Radioterapia oncologica: inaugurato il nuovo acceleratore lineare
Villa  La Personala
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
VLP Events
articoliSocieta'

Radioterapia oncologica: inaugurato il nuovo acceleratore lineare

La Pressa
Logo LaPressa.it

Sostituisce una apparecchiatura del 2001 e offre maggiore precisione e velocità


Radioterapia oncologica: inaugurato il nuovo acceleratore lineare
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

È entrato in funzione al Policlinico di Modena un nuovo Acceleratore Lineare (LINAC) per Radioterapia, reso possibile grazie a un significativo investimento di 2.630.025 euro (Iva inclusa) finanziato dal Pnrr. L'importo comprende 1.773.636 euro per l'acquisto dell’apparecchiatura e 856.389 euro per i lavori di adeguamento del bunker, permettendo così la sostituzione del vecchio LINAC Siemens del 2001. Questa sofisticata tecnologia radioterapica, basata sull’IGRT (Image Guided Radiation Therapy), consente trattamenti oncologici con una precisione senza precedenti, riducendo significativamente i tempi di trattamento grazie alla guida delle immagini del paziente direttamente nella sala di trattamento. I lavori di installazione, iniziati nel maggio 2023, si sono conclusi con successo nel maggio 2024.
Il Policlinico di Modena gestisce annualmente circa 1.500 nuovi casi di tumore, su un totale di circa 6.000 pazienti seguiti ogni anno. Di questi, circa 1.500 ricevono trattamenti radioterapici e 2.

300 sono le PET eseguite dalla Medicina Nucleare del Policlinico, che serve l'intera provincia. Alla cerimonia di inaugurazione del nuovo acceleratore lineare erano presenti le autorità cittadine. La rete radioterapica provinciale modenese si avvale ora di una Tomotherapy e quattro acceleratori lineari: tre al Policlinico di Modena e uno all’Ospedale di Carpi.
Questa avanzata dotazione tecnologica rappresenta un notevole passo avanti nella capacità di rispondere alle esigenze cliniche, offrendo trattamenti più efficaci e sicuri, e migliorando l'efficienza nella gestione delle liste d'attesa. La nuova apparecchiatura non solo rinforza la capacità operativa, ma segna anche una tappa fondamentale nella continua evoluzione delle tecniche radioterapiche, garantendo ai pazienti di Modena e provincia accesso alle migliori cure disponibili.
'Modena vanta circa 1 acceleratore lineare ogni 140.000 abitanti – si congratula il dottor Claudio Vagnini, direttore generale dell’AOU di Modena – questo risultato è frutto dei grandi investimenti di questi anni, effettuati anche grazie al prezioso supporto del mondo imprenditoriale, del volontariato e della cittadinanza tutta.

Questo ulteriore upgrade della nostra tecnologia consente non solo terapie più precise ma anche un maggiore comfort del paziente va nell’ottica di un approccio sempre più umano ai percorsi di cura che la nostra Azienda ha intrapreso da tempo'.

'Le conoscenze biologiche ci permettono ormai di comprendere la conformazione a livello cellulare del tumore e di scegliere il mix di terapie (farmacologiche e radioterapiche) più adatto a contrastarlo – aggiunge il dottor Giuseppe Longo, Direttore del Dipartimento di Oncologia ed Ematologia - L’obiettivo è quello di creare terapie sempre più personalizzate in base al tumore e alla risposta dell’organismo del paziente alle cure, grazie anche alla combinazione con la PET-TC già presente in medicina nucleare, in grado di valutare non solo le dimensioni del tumore ma anche la sua evoluzione durante la cura. Questa nuova acquisizione ci permette di lavorare in maniera ancora più integrata tra oncologi, radioterapisti, medici di medicina nucleare, chirurghi e radiologi'.

'L’acceleratore lineare – illustra la dottoressa Patrizia Giacobazzi, Direttore protempore della Radioterapia Oncologica – rappresenta il quarto dispositivo per trattamenti radioterapici, integrandosi alla Tomotherapy e potenziando significativamente la nostra capacità di risposta clinica nei settori oncologico e neuro-oncologico. Questo innovativo acceleratore lineare migliorerà notevolmente il percorso terapeutico dei pazienti inseriti nei PDTA (Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali) regionali e territoriali, garantendo una maggiore appropriatezza e sicurezza delle cure. Inoltre, avrà un impatto positivo sulla gestione ergonomica ed efficiente delle liste di attesa. La tecnologia avanzata che caratterizza i nostri acceleratori consente di offrire le terapie più moderne e all’avanguardia sia a Modena che a Carpi, rendendo i trattamenti intercambiabili in caso di necessità. Questo non solo assicura continuità nelle cure, ma anche un’ottimizzazione delle risorse e una riduzione dei tempi di attesa per i pazienti'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Le alghe invadono il Naviglio, animali in difficoltà e rischio in caso di piena
Il livello di copertura sopra e sotto la superficie è altissimo. La rimozione, un tempo ..
08 Luglio 2024 - 02:11
Il cardinale Ruini colto da malore: è ricoverato in terapia intensiva
'Il paziente è vigile e collaborante e le sue condizioni cliniche sono al momento stabili. ..
07 Luglio 2024 - 19:36
Comuni ricicloni: primato Aimag in Emilia-Romagna e nel territorio modenese
La società di Mirandola gestisce la raccolta a Carpi e nella maggior parte dei comuni ..
07 Luglio 2024 - 00:23
Simona Ventura e Giovanni Terzi si sono sposati oggi a Rimini
Nozze blindate con 200 ospiti, il rito celebrato da Bonaccini
06 Luglio 2024 - 21:11
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24