Art1, oltre agli abbracci c'è un mondo da conquistare
Italpizza
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Italpizza
articoliParola d'Autore

Art1, oltre agli abbracci c'è un mondo da conquistare

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Io ho vent'anni e non ho nessuna intenzione di rassegnarmi a porre l'orizzonte della Sinistra sul 3,4 o 5% nella serenità di frequentare luoghi e spazi in cui essere sempre gli stessi, sempre meno e tutti più o meno d'accordo'


Art1, oltre agli abbracci c'è un mondo da conquistare
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Il 25 luglio si è tenuta la prima iniziativa di quartiere di Articolo UNO Modena. 
Abbiamo scelto di cominciare questo percorso dalla Crocetta, storico quartiere operaio della città, afflitto oggi da problematiche legate allo spaccio di stupefacenti allo sfruttamento della prostituzione e – più in generale – dalla grande questione sicurezza/insicurezza che emerge sempre più fortemente nelle nostre città, a tutte le latitudini del paese.
Sono quartieri in cui i residenti hanno cominciato, anche a Modena, ad organizzarsi da soli con 'passeggiate' per vigilare nelle ore notturne e dove cresce, inevitabilmente, insofferenza quando non intolleranza nei confronti in primo luogo delle comunità di immigrati e disprezzo verso la politica e le Istituzioni non percepite minimamente in grado di fornire risposte lontanamente sufficienti. 
Si dice spesso che la politica, e la Sinistra in primo luogo, non sia in grado di rompere i propri rituali per accettare davvero il confronto con le persone e i loro problemi.


E, purtroppo, è spesso e volentieri vero.
Quanto potenziale di partecipazione, confronto, elaborazione e consenso si spegne nei rituali di iniziative politiche in cui i temi sono già decisi, gli interventi sono già decisi, le conclusioni sono già decise? Quanta rabbia, frustrazione, disperazione non siamo in grado di incontrare e intepretare perchè non rientra nei rigidi schemi che abbiamo imparato a ripetere?
Se questo è vero, allora, rinnovare la militanza e la pratica della Sinistra nella società vuol dire rompere gli schemi senza rottamare i valori e spezzare i rituali che allontanano invece di avvicinare per realizzare la necessità di una politica in grado di nuovo di coinvolgere, dialogare e rappresentare. 
Non solo nell'immaginazione della retorica ma nella realtà delle tante realtà complesse che vivono realmente le difficoltà di questo presente. 
Per questo alla Crocetta non siamo arrivati con un invito girato nei circuiti interni del Movimento e con un introduzione, dei temi e delle conclusioni preconfezionate.

Alla Crocetta ci siamo arrivati tornando a fare il porta a porta, soprattutto grazie all'impegno dei nostri ragazzi più giovani, senza chiedere voti ma domandando partecipazione. E ci siamo arrivati con l'idea di far incontrare i residenti, con la loro versione dei fatti e il loro punto di vista con il nostro Movimento e i nostri amministratori, i Consiglieri comunali, l'Assessore Comunale e il Presidente del quartiere. 
Non il contrario. Perchè, oggi, non abbiamo da insegnare. Non possiamo e non dobbiamo dire alle persone cosa sia giusto e cosa sia sbagliato. Dobbiamo costruire confronto e fiducia e decostruire i muri di paure. Avere il coraggio di confrontarsi con l'insicurezza è l'unico modo perchè i nostri valori di uguaglianza possano riaffermarsi e tornare ad essere maggioritari. Perchè non serve a niente guardarsi allo specchio e parlare di uguaglianza se poi fuori vince la paura e alle elezioni chi sulla paura ci costruisce la propria carriera. 
Credo che sia per tutti questi motivi che ieri sera non c'erano solo le facce dei nostri iscritti e simpatizzanti del quartiere, ma quelle di decine e decine di persone che la militanza politica non l'hanno mai fatta o hanno smesso di farla da tanto. Decine di persone che hanno trovato, forse dopo tanto tempo, un luogo in cui essere ascoltati e ascoltare, condividere i propri problemi e ragionarci meglio insieme. 
Alla Crocetta a Modena, come negli altri quartieri della città in cui cominceremo ad avviare percorsi da settembre, così come ovunque, Articolo UNO deve ricostruire il rapporto che la Sinistra ha ormai da tempo perso con la realtà.
Lo voglio dire così, senza più giri di parole. 
Rompiamo una volta per tutte gli schemi che non funzionano. 
Troviamo il tempo e il coraggio per chiederci cosa serve per tornare a mobilitare le persone che abbiamo perso lungo la strada, incontrare e convincere tutti quelli che sono oggi sopraffatti dalle paure e per parlare per la prima volta a quelle generazioni che hanno imparato a conoscere la politica solo come quella cosa che non serve, più o meno, a niente se non a chi la fa.
Io ho vent'anni e non ho nessuna intenzione di rassegnarmi a porre l'orizzonte della Sinistra sul 3,4 o 5% nella serenità di frequentare luoghi e spazi in cui essere sempre gli stessi, sempre meno e tutti più o meno d'accordo. 
Dopo settimane (o mesi) di – seppur interessante e necessario – dibattito incentrato sui destini della sinistra elettorale, proviamo a ricordarci che oltre alle alleanze, alle leadership, agli abbracci e alle lettere aperte sui giornali esiste un mondo di diseguaglianze ed ingiustizie che abbiamo il compito ed il dovere di assaltare, pezzo dopo pezzo, per dare una speranza a chi sta peggio e, in fondo, anche a noi stessi.

Camilla Scarpa, Articolo UNO-MDP e coordinatrice Rete degli studenti Emilia-Romagna


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Contattaci
Parola d'Autore - Articoli Recenti
Formigine, 25 aprile: ancora una agiografia della resistenza
Apoteosi di parallelismi forzati tra libertà e uguaglianza frutto della fine della seconda ..
25 Aprile 2024 - 20:54
Il loop della scarsità: anche i fallimenti vanno festeggiati
Ogni anno, per la precisione il 13 ottobre, in Finlandia si festeggia il day for failure, un..
24 Aprile 2024 - 12:54
Polizia di Stato: in arrivo altre 12 unità ma 'solo 2 per la Polstrada'
Roberto Butelli, segretario provinciale Siulp, soddisfatto dei nuovi rinforzi agli organici ..
21 Aprile 2024 - 01:41
Mostra Carpi, Giovanardi: ‘Non è chiaro chi è da parte del torto’
‘Non è poi così chiaro chi tra i due litiganti nella Chiesa di Carpi sia dalla parte ..
07 Aprile 2024 - 15:17
Parola d'Autore - Articoli più letti
Obbligo vaccinale per insegnanti, agenti e medici? Bene, ma allora non si chieda il consenso
'A questo punto consiglio a tutti i bravi cittadini di offrire senza esitazione il braccio ..
25 Novembre 2021 - 19:40
Follia Green pass, i bambini prime vittime di una società disumana
A questo punto davanti a questi adulti privi di cuore e di anima, non ci resta che sperare ..
08 Febbraio 2022 - 12:52
'Il vaccino non rende immuni: questo fa decadere ogni obbligo'
Giovanardi: 'Stupisce e sconforta che gli Ordini Professionali si accaniscano contro ..
29 Dicembre 2021 - 21:23
'Festa Unità: è il vuoto totale, a Modena non esiste centrosinistra'
Il Psi: 'Da Muzzarelli lettera piena di dignità e di passione ma anche di un inascoltato ..
31 Agosto 2018 - 11:38