Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliSocieta'

Scuole chiuse, il Tar boccia l'ordinanza della Regione Emilia Romagna

La Pressa
Logo LaPressa.it

I giudici del Tar emiliano-romagnolo hanno accolto il ricorso presentato da 21 genitori e quindi sospeso l'efficacia dell'ordinanza firmata da Bonaccini


Scuole chiuse, il Tar boccia l'ordinanza della Regione Emilia Romagna

L'ordinanza della Regione Emilia-Romagna che stabiliva, per le scuole superiori, la didattica a distanza fino a sabato 23 gennaio 'va immotivatamente (e in definitiva ingiustificatamente) a comprimere in maniera eccessiva (se non a conculcare integralmente) il diritto degli adolescenti a frequentare di persona la scuola quale luogo di istruzione e apprendimento culturale nonchè di socializzazione, formazione e sviluppo della personalità'. Questo scrivono i giudici del Tar emiliano-romagnolo, che hanno accolto il ricorso presentato da 21 genitori e quindi sospeso l'efficacia dell'ordinanza firmata lo scorso 8 gennaio dal presidente della Regione, Stefano Bonaccini. L'atto della Regione 'non si sottrae ai profili di illegittimità fondatamente dedotti' dai ricorrenti, secondo il Tribunale amministrativo, che rileva un 'eccesso di potere per insufficienza ed illogicità di motivazione e difetto di istruttoria'.
In particolare, si legge nel decreto, nel provvedimento 'non vi è riferimento a dati o indici specificamente e univocamente attinenti al settore della scuola secondaria di secondo grado'. Inoltre, proseguono i giudici, 'la rilevazione della situazione epidemiologica da cui trarrebbe linfa la misura si riferirebbe comunque ad un periodo temporale durante il quale le scuole secondarie erano chiuse da tempo (avendo peraltro parte ricorrente evidenziato come nelle scuole elementari e medie in funzione sul territorio regionale non si sarebbero verificati cluster o focolai di sorta)'. Ancora, tirano dritto i giudici del Tar, 'non sono indicati fatti, circostanze ed elementi di giudizio' che indurrebbero a ritenere probabile 'un incremento del contagio riferibile all'attività scolastica in presenza nelle scuole secondarie di secondo grado'.
 
Infine, il Tribunale amministrativo rileva che 'neppure è ventilata l'ipotesi secondo cui il virus si diffonderebbe nei siti scolastici distribuiti sul territorio regionale più che in altri contesti'. Dunque, l'ordinanza 'va immotivatamente (e in definitiva ingiustificatamente) a comprimere in maniera eccessiva (se non a conculcare integralmente) il diritto degli adolescenti a frequentare di persona la scuola quale luogo di istruzione e apprendimento culturale nonche' di socializzazione, formazione e sviluppo della personalita' dei discenti', condizioni di benessere che 'non appaiono adeguatamente assicurate con la modalità in Dad tramite l'utilizzo di videoterminali (di cui peraltro verosimilmente non tutta la popolazione scolastica interessata è dotata)'. E dal momento che 'l'adozione di misure' per fronteggiare 'situazioni di pur cosi' notevole gravità' come la pandemia da Covid-19 'non può spingersi al punto tale da sacrificare in toto altri interessi costituzionalmente protetti', come il diritto all'istruzione, e che 'l'amministrazione puo' agire con misure che incidono 'a monte' sul problema del trasporto pubblico e 'a valle' con misure organizzative come la turnazione degli alunni e la diversificazione degli orari di ingresso a scuola', il Tar ha deciso di accogliere il ricorso e di sospendere l'efficacia dell'ordinanza della Regione, fissando 'per la trattazione collegiale dell'incidente cautelare la camera di consiglio del 10 febbraio'.



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Societa' - Articoli Recenti
Palazzina ex fonderie: slitta di un ..
Dal Comune ok alla richiesta di deroga presentata dalla ditta appaltatrice. Da mesi il ..
31 Luglio 2022 - 10:04
Imparare l’inglese online: consigli..
La soluzione da remoto è molto flessibile per quanto riguarda l’aspetto organizzativo
31 Luglio 2022 - 08:47
Biden di nuovo positivo al Covid: ..
La notizia della ricaduta è stata data dalla Casa Bianca che ha divulgato una nota del ..
31 Luglio 2022 - 00:02
Giochi e nave pirata svaniti nel ..
Anche l'area verde comunale de Le Torri trascurata e simbolo di abbandono e degrado. La ..
30 Luglio 2022 - 17:10
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green ..
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39