I nostri lettori sono i tuoi futuri clienti
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
I nostri lettori sono i tuoi futuri clienti
articoliChe Cultura

Mare, nel 2050 più rifiuti che pesci

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il Mar Mediterraneo, come tutti gli altri mari, combatte contro un nemico micidiale, la plastica. Cannucce, cotton fioc, come pure mozziconi di sigaretta


Mare, nel 2050 più rifiuti che pesci

Da 'mare nostro' a 'mare mostro'. Che genera mostri. Il Mar Mediterraneo, come tutti gli altri mari, combatte contro un nemico micidiale, la plastica. Cannucce, cotton fioc, come pure mozziconi di sigaretta, senza dimenticare le temutissime particelle micro. Le stime quantificano 280 milioni di tonnellate a livello globale di plastica: ogni anno ne vengono riversate in mare dai 10 ai 20 milioni di tonnellate, qualcosa come un tir al minuto. E per l'Italia si parla di 40-50.000 tonnellate ogni anno. Un problema particolarmente grave proprio per il 'Mare Nostrum', uno dei piu' inquinati al mondo.
Per cui 'tutti devono fare la loro parte'.
Questo il messaggio che lanciano da Ravenna la Capitaneria di porto, le istituzioni, la Guarda costiera, l'associazione Mare vivo e la Fondazione cetacei di Riccione.


Perche' se non e' piu' come cantava un noto gruppo italiano qualche anno fa, 'Stanno uccidendo il mare e noi li lasciamo fare, l'indifferenza e' comoda', c'e' da fare ancora molto per impedire che nel 2050 ci siano piu' rifiuti che pesci. Aprendo questa mattina il convegno alla Capitaneria di porto di Ravenna 'Mare mostro, un mare di plastica?', il direttore marittimo dell'Emilia-Romagna, Pietro Ruberto, inquadra subito il problema: 'Per i quattro quinti l'inquinamento del mare viene da terra'. Si tratta di una 'quantita' enorme', in particolare di plastica, che viene anche mangiata dai pesci e finisce nella catena alimentare. Dunque, concorda il prefetto Francesco Russo, 'serve un impegno maniacale quotidiano per fare con ogni gesto la propria parte'. Da questo punto di vista Ravenna, sottolinea il sindaco Michele De Pascale, 'puo' dare un grande contributo al dibattito'.

Si investe infatti sulla ricerca e l'universita' legata al mare e all'ambiente; nella convinzione che si tratti comunque di una 'sfida globale'. In citta', aggiunge l'assessore comunale all'Ambiente, Gianandrea Baroncini, si lavora sull'educazione e sulla conoscenza, su progetti concreti come le giornate di pulizia in collaborazione con Legambiente o la campagna 'Un fiume per amico', su un quadro normativo chiaro. E' stata anche avviata nelle scuole una raccolta di scarpe vecchie che vengono trasformate in tappeti antishock per i parchi cittadini. Si muove anche Eni, garantisce il responsabile del distretto centrosettentrionale, Diego Portoghese: c'e' 'grande attenzione' ai rifiuti proodotti sulle 101 piattaforme dell'Alto Adriatico, di cui 64 produttive.
Diverse le tipologie trattate attraverso regole certificate da enti esterne: rifuti di produzione; di perforazione; di manutenzione; per la presenza umana. La qualita' delle acque delle piattaforme e' certificata dalle cozze, vendute sul mercato, spiega. Si effettua la raccolta differenziata e la tracciabilta' e' garantita. I rifiuti vengono stoccati a terra, a Ravenna e Ortona, per il recupero o smaltimento.
All'incontro di oggi a Ravenna vengono proiettati due video in cui la Guardia costiera salva alcuni capodogli da reti ed estrae, assai dolorosamente, una cannuccia da una tartaruga. I primi casi, spiega Federico Di Penta di Mare vivo, risalgono agli anni '90. Per risolvere il problema occorre puntare su 'sensibilizzazione e prevenzione'. E, per esempio, rinunciare a certa plastica: da qui la battaglia per i cotton fioc biodegradabili, che saranno obbligatori dal prossimo gennaio, a cui segue quella per le cannucce. Di certo, lamenta, 'per la rimozione della plastica dal mare siamo indietro. Serve un contesto giuridico normativo di supporto'.

Infatti a oggi un rifiuto che galleggia e' speciale, mentre una volta riva e' solido urbano. Oltre alla macroplastica, particolarmente pericolosa e' la microplastica, sottolinea Stefania Piarulli della facolta' di Scienze ambientali dell'Alma Mater di Bologna. Le particelle, inferiori ai cinque millimetri 'assorbono contaminanti esterni e possono raggiungere l'uomo'. Al momento, aggiunge, 'c'e' mancanza di informazione e di studi sugli effetti, mancano metodi operativi standardizzati e unita' di misura'. E cosi' i dati sono poco confrontabili. E' attivo il progetto 'Plastox', cosi' come studi sui mitili, che sono 'grandi accumulatori di microplastica'. Sauro Pari, direttore della Fondazione cetacei di Riccione, ricorda la campagna 'Clean sea life' che tiene insieme tutti gli stakeholder del mare. La plastica inganna pesci e tartarughe, che per esempio scambiano un sacchetto della spesa per una medusa, di cui sono golose. Finiscono con non mangiare piu' e morire d'inedia. Tra gli obiettivi della campagna l'attivita' di recupero della pesca a strascico che tracina a terra 'quantita' incredibili di immondizia', una guida per la gestione dei rifiuti marini, nuovi contenitori per il pesce e calze per le cozze biodegradabili. Tra le attivita': le campagne di pulizia delle coste e la distribuzione ai pescatori di 6.000 porta sigarette in bambu' da tenere al collo. Sullo sfondo alcune immagini: l'Asinara, 'un deposito enorme di plastica', un capodoglio spiaggiato con 70 chilogrammi di plastica nello stomaco, tartarughe deformi perche' incastrate in anelli di plastica e uccelli marini feriti. Tanti nemici da combattere, dai mozziconi agli accendini, dalle bottigliette alle cannucce, ai prodotti di cosmesi: per un bene prezioso, il mare.


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Articoli Correlati
'Rifiuti Spilamberto, l'ipocrisia della raccolta differenziata'
La Provincia
23 Ottobre 2017 - 10:12- Visite:20253
Dossier inceneritore, il bluff del riciclo della plastica
Dossier Inceneritore
27 Ottobre 2017 - 07:02- Visite:17033
Inceneritore Modena: in aumento anche i rifiuti radioattivi
Politica
21 Luglio 2017 - 02:46- Visite:15021
Inceneritore, il bluff del riciclo della plastica: si recupera solo 6%
Dossier Inceneritore
16 Novembre 2018 - 10:27- Visite:14788
Carnevalata Hera: la tesserina, il rifiutologo, i depliant, le ..
Il Punto
23 Ottobre 2017 - 10:50- Visite:14557
Dossier inceneritore: la 'bufala' del termovalorizzatore ed Hera non ..
Dossier Inceneritore
25 Ottobre 2017 - 07:00- Visite:13078

Che Cultura - Articoli Recenti
Pesca al cantautore in Emilia... ..
Per certi versi non è un libro, è un disco che suona. E la sua colonna sonora è quella ..
26 Novembre 2021 - 21:18- Visite:253
Bottura ancora al top: confermate le ..
Nella classifica della stelle per regioni la Lombardia mantiene la leadership grazie ai 56 ..
23 Novembre 2021 - 20:35- Visite:634
A Modena con Guicciardi i segreti non..
La prima presentazione si terrà a Modena sabato 4 dicembre presso l'associazione-libreria ..
20 Novembre 2021 - 17:42- Visite:811
Manovra finanziaria, 150 milioni per ..
L’opera lirica è l’unica ambasciatrice rimasta della nostra lingua, della nostra ..
19 Novembre 2021 - 07:55- Visite:440
Che Cultura - Articoli più letti
Gli italiani scoprirono che Muccioli ..
Intervista a Paolo Severi, uno dei protagonisti di SanPa, il documentario di Netflix. ..
17 Gennaio 2021 - 18:17- Visite:29851
Se la locomotiva di Guccini si ..
Guccini si scaglia contro l'opposizione brandendo l'arma più subdola, la bandiera di ..
27 Aprile 2020 - 10:59- Visite:21950
18 settembre 1977: al parco Ferrari ..
Il precedente al quale si aggrappa Muzzarelli per sperare che il primo luglio vada tutto ..
19 Giugno 2017 - 17:10- Visite:17567
La massoneria in Emilia e a Modena
Anche a Modena esiste una presenza Massonica organizzata tramite la Loggia 106 intitolata a ..
25 Giugno 2017 - 22:08- Visite:15584