La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliSocieta'

Al via il porta a porta, anzi no

Data: / Categoria: Societa'
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

Lettori ci scrivono (e segnalano a Hera) il caos generato dal mancato e promesso avvio del nuovo servizio. I casi di Vaciglio e Crocetta


Al via il porta a porta, anzi no
Dalla zona di Vaciglio e di strada Collegarola alla Crocetta, centinaia di famiglie, con i propri rifiuti, non sanno più cosa fare. Portarli via è diventato un dilemma e fonte di stress, anziché rimanere un normale rito quotidiano. Almeno da quando sarebbe dovuto entrare in vigore il nuovo servizio di raccolta porta a porta. Sarebbe. Perché, per esempio, dopo la distribuzione a fine settembre dei nuovi kit con bidoncini e sacchetti differenziati per colore e per tipologia di rifiuti, e la contestuale annunciata rimozione dei cassonetti tradizionali con le diverse categorie di rifiuti, nulla in realtà è successo. Nelle due aree indicate (dove sono state scattate le foto), niente si è mosso. Ovvero i vecchi e grandi bidoni ci sono ancora, mentre dovevano essere tolti, e allo stesso tempo non c'è nessun operatore che proceda con la raccolta porta dei rifiuti lasciati davanti a casa, come era stato annunciato.

Insomma tutto fermo, anche se nessuno ha ufficializzato il fatto che il servizio non sarebbe partito o sarebbe stato rinviato ad un'altra data. Formalmente il servizio c'è ma nei fatti non c'è e nessuno, a quanto pare, spiega il perché. Chi ci ha scritto, documentando con foto la mancata raccolta, lo ha fatto scrivendo anche ad Hera. Così come lo hanno fatto in zona Crocetta. Ma le risposte fornite della multiutility sarebbero state differenti a seconda del quartiere. Comunque non proprio esaustive. Nella zona di Vaciglio, stando a quanto riferito dagli utenti che ci hanno contattato, Hera ha risposto alle segnalazioni sui rifiuti differenziati non raccolti, affermando di prendere in carico il problema riscontrato, mentre nella zona Crocetta sarebbe stato risposto di continuare con il metodo tradizionale fino alla rimozione dei cassonetti che a quel punto obbligherebbe per forza di cose all'utilizzo dei bidoncini da casa e ai sacchetti da lasciare nei punti indicati a bordo strada.

Fatto sta che a ormai un mese dal mancato avvio promesso, rimane tutto come prima. Gli irrudicibili hanno provato e riprovato a lasciare davanti a casa il sacchetto con i rifiuti differenziati, prima gialli e poi azzurri, nella speranza che qualcuno li raccogliesse, come se il porta a porta funzionasse davvero. Invece no. Speranza delusa. Ed è così che visto che i cassonetti tradizionali ci sono ancora, si utilizzano, abbandonando per un altro pò l'uso di quelli da casa. Si fa come si è sempre fatto. Gireremo anche noi gli stessi quesiti ad Hera. Nel frattempo ricordiamo le indicazioni fornite dal Comune sulle diverse tipologie di raccolta.  Un passaggio che, tra le alre cose, preoccupa anche gli anziani, soprattuto se soli o con qualche problema fisico. I bidoni da riempire a casa per poi essere lasciati ogni settimana davanti alla propria abitazione, sono pesanti e, soprattutto per quello della racconta indifferenziata, ingombranti, molto ingombranti.

Sono due le modalità di raccolta dei rifiuti: la raccolta porta a porta integrale e un modello misto di raccolta stradale e di porta a porta. Il porta a porta integrale interessa le zone artigianali e industriali e le aree rurali, dove è già consuetudine da vari anni e dove, dunque, i servizi resteranno sostanzialmente invariati, e il centro storico dove i contenitori stradali dell’indifferenziato, del vetro e dell’organico verranno sostituiti da contenitori individuali e questi rifiuti saranno ritirati porta a porta, come già avviene per le raccolte di carta e di plastica e lattine (che rimarranno invariate).

Nelle zone residenziali della città, invece, sarà introdotto il modello misto: verranno collocati contenitori stradali di nuova concezione che i cittadini potranno aprire attraverso l’uso di una tessera, la Carta Smeraldo. Questa verrà consegnata a tutti i cittadini, sia domestici sia non domestici, a prescindere dalla zona di residenza: tutti i modenesi, quindi, potranno utilizzare all’occorrenza i contenitori stradali presenti sul territorio comunale. Oltre che per azionare i cassonetti, la Carta Smeraldo servirà anche per accedere ad altri servizi, come ad esempio alle stazioni ecologiche. Arriveranno anche nuovi contenitori stradali per la raccolta degli sfalci e cassonetti per il vetro, mentre la raccolta di carta e di plastica e lattine diventerà porta a porta.


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Caf Italia

Societa' - Articoli Recenti
Frana nel bolognese: due case ..
Il dissesto interessa una zona particolarmente estesa, dove si affacciano alcune abitazioni,..
06 Febbraio 2023 - 17:00
Polizia locale in lutto, muore ..
Morto a 56 anni il commissario della polizia locale di Parma Massimo Marchinetti colpito da ..
06 Febbraio 2023 - 16:05
Invisibili e reazioni avverse: oltre ..
La conferenza è stata organizzata e promossa dalle associazioni Modena Libera, Danni ..
06 Febbraio 2023 - 08:49
Il gioco della Sacca: i problemi del ..
L'iniziativa dei residenti riadatta il gioco dell'oca per mantenere alta l'attenzione sulle ..
05 Febbraio 2023 - 12:36
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green ..
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39