La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliChe Cultura

Modena, Michelangelo rischia chiusura: le promesse mancate del Comune

La Pressa
Logo LaPressa.it

La rabbia di Berto Gavioli, il noto attore teatrale modenese gestore da una trentina d'anni del Michelangelo di via Giardini


Modena, Michelangelo rischia chiusura: le promesse mancate del Comune
Alla fine dello scorso anno l'assessore alla cultura del Comune di Modena Bortolamasi fece una promessa che non ha trovato sinora nessuna risposta e nessuna conseguenza pratica. “Aiuteremo il Teatro Michelangelo di Modena – disse con enfasi l'assessore – che è in difficoltà per la chiusura decisa dal governo a causa del Covid”.

“Ma siamo a febbraio del 2021 e siamo chiusi dal febbraio del 2020, cioè da un anno – sbotta un ormai malinconicamente rassegnato Berto Gavioli, il noto attore teatrale modenese gestore da una trentina d'anni del Michelangelo di via Giardini - e non si sa quando ci faranno riaprire. Nel frattempo abbiamo ricevuto dallo Stato un modesto contributo ma nulla dal Comune se non un 'ristoro' che sa di elemosina e questo a differenza di Bologna dove, da parte del Comune, vi è una attenzione particolare per tutti i teatri, anche se privati, come è il mio, perchè il Comune di Bologna li considera un patrimonio culturale da difendere e sostenere. Anche il Michelangelo deve avere i medesimi attestati di merito da parte del Comune di Modena, che parla tanto di sostegno alla cultura, diversamente il rischio di chiusura è sempre dietro l'angolo”.

Da ricordare che il Teatro di via Giardini dispone di 400 poltrone, duemila abbonati, 50 mila presenti a stagione e dieci dipendenti costretti a vivere in un limbo triste e nebuloso.
“Siamo fermi in attesa di capire cosa decideranno di fare, ma intanto le spese correnti e di mantenimento restano tali. Ho avuto diversi incontri col sindaco e con assessori ma nulla si è mosso e i proclami e le promesse sono rimaste lettare morta”.

Dunque secondo Berto Gavioli l'assessore Bortolomasi ha parlato di tutela del patrimonio culturale modenese con l'impegno di non lasciare indietro nessuno (una frase questa ormai inflazionata da parte di Muzzarelli e assessori che, appunto per questo, non incanta più nessuno) ma la realtà, come si è visto, è ben diversa e non vale a nulla sbandierare interventi che poi non vengono svolti o fare promesse poi disattese.

Ma, a pochi chilometri di distanza, vi è un altro attore teatrale, come Paolo Di Nita, carpigiano di adozione, gestore di alcuni teatri della Bassa reggiana, che vive gli stessi momenti di difficoltà, di angoscia e di snervante attesa. Ma Di Nita, che è passato pure lui dalla rabbia alla rassegnazione al pari del collega modenese Gavioli, si lascia comunque andare a pesanti accuse quando dice: “sono ingiustificabili quelli che hanno assunto le misure come quelle di chiudere per mesi i teatri, luoghi di produzione di cultura, che sono in grado di applicare le norme di sicurezza richieste e che perseverano in questo errore”.

Anche questo è uno dei temi cruciali che dovranno essere affrontati da Draghi perchè ormai la protesta dei titolari e dei gestori di cinema e teatri ha raggiunto il culmine, come testimoniano le pesanti critiche rivolte al ministro della Cultura, il riconfermato Franceschini (che non si mai opposto ai decreti di chiusura) senza tuttavia avere ottenuto nulla.

Cesare Pradella


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Cesare Pradella
Cesare Pradella

Giornalista pubblicista, è stato per dieci anni corrispondente da Modena del Giornale diretto da Indro Montanelli, per vent'anni corrispondente da Carpi del Resto del Carlino, per ..   Continua >>


 

Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:152366
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:105753
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare mia moglie a fare la spesa?
Societa'
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:63176
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:59887
Modena, l'allarme Ausl: 'Circolazione virale alta: proteggetevi'
Societa'
15 Novembre 2020 - 18:12- Visite:49482
Primario di Baggiovara: 'Esiste un dramma dei pazienti No Covid'
Societa'
23 Novembre 2020 - 17:35- Visite:48260
Che Cultura - Articoli Recenti
L'altro volto di Modena in 4 ..
Il modenese Stefano Porta è entrato in alcuni luoghi della città con il progetto ..
15 Febbraio 2021 - 15:58- Visite:588
Amanda Gorman, 'The Hill We Climb': ..
Nessuna sorpresa, negli Stati Uniti la poesia è sempre presente. Intervista a Franco Nasi, ..
15 Febbraio 2021 - 11:49- Visite:416
Lo Sproloquio incorona Muzzarelli. ..
E poi l'apertura alle quote rosa: 'I teimp i én madur per fèr un séndech dànna. Basta ..
11 Febbraio 2021 - 16:58- Visite:1895

Contattaci

Che Cultura - Articoli più letti


Gli italiani scoprirono che Muccioli ..
Intervista a Paolo Severi, uno dei protagonisti di SanPa, il documentario di Netflix. ..
17 Gennaio 2021 - 18:17- Visite:24538
Se la locomotiva di Guccini si ..
Guccini si scaglia contro l'opposizione brandendo l'arma più subdola, la bandiera di ..
27 Aprile 2020 - 10:59- Visite:19883
18 settembre 1977: al parco Ferrari ..
Il precedente al quale si aggrappa Muzzarelli per sperare che il primo luglio vada tutto ..
19 Giugno 2017 - 17:10- Visite:16146
La massoneria in Emilia e a Modena
Anche a Modena esiste una presenza Massonica organizzata tramite la Loggia 106 intitolata a ..
25 Giugno 2017 - 22:08- Visite:14063