La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
notiziarioLa Nera

'Rivolta carcere, fatti gravissimi nella totale assenza della politica'

La Pressa
Logo LaPressa.it

La Camera Penale di Modena: 'I morti nelle rivolte del carcere di Modena sono saliti a 9, un numero enorme che lascia sgomenti'


'Rivolta carcere, fatti gravissimi nella totale assenza della politica'
'Terminata la fase acuta della crisi scaturita dalla rivolta di alcuni detenuti, è necessaria una profonda riflessione sulle ragioni dell'accaduto, sulla totale assenza della politica e sul necessario approfondimento che l'autorità Giudiziaria dovrà compiere con la massima trasparenza sotto il profilo della comunicazione pubblica'. Così il Consiglio direttivo della Camera Penale di Modena Carl'Alberto Perroux.

'Da tempo, anche la nostra Camera Penale aveva denunciato le insostenibili condizioni della casa Circondariale di Modena, abitata da un numero spaventoso di detenuti, di molto superiore alla capienza regolamentare ed al numero degli agenti di custodia necessari a garantire condizioni di sicurezza dell'istituto. È ampiamente noto come l'inizio della nuova Legislatura avesse di fatto riposto nel cassetto una ambiziosa riforma dell'ordinamento penitenziario che avrebbe inciso non solo sul fronte dei 'numeri' del carcere in Italia, ma anche rispetto all'adozione di politiche punitive dotate di ben maggiore efficacia in termini rieducativi e di risocializzazione favorendo la concessione di misure alternative alla pena. Anche le 'recenti' riforme in punto di applicazione di misure cautelari personali, hanno segnato il passo senza riuscire ad invertire il trend dell'uso indiscriminato della custodia cautelare in carcere in pendenza di giudizio - continua la Camera Penale -. Neppure la politica ha avuto il coraggio di mettere mano al portafoglio per perseguire politiche coerenti con queste scelte di massimo (e ingiustificato) rigore: nessuno ha voluto seriamente investire nella edilizia giudiziaria cosicché il facile slogan 'costruiremo nuove carceri' è rimasto lettera morta buona giusto per sfamare le bocche del populismo giudiziario. Tutte decisioni di carattere generale, scaturenti dalla incapacità del Parlamento e del Governo di guardare alle politiche criminali senza indulgere a facili populismi, certo, ma anche decisioni che hanno mostrato in questi giorni la loro fragilità rispetto alla generazione di condizioni di invivibilità che sono esplose alla prima seria difficoltà. Già nei primi giorni di diffusione del Coronavirus, gli avvocati avevano denunciato il rischio di una situazione non gestita, avvertendo come le carceri fossero vere e proprie polveriere e come l'unica soluzione per evitare il peggio  fosse quella, quantomeno, di applicare misure cautelari fuori da quelle mura e misure alternative alla detenzione per chi avesse dato buona prova durante l'espiazione della pena'.

'La paura che si è diffusa negli istituti di pena ha generato violente ed ingiustificabili rivolte da parte di una minoranza di detenuti, che hanno messo a repentaglio la sicurezza dei loro compagni. Queste forme di violenza devono essere condannate sul piano morale e perseguite in termini di legge. Le uniche informazioni che abbiamo ottenuto su quei fatti sono quelle fornite dalla Polizia Penitenziaria, giacché l'autorità giudiziaria (requirente e di Sorveglianza) non ha inteso divulgare informazioni di dettaglio sullo svolgersi degli accertamenti. I morti nelle rivolte del carcere di Modena sono saliti a 9, un numero enorme che lascia sgomenti, ancor di più per il fatto che risulta difficile comprendere come molti di loro siano deceduti nel corso della traduzione o presso l'istituto di destinazione. Risulta difficile comprendere come sia stato possibile che i detenuti siano riusciti a impossessarsi di un carcere: le risorse in campo erano sufficienti a garantirne il controllo? La struttura era idonea ad impedire ad un gruppo di detenuti di mettere a rischio la sicurezza dei loro compagni e degli agenti di custodia? È ammissibile che la polizia penitenziaria si trovi in condizioni sostanzialmente ingestibili? Queste circostanze meritano un rigoroso approfondimento, apparendo evidente a tutti come lo Stato debba tutelare l'incolumità dei ristretti - i quali, peraltro, neppure avevano partecipato in massa alla rivolta -. Sorprende il silenzio imbarazzante serbato dal Ministro della Giustizia per molte ore (in realtà per giorni) sulle rivolte in corso, così come stupisce che nessun parlamentare eletto nel modenese - neppure se componente della Commissione Giustizia… - abbia sentito il dovere di compiere alcuna visita ispettiva per comprendere la esatta dinamica dei fatti e le conseguenze di quanto avvenuto. Una grave mancanza, che denuncia ancora una volta come le politiche punitive siano abbandonate a loro stesse, senza alcun reale governo del fenomeno. La Camera Penale di Modena - come tutti i penalisti italiani - vigilerà con la massima attenzione sullo sviluppo delle indagini, per comprendere l'esatta dinamica dei fatti e le ragioni dei decessi con l'auspicio che questi fatti siano seriamente valutati per ripensare il sistema punitivo'.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:135526
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:99592
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:49791
'Lo Ius Soli sarà per noi il primo punto nella nuova legislatura'
Pressa Tube
01 Febbraio 2018 - 01:00- Visite:42333
'Festa Unità: è il vuoto totale, a Modena non esiste centrosinistra'
Parola d'Autore
31 Agosto 2018 - 11:38- Visite:42110
Covid a Modena, 13 sanitari contagiati al Policlinico e a Baggiovara
Societa'
13 Marzo 2020 - 22:16- Visite:36019
La Nera - Articoli Recenti
Spaccio da casa: due arresti a Modena..
Bloccati dai Carabinieri insospettiti da movimenti sospetti vicino alle abitazioni. In ..
08 Aprile 2020 - 13:45- Visite:161
Carpi: picchiò ragazzo per futili ..
Bloccato ed obbligato agli arresti domiciliari un 29enne residente a Carpi, già conosciuto ..
07 Aprile 2020 - 12:37- Visite:320
Violazioni ordinanza covid, 35 ..
Nel sassolese un 30enne girovagava in auto completamente ubriaco: ritirata anche la patente
04 Aprile 2020 - 18:59- Visite:1139
Litiga in strada poi aggredisce i ..
Il fatto, ieri sera, in via Stradella a Modena. L'uomo è un 33enne tunisino, senza fissa ..
02 Aprile 2020 - 12:36- Visite:642


La Nera - Articoli più letti


L'orrore di Reggio: bambini affidati ..
Dall'inchiesta condotta dai Carabinieri emerge una realtà inquietante, da film horror. Due ..
28 Giugno 2019 - 09:33- Visite:159923
Orrore Bibbiano, la Bolognini e gli ..
Ed ecco il video integrale del convegno, patrocinato dalla Regione, 'Quando la notte abita ..
29 Luglio 2019 - 07:00- Visite:58525
Bibbiano, minore usata come 'cavia' ..
La lettura della ordinanza del Gip. Il caso della ragazza che mai risulta essere stata ..
04 Agosto 2019 - 15:14- Visite:45299
Camionista non in regola con Adr: 30 ..
Al camionista è stata anche ritirata immediatamente la patente e ulteriore decurtazione di ..
22 Marzo 2018 - 14:56- Visite:38816