Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
articoliSocieta'

Cancro gastrico, studio modenese fa luce su nuove terapie

La Pressa
Logo LaPressa.it

Lo studio vuole verificare il ruolo della proteina CD73 nello sviluppo del cancro gastrico e il suo significato in ambito terapeutico


Cancro gastrico, studio modenese fa luce su nuove terapie
L’Azienda ospedaliera di Modena, con la Struttura complessa di Chirurgia d’urgenza e oncologica del Policlinico, diretta dalla professoressa Roberta Gelmini di Unimore, è impegnata nella ricerca sul cancro gastrico, che costituisce la sesta neoplasia più comune in tutto il mondo con 140.000 casi diagnosticati nel 2018 in Europa. Lo studio è tra i 6 finanziati dal Gruppo italiano ricerca cancro gastrico (GIRCG), e indagherà il ruolo della proteina CD73 nello sviluppo del cancro gastrico e vedrà impegnati il dottor Massimiliano Salati, dell’Struttura complessa di oncologia diretta dal professor Massimo Dominici, e il dottor Luca Reggiani Bonetti, della Struttura complessa di anatomia e istologia patologica diretta dal professor Antonino Maiorana, oltre ai dottor Nicola De Ruvo, Francesco Serra e Lorena Sorrentino afferenti alla Struttura complessa di chirurgia generale d’urgenza e oncologica.
Lo studio (Referenti scientifici: Massimiliano Salati e Francesco Serra), in collaborazione con le Università di Verona e Siena, prevederà la selezione di un campione di 100 pazienti affetti da adenocarcinoma gastrico o della giunzione gastro-esofagea, avanzato e operabile, sottoposti a resezione gastrica parziale o totale con intento radicale nell’arco temporale 2018-2020. Su questi campioni verrà effettuato uno studio immunoistochimico con lo scopo di valutare la crescita della massa tumorale in base alla quantità di proteina CD73 presente.

“Come avviene nella totalità dei tumori – commenta Roberta Gelmini – anche nella neoplasia dello stomaco la prevenzione e diagnosi precoce sono aspetti fondamentale. Fattori di rischio per i tumori gastrici sono rappresentati dal tabagismo, così come da determinate abitudini alimentari e, estremamente importante, dalll’Helicobacter pylori. Quest’ultimo aumenta infatti di 6 volte il rischio di ammalare di carcinoma gastrico. Tra l'1% e il 3% dei casi sono dovuti a sindromi genetiche ereditarie.
La chirurgia riveste un ruolo fondamentale nella terapia del carcinoma gastrico ma iI trattamento delle neoplasie gastriche è multidisciplinare. L’associazione di chirurgia e chemioterapia permette di raggiungere i risultati migliori e non può prescindere da una stretta e continua collaborazione tra i chirurghi e oncologi. Nel nostro centro ogni caso viene discusso collegialmente per stabilire il più adeguato percorso diagnostico-terapeutico. Così come in ambito clinico, la stessa collaborazione tra oncologi, anatomopatologi e chirurghi si concretizza nella realizzazione di progetti di ricerca che possano migliorare, nella pratica clinica, la diagnosi e la terapia del cancro gastrico. Con questo spirito è nato il progetto che ha vinto la selezione alla più recente riunione del GIRCG e che verrà realizzato nell’arco di un anno”.

“Sappiamo che l’espressione della proteina CD73 nelle cellule tumorali e stromali – spiega Massimiliano Salati - sottintende una soppressione della risposta immunitaria antitumorale e favorisce i meccanismi di evasione e progressione neoplastica. Per questo motivo si associa a prognosi infausta in vari tipi tumorali tra cui melanoma, cancro del colon-retto, cancro della colecisti, prostata, tumore del seno, dell’ovaio e carcinoma papillare della tiroide. Ne consegue come il CD73 stia diventando una molecola chiave come potenziale target terapeutico la cui inibizione, nei modelli pre-clinici, ha provocato favorevoli effetti anti-tumorali. Il suo blocco farmacologico associato ad agenti inibitori dei checkpoint immunitari infatti (i.e. anticorpi monoclonali anti-CTLA-4 e anti-PD-1/PD-L1) può diventare un'opzione terapeutica molto promettente in oncologia”.

“Per quanto riguarda il tumore gastrico – aggiunge Reggiani Bonetti - I risultati ad oggi disponibili sulla espressione della proteina CD73 non sono ancora sufficienti per stabilire con certezza il suo ruolo prognostico e cancerogenico. Risulta quindi importante avere a disposizione una casistica significativa su cui effettuare indagini anatomopatologiche al fine di comprendere se la soppressione di CD73 può essere un approccio disponibile anche per il tumore gastrico.”

La riunione del GIRCG che ha approvato i diversi studi, compreso quello dell’ AOU di Modena, ha visto la partecipazione dei più importanti centri di trattamento del cancro gastrico a livello nazionale (105 centri collegati) e si è svolta per via telematica il 29 gennaio scorso. La Chirurgia Generale d’Urgenza e Oncologica è ufficialmente associata al GIRCG dal 2019. Inoltre, nell’ambito dell’attività di ricerca sul cancro gastrico, è stato presentato un nuovo protocollo multicentrico sullo studio delle alterazioni delle cellule nel cancro gastrico nell’ambito dei PRIN 2020 promossa dal MIUR.L’Azienda ospedaliera di Modena, con la Struttura complessa di Chirurgia d’urgenza e oncologica del Policlinico, diretta dalla professoressa Roberta Gelmini di Unimore, è impegnata nella ricerca sul cancro gastrico, che costituisce la sesta neoplasia più comune in tutto il mondo con 140.000 casi diagnosticati nel 2018 in Europa. Lo studio è tra i 6 finanziati dal Gruppo italiano ricerca cancro gastrico (GIRCG), e indagherà il ruolo della proteina CD73 nello sviluppo del cancro gastrico e vedrà impegnati il dottor Massimiliano Salati, dell’Struttura complessa di oncologia diretta dal professor Massimo Dominici, e il dottor Luca Reggiani Bonetti, della Struttura complessa di anatomia e istologia patologica diretta dal professor Antonino Maiorana, oltre ai dottor Nicola De Ruvo, Francesco Serra e Lorena Sorrentino afferenti alla Struttura complessa di chirurgia generale d’urgenza e oncologica.
Lo studio (Referenti scientifici: Massimiliano Salati e Francesco Serra), in collaborazione con le Università di Verona e Siena, prevederà la selezione di un campione di 100 pazienti affetti da adenocarcinoma gastrico o della giunzione gastro-esofagea, avanzato e operabile, sottoposti a resezione gastrica parziale o totale con intento radicale nell’arco temporale 2018-2020. Su questi campioni verrà effettuato uno studio immunoistochimico con lo scopo di valutare la crescita della massa tumorale in base alla quantità di proteina CD73 presente.

“Come avviene nella totalità dei tumori – commenta Roberta Gelmini – anche nella neoplasia dello stomaco la prevenzione e diagnosi precoce sono aspetti fondamentale. Fattori di rischio per i tumori gastrici sono rappresentati dal tabagismo, così come da determinate abitudini alimentari e, estremamente importante, dalll’Helicobacter pylori. Quest’ultimo aumenta infatti di 6 volte il rischio di ammalare di carcinoma gastrico. Tra l'1% e il 3% dei casi sono dovuti a sindromi genetiche ereditarie.
La chirurgia riveste un ruolo fondamentale nella terapia del carcinoma gastrico ma iI trattamento delle neoplasie gastriche è multidisciplinare. L’associazione di chirurgia e chemioterapia permette di raggiungere i risultati migliori e non può prescindere da una stretta e continua collaborazione tra i chirurghi e oncologi. Nel nostro centro ogni caso viene discusso collegialmente per stabilire il più adeguato percorso diagnostico-terapeutico. Così come in ambito clinico, la stessa collaborazione tra oncologi, anatomopatologi e chirurghi si concretizza nella realizzazione di progetti di ricerca che possano migliorare, nella pratica clinica, la diagnosi e la terapia del cancro gastrico. Con questo spirito è nato il progetto che ha vinto la selezione alla più recente riunione del GIRCG e che verrà realizzato nell’arco di un anno”.

“Sappiamo che l’espressione della proteina CD73 nelle cellule tumorali e stromali – spiega Massimiliano Salati - sottintende una soppressione della risposta immunitaria antitumorale e favorisce i meccanismi di evasione e progressione neoplastica. Per questo motivo si associa a prognosi infausta in vari tipi tumorali tra cui melanoma, cancro del colon-retto, cancro della colecisti, prostata, tumore del seno, dell’ovaio e carcinoma papillare della tiroide. Ne consegue come il CD73 stia diventando una molecola chiave come potenziale target terapeutico la cui inibizione, nei modelli pre-clinici, ha provocato favorevoli effetti anti-tumorali. Il suo blocco farmacologico associato ad agenti inibitori dei checkpoint immunitari infatti (i.e. anticorpi monoclonali anti-CTLA-4 e anti-PD-1/PD-L1) può diventare un'opzione terapeutica molto promettente in oncologia”.

“Per quanto riguarda il tumore gastrico – aggiunge Reggiani Bonetti - I risultati ad oggi disponibili sulla espressione della proteina CD73 non sono ancora sufficienti per stabilire con certezza il suo ruolo prognostico e cancerogenico. Risulta quindi importante avere a disposizione una casistica significativa su cui effettuare indagini anatomopatologiche al fine di comprendere se la soppressione di CD73 può essere un approccio disponibile anche per il tumore gastrico.”

La riunione del GIRCG che ha approvato i diversi studi, compreso quello dell’ AOU di Modena, ha visto la partecipazione dei più importanti centri di trattamento del cancro gastrico a livello nazionale (105 centri collegati) e si è svolta per via telematica il 29 gennaio scorso. La Chirurgia Generale d’Urgenza e Oncologica è ufficialmente associata al GIRCG dal 2019. Inoltre, nell’ambito dell’attività di ricerca sul cancro gastrico, è stato presentato un nuovo protocollo multicentrico sullo studio delle alterazioni delle cellule nel cancro gastrico nell’ambito dei PRIN 2020 promossa dal MIUR.



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Societa' - Articoli Recenti
Modena, Covid fa di nuovo paura: ..
Al 3 ottobre sono in isolamento 2.974 persone covid positive (erano 1.620 il 26 settembre, ..
04 Ottobre 2022 - 16:35
Covid in Emilia Romagna, aumentano ..
Complessivamente, la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 22,2%
04 Ottobre 2022 - 16:16
Carabinieri, il sindaco di Modena ha ..
incontro col nuovo comandante della Legione Carabinieri Emilia Romagna
04 Ottobre 2022 - 14:40
Piscine Dogali: salvagente del Comune..
Dopo la chiusura dell'impianto da parte del gestore per i costi delle bollette, il Comune ..
04 Ottobre 2022 - 11:29
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green ..
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39