Sassuolo, 4 agenti di polizia locale indagati per tortura
Radio Birikina
Acof onoranze funebri
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Radio Birikina
notiziarioLa Nera

Sassuolo, 4 agenti di polizia locale indagati per tortura

La Pressa
Logo LaPressa.it

Sono stati sospesi dall'esercizio del pubblico servizio dal Gip di Modena. Avrebbero ripetutamente aggredito un uomo di nazionalità marocchina trasportato presso il Pronto Soccorso dal personale del 118


Sassuolo, 4 agenti di polizia locale indagati per tortura
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Ieri quattro agenti della polizia locale di Sassuolo, due con la qualifica di assistenti e due con la qualifica di agenti, sono stati sospesi dall'esercizio del pubblico servizio dal Gip di Modena.

'I quattro indagati sono gravemente indiziati di tortura (articolo 613 bis cp) aggravato dall'essere il fatto stato commesso da pubblici ufficiali con abuso dei poteri inerenti la propria funzione. I due assistenti sono altresì gravemente indiziati del reato di falsità ideologica in atto pubblico (art 479 cp) per avere redatto e firmato una relazione di servizio il cui contenuto, per quanto emerso dall'attività di indagine sinora svolta, è da ritenersi falso' - lo rende noto la stessa Procura di Modena in una nota.

Il procedimento penale è stato iscritto a seguito della circostanziata denuncia formalizzata nell'ottobre 2021 dal direttore generale dell'ospedale di Sassuolo, destinatario, a sua volta, della segnalazione inoltrata dal primario responsabile del Pronto Soccorso, nella quale erano narrati gli accadimenti descritti nelle relazioni redatte dal personale sanitario ed infermieristico di turno tra la sera del 15 ottobre 2021 e le prime ore del 16 ottobre. In particolare si faceva riferimento alle condotte attuate dai quattro indagati, i quali, secondo l'esposto, avevano ripetutamente aggredito un uomo di nazionalità marocchina trasportato presso il Pronto Soccorso dal personale del 118. L'uomo era stato soccorso e trasportato in ambulanza dalla Croce Rossa di Sassuolo in quanto rinvenuto lungo la pubblica via in stato confusionale ed a tratti assopito.

Gli accertamenti sanitari effettuati in ospedale avevano evidenziato una grave crisi ipoglicemica, per la quale, peraltro, lo stesso uomo aveva effettuato un precedente accesso qualche mese prima presso il medesimo ospedale.

Mentre erano in corso gli adempimenti connessi alla raccolta ed all'inserimento dei dati anagrafici ed anamnestici del paziente ed alla rilevazione dei suoi parametri vitali, i quattro indagati, giunti presso la struttura ospedaliera senza che alcuno avesse richiesto il loro intervento, avevano iniziato ad inveire contro il paziente, immobilizzandolo con forza alla barella sulla quale era stato collocato incastrandogli le braccia tra le sponde, percuotendolo ripetutamente sul petto ed al capo, uno di loro salendo con i piedi sul suo bacino mettendosi in posizione accovacciata, chiedendogli con insistenza se avesse assunto sostanze stupefacenti.

'Tali condotte sono state descritte dettagliatamente dal personale sanitario presente. Dalle dichiarazioni acquisite è, emersa, infatti, la convinzione, esplicitata dagli stessi indagati ai medici ed infermieri in quel momento impegnati a prestare le cure necessarie, che si trattasse di persona gravitante nell'ambiente dello spaccio di sostanze stupefacenti. La persona offesa, operaio in Italia da anni con regolare permesso di soggiorno, peraltro mai denunciato o anche solo foto-segnalato per fatti inerenti gli stupefacenti, non ha ad oggi sporto denuncia per quanto accadutogli non avendo ricordo alcuno di quanto verificatosi presso il Pronto Soccorso, proprio in ragione della condizione di pressocchè totale incoscienza in cui versava a causa della gravissima crisi ipoglicemica' - continua la Procura.

Il Gip ha ritenuto corretta la qualificazione giuridica delle condotte contestate dalla Procura anche con riferimento al reato di cui all'art. 613 bis c.p. (tortura) introdotto con legge 110 del luglio 2017. E' stato, infatti, ritenuto che la pluralità delle condotte violente attuate dagli indagati, per circa un'ora, avessero cagionato alla persona offesa, che peraltro versava in condizioni di minorata difesa a causa della grave crisi ipoglicemica, acute sofferenze fisiche (elemento costitutivo del reato di tortura differente da quello di lesioni volontarie aggravate), determinando un trattamento inumano e degradante per la dignità della sua persona.
Prima della emissione dell'ordinanza cautelare gli indagati sono stati sottoposti ad interrogatorio dal Gip di Modena, conformemente alle previsioni normative previste per l'applicazione della suddetta misura cautelare interdittiva. La durata della sospensione dal servizio è stata disposta in misura differente per ciascuno degli indagati. Le indagini sono state condotte dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Sassuolo con la collaborazione fornita dalla stessa Comandante della Polizia Locale di Sassuolo. Le gravi condotte contestate coinvolgono solamente i quattro indagati sospesi dal servizio.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Acof onoranze funebri

Udicon
La Nera - Articoli Recenti
Camorra, a Bologna sequestro da 100 milioni a due imprenditori campani
L’attività ha permesso di assicurare allo Stato 161 beni immobili, tra fabbricati e ..
05 Luglio 2024 - 17:29
Cavezzo, sequestrati 280mila euro a un imprenditore edile per evasione
Attraverso un'altra impresa, sempre riconducibile all’indagato ed anch’essa sconosciuta ..
05 Luglio 2024 - 10:49
Centri a luci rosse oltre ai massaggi: operazione nazionale della Polizia, 14 controllati a Modena
In città identificate 28 persone. In concomitanza 400 operatori della Polizia di Stato ..
04 Luglio 2024 - 14:20
Condannati i tre autori del colpo all'Unicredit di viale Corassori
Otto anni e 4 mesi in primo grado per i tre pregiudicati originari della provincia di ..
04 Luglio 2024 - 10:55
La Nera - Articoli più letti
L'orrore di Reggio: bambini affidati a persone malate e stupratori
Dall'inchiesta condotta dai Carabinieri emerge una realtà inquietante, da film horror. Due ..
28 Giugno 2019 - 09:33
Orrore Bibbiano, la Bolognini e gli elettrodi a mani e piedi dei bimbi
Ed ecco il video integrale del convegno, patrocinato dalla Regione, 'Quando la notte abita ..
29 Luglio 2019 - 07:00
Bibbiano, minore usata come 'cavia' da Foti per dimostrare sue teorie
La lettura della ordinanza del Gip. Il caso della ragazza che mai risulta essere stata ..
04 Agosto 2019 - 15:14
Da Pavullo a Sassuolo, partorisce in ambulanza
E' successo nella notte, protagonista una donna residente nell'alto Frignano. Dopo il ..
18 Febbraio 2018 - 22:39