La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliChe Cultura

Teatro Pavarotti, venerdì a Modena sipario sulla Tosca

La Pressa
Logo LaPressa.it

Puccini era ormai diventato un compositore di fama internazionale, ma con la Tosca piovvero le critiche velenose di autorevoli musicologi


Teatro Pavarotti, venerdì a Modena sipario sulla Tosca

Per il secondo titolo in cartellone al Teatro Comunale “Pavarotti”, la scelta è caduta sulla “Tosca” di Giacomo Puccini, una delle opere più celebri e rappresentate del Maestro.

È bene sapere che, con Manon Lescaut e Bohème, Puccini era ormai diventato un compositore di fama internazionale, ma con la Tosca piovvero le critiche velenose di autorevoli musicologi ed altri artisti che con lui si sentivano in competizione.

Per Arnold Schoenberg, l’inventore della dodecafonia, un compositore non doveva abbassarsi a blandire il pubblico con scene come quella della tortura. Adorno, filosofo e musicologo tedesco, affermò l’esistenza di una musica che si poneva autonomamente come creazione superiore, non volgare, prodotto fruibile da pochi eletti, contrapposta ad una musica plebea. Partendo da questo assunto, Adorno descrive Puccini, con le sue “sdolcinature stucchevoli”, proprio come uno dei più grandi banalizzatori della musica nell’epoca della cultura di massa, abile mistificatore di passioncelle piccolo-borghesi attraenti solo per una plebe incolta.

Puccini si fece un lungo viaggio in treno da Milano a Firenze per assistere alla prima italiana del Pierrot Lunaire di Schoenberg e questo fu il suo commento: «Sono contento di toccare con mano, anzi con le orecchie, i fatti come si presentano: mi pare che siamo lontani da una realizzazione artistica, come lo è Marte dalla Terra!». Quindi Schoenberg e i suoi sostenitori erano per il Maestro dei personaggi ben lontani dal suo concetto di musica. Quello che componevano e celebravano era altro.

Pessimo anche il giudizio di Mahler, presente alla prima della Tosca, a suo avviso solo colma di chiese, di preti e di campane. Il sinfonista tedesco amava più Leoncavallo e Giordano, che il genio di Torre del Lago.

Anche i quotidiani non plaudirono completamente alla nuova opera. Così scrive Colombani sul Corriere della Sera: “Gli avvenimenti si succedono quasi tumultuosamente e la musica non può concedersi indugi. Puccini rimane sempre elegante; e questo è veramente singolare in questa Tosca che per l’azione potrebbe suggerire le più riprovevoli volgarità. Con tutta la deferenza per il grande drammaturgo francese, io vorrei affermare che il suo lavoro fu migliorato prima dall’Illica e dal Giacosa, che ne affinarono i principali elementi, poi da Puccini che con una tavolozza delicata e aristocratica ne nobilitò la rappresentazione. Ma, per quanto abilmente mascherato, il difetto originale del dramma a tinte troppo forti e povero di ogni elemento psicologico, rimane visibile ostacolo ad una libera estrinsecazione della fantasia musicale di Giacomo Puccini. E questo è forse il punto debole della sua Tosca. Si trova certamente nello spartito, e non poteva supporsi diversamente, più espressione drammatica che consistenza musicale, ma lo spettacolo è senza dubbio interessante e congegnato per piacere”.

Ecco il cast proposto dal Teatro “Pavarotti” venerdì alle 20, domenica alle 15.30 e martedì 29 ottobre alle 20:
Floria Tosca, celebre cantante, Ainhoa Arteta
Mario Cavaradossi, Luciano Ganci
Il Barone Scarpia, Dario Solari
Cesare Angelotti, Giovanni Battista Parodi
Il Sagrestano, Valentino Salvini
Spoletta, Raffaele Feo
Sciarrone, Stefano Marchisio
Un Carceriere, Simone Tansini
Direttore, Matteo Beltrami Regia, Joseph Franconi Lee da un’idea di Alberto Fassini Scene e costumi, William Orlandi Luci, Roberto Venturi riprese da Caroline Vandamme Maestro del Coro, Stefano Colò Maestro delle Voci bianche, Paolo Gattolin

A sabato per la recensione.

Massimo Carpegna



Massimo Carpegna
Massimo Carpegna

Docente di Formazione Corale e del master in Musica e Cinema presso Istituto Superiore di Studi Musicali Vecchi Tonelli di Modena e Carpi. Direttore d'orchestra compositore con partitu..   Continua >>


Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:129921
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:95458
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:44435
'Lo Ius Soli sarà per noi il primo punto nella nuova legislatura'
Pressa Tube
01 Febbraio 2018 - 01:00- Visite:41002
'Festa Unità: è il vuoto totale, a Modena non esiste centrosinistra'
Parola d'Autore
31 Agosto 2018 - 11:38- Visite:40819
Grandinata devastante su Modena: danni alle auto e alberi abbattuti
La Nera
22 Giugno 2019 - 15:59- Visite:34967
Che Cultura - Articoli Recenti
Catullo e Lesbia, dalla poesia ..
E' questo il titolo della conferenza che si terrà sabato 16 novembre alle 17.30 alla ..
10 Novembre 2019 - 13:34- Visite:1613
Macchine in Echo di Francesconi, un ..
Ma il duo pianistico formato da Emanuele Arciuli e Andrea Rebaudengo ha offerto una lettura ..
09 Novembre 2019 - 22:53- Visite:436
Laboratorio Poesia, i primi 40 anni
I quaranta anni sono stati fotografati con uno slogan che non poteva non attirarmi: quaranta..
09 Novembre 2019 - 22:28- Visite:75
Reggio Film Festival, omaggio ..
Ricca giornata di proiezioni (anche per bambini) e incontri. Con una dedica speciale al ..
08 Novembre 2019 - 13:00- Visite:441


Che Cultura - Articoli più letti


18 settembre 1977: al parco Ferrari ..
Il precedente al quale si aggrappa Muzzarelli per sperare che il primo luglio vada tutto ..
19 Giugno 2017 - 17:10- Visite:13620
La massoneria in Emilia e a Modena
Anche a Modena esiste una presenza Massonica organizzata tramite la Loggia 106 intitolata a ..
25 Giugno 2017 - 22:08- Visite:12418
Diagnosi dell’ictus ischemico: ..
Baggiovara è il primo ospedale in Italia dove è stato installato questo software ..
13 Luglio 2018 - 11:24- Visite:12293
Vasco, forse era giusto così...
Da sempre mi assilla il senso del tempo. Vasco in questo ha dato voce a molte mie paure, ..
02 Luglio 2017 - 20:04- Visite:12180