non fosse ancora ricucita. Ma il nostro Stato è nato da una Costituzione promossa dal Cln che rappresentava tutta la società civile e politica che si riconosceva nell’antifascismo: i valori della Resistenza quindi non sono proprietà di qualcuno ma di tutti. E più che mai il richiamo a questi valori è un argine al ritorno, oggi attuale come dimostra la vitalità ritrovata dei movimenti neofascisti, dei miti delle dittature. La medaglia d’oro è dunque l’atto costitutivo della nostra comunità: non solo un ricordo da celebrare ma un simbolo che ci assegna la responsabilità di portare avanti i valori fondamentali della libertà e della democrazia soprattutto perché dietro la medaglia c'è il sacrificio dei nostri partigiani e giovani, determinati a dire no alla tirannia e sì alla libertà”.


Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
C'è chi sta 'gufando' sul Vasco Modena Park
Politica
15 Giugno 2017 - 17:58- Visite:4176
Punto nascite Pavullo,  passa l'istanza per il riesame della deroga
Politica
30 Marzo 2018 - 01:34- Visite:3414
'Sciammannato', 'bisogna picchiarlo': frasi shock sul comandante PM
Politica
05 Maggio 2020 - 12:48- Visite:2966
Ma è necessario che Checco Zalone salga in cattedra in Consiglio?
Parola d'Autore
19 Ottobre 2019 - 12:27- Visite:2778
Lega Castelfranco, si dimette anche il secondo consigliere 'ribelle'
La Provincia
09 Maggio 2020 - 15:32- Visite:2235
Modena, da un anno le sedute del Consiglio comunale sono... ..
Politica
18 Febbraio 2020 - 23:56- Visite:2008
Politica - Articoli Recenti
Bus sovraffollati a Modena e in ..
A Modena è il tratto per Soliera, con la linea 550, ad aver ricevuto la maggior parte ..
06 Ottobre 2020 - 13:02- Visite:271
'Modena, violenze e rapine commesse ..
'Gli ultimi gravissimi episodi accaduti a Modena devono lasciare un segno indelebile nella ..
06 Ottobre 2020 - 12:51- Visite:913
'Modena dopo 3 anni delle quattro ..
Modena Volta Pagina: 'Nel 2017 il Comune decise di promuovere la realizzazione di 4 nuove ..
06 Ottobre 2020 - 11:28- Visite:394
'Inceneritore Modena per la Regione ..
Barcaiuolo: 'Ad oggi è possibile incenerire i suddetti rifiuti a patto che Hera limiti i ..
06 Ottobre 2020 - 11:17- Visite:238


Politica - Articoli più letti


'Vaccini, ecco il rapporto tra la ..
Esposto del Codacons all'Autorità nazionale anticorruzione
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:145676
Segretario Pd: ‘Votare Lega ..
Gianluca Fanti, segretario Pd Madonnina si lancia in ardite affermazioni
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:103536
'Commissione Bibbiano, M5S inizia ..
Il capogruppo di Forza Italia in Regione Andrea Galli critica la richiesta di soggetti da ..
07 Agosto 2019 - 14:23- Visite:76726
Autostrade, la concessione resta: la ..
La neo ministro De Micheli, è stata una delle principali animatrici del laboratorio di ..
08 Settembre 2019 - 11:50- Visite:71561