Choc a Mirandola, la Bellco conferma ufficialmente i 300 esuberi
Società Dolce: fare insieme
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Acof onoranze funebri
articoliEconomia

Choc a Mirandola, la Bellco conferma ufficialmente i 300 esuberi

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Dei 500 lavoratori attualmente impiegati, circa 300 saranno in esubero. Bellco ha informato le rappresentanze sindacali'


Choc a Mirandola, la Bellco conferma ufficialmente i 300 esuberi
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Con una nota ufficiale inviata alle 15.34 di oggi pomeriggio, la Bellco conferma quanto trapelato in mattinata: Bellco, azienda parte del gruppo Mozarc Medical, esce dal mercato della Dialisi Cronica ed Acuta per adulti. Una scelta che comporta 300 esuberi. Ecco la nota ufficiale della azienda.

Bellco, azienda parte del gruppo Mozarc Medical, esce dal mercato della Dialisi Cronica ed Acuta per adulti, per concentrare tutti gli sforzi nello sviluppo di tecnologie per Dialisi Domiciliare e la commercializzazione dei prodotti per accesso vascolare.
La continua erosione dei prezzi di mercato rende insostenibile, economicamente e finanziariamente, mantenere la presenza dell’azienda nel settore.
Negli ultimi otto anni, Bellco ha cercato di fronteggiare queste difficoltà continuando a investire nel sito produttivo e rifinanziando l’erosione del proprio patrimonio netto.
Tuttavia, nonostante questi numerosi sforzi, oggi la situazione è divenuta insostenibile.

Mozarc Medical si pone l’obiettivo di portare innovazione nel campo della dialisi, con prodotti all’avanguardia per migliorare le condizioni di salute dei pazienti. Per consentire ciò, Mozarc ritiene indispensabile avviare una revisione delle attività correnti, rifocalizzandosi sulla parte del portfolio prodotti ad alto valore, nonché sulla progettazione di dispositivi per le terapie dialitiche domiciliari, i sistemi di accesso alle cure renali (cateteri e aghi fistula) e su altri prodotti per la salute dei reni che maggiormente la distinguono nel mercato.
La revisione delle attività richiede purtroppo anche una riorganizzazione dell’assetto produttivo. Per questo motivo, la produzione di macchine per dialisi e dei relativi consumabili – inclusi i dializzatori (filtri) – sarà gradualmente fermata a Mirandola, compatibilmente con gli impegni assunti con la pubblica amministrazione e gli altri clienti, che l’azienda intende onorare. Dei 500 lavoratori attualmente impiegati, circa 300 saranno in esubero.


Bellco ha informato le rappresentanze sindacali della volontà di avviare un confronto per gestire gli esuberi ed esplorare tutte le possibili soluzioni. L’azienda è pienamente consapevole che si tratta di una scelta difficile, ma al tempo stesso inevitabile per garantire il raggiungimento degli obiettivi a lungo termine.
L’azienda riconosce il lavoro, la dedizione e la qualità espressi negli anni dai dipendenti del sito di Bellco a Mirandola, e fornirà ogni possibile assistenza per contribuire a ridurre gli effetti di questa decisione. I dipendenti del centro di Ricerca & Sviluppo di Mirandola e le funzioni di supporto non saranno coinvolti dalla riorganizzazione. I team che vi lavorano garantiscono, infatti, un contributo fondamentale alla capacità di innovare dell’azienda. La prosecuzione delle attività del centro di Ricerca & Sviluppo costituisce un’ulteriore conferma della volontà dell’azienda di continuare a investire a Mirandola.
Essendo le difficoltà sopra citate di natura internazionale e non solo relative all’Italia, la riorganizzazione fa parte di un progetto più ampio che riguarda i paesi in cui l’azienda ha siti produttivi.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo
Articoli Correlati
Mirandola, controlli polizia locale: 38 sanzioni
La Provincia
08 Luglio 2024 - 12:30
Mirandola, beneficenza in memoria di Alessandra Pederzoli
La Provincia
04 Luglio 2024 - 13:04
Mirandola, ecco la nuova giunta targata Budri
La Provincia
02 Luglio 2024 - 17:02

Economia - Articoli Recenti
Crisi Bellco, attesa per il tavolo ministeriale del 9 luglio
‘Mirandola e Mozarc devono essere una priorità nell’agenda del Governo, perché il ..
06 Luglio 2024 - 14:15
AssoBio in forte crescita: con 140 soci rappresenta oltre il 70% del valore del mercato italiano
Bilancio positivo dall’Assemblea dei soci, a Bologna. Lettera di intenti con il Consorzio ..
06 Luglio 2024 - 00:51
Modena, Coop Alleanza chiude la storica sede di viale Virgilio
'L’iniziativa lascerà invariati i livelli occupazionali: infatti, è garantita la piena ..
05 Luglio 2024 - 20:03
Aimag, i bilanci 2023 non ci sono ancora: Comuni in fibrillazione
Qualcuno informalmente sostiene che se l’anno scorso è stato erogato un dividendo su un ..
05 Luglio 2024 - 18:16
Economia - Articoli più letti
Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla speranza che i soci non chiudano i libretti
La Coop utilizza l'intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0: soci prestatori esigono risposte
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38
Bper, correntisti ex dipendenti Unipol sul piede di guerra
'Se Bper non manifestasse un reale interesse a mantenere le migliaia di correntisti tra ..
03 Dicembre 2019 - 17:52