La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliParola d'Autore

Modena, la città dove i ricchi possono scegliere la scuola d'infanzia per i figli. I poveri no

La Pressa
Logo LaPressa.it

Tariffe diverse a seconda del gestore; un sistema nel quale si può dire che: i ricchi possono scegliere, i poveri no


Modena, la città dove i ricchi possono scegliere la scuola d'infanzia per i figli. I poveri no

C’era una volta, il centro sinistra; era molto diverso da quello di oggi. Parliamo dell’inizio degli anni ’60, quando i socialisti, dopo un lungo e tormentato percorso, abbandonavano l’alleanza con PCI e iniziavano a sostenere governi a guida democristiana. Ma non lo volevano fare gratis; nel loro programma avevano chiari e precisi obiettivi: uno di questi era la scuola materna statale.

In quegli anni, c’era il boom economico, sempre più donne, soprattutto al nord, entravano nel mondo del lavoro e, quindi, c’era la necessità di sempre maggiori servizi a favore dell’infanzia. Nel periodo precedente, tali servizi erano forniti soprattutto da enti religiosi e, proprio per questo, il PSI voleva istituire scuole materne statali; obiettivo chiaro ed esplicito era quello di togliere alla chiesa il monopolio dell’educazione dai 3 ai 6 anni.

Dopo ripetuti scontri con l’ala più conservatrice della DC, nel ’68, un anno abbastanza turbolento, venne finalmente approvata la legge istitutiva.

Intanto, però, c’era mezza Italia che andava avanti; molte città del nord, governate spesso da giunte di sinistra, già da alcuni anni, avevano iniziato ad istituire proprie scuole dell’infanzia, sia per estendere il servizio, sia per meglio qualificarlo, sia in concorrenza con gli enti religiosi.

Anche a Modena, si aprì uno scontro abbastanza vivace tra PCI e PSI, allora insieme alla guida della città, su che tipo di scuole promuovere.

Da una parte il PCI schierato per una forte presenza comunale con lo scopo di fare da traino a tutto il sistema; dall’altra il PSI che, sia per questioni di bandiera che di bilancio, reclamava l’istituzione di scuole statali; la Dc, ovviamente, si erigeva a tutela delle “scuole libere”. Il risultato fu che il Comune di Modena continuò ad istituire proprie scuole, attivando solo poche statali, molte delle quali in locali precari con la ovvia conseguenza che, in questo modo, il pubblico era comunque insufficiente per far fronte alla crescente domanda. La non volontà di espandere le scuole statali, accompagnata dalle crescenti difficoltà di bilancio, portò quindi (anche per patto politico, così almeno credo), a rivalorizzare e rivitalizzare le languenti scuole degli enti religiosi (e non solo) con convenzioni che comportavano robuste iniezioni di denaro pubblico.

A questo punto, prima di continuare, occorre fare alcune precisazioni. Le scuole comunali sono a totale carico dell’amministrazione locale; quelle statali, salvo i locali, sono a totale carico dello stato; quelle private sono a carico delle famiglie, ma godono, ad oggi, come abbiamo visto, di consistenti contributi pubblici, se convenzionate.

Il tonfo avvenne però durante il mandato dell’assessore Querzè, ove le restrizioni di bilancio e nelle assunzioni condussero l’amministrazione comunale a trasferire una decina di scuole ad una Fondazione da se stessa finanziata.

Perché, in quel momento, non si optò per una graduale statizzazione sgravando il bilancio comunale dai costi di 2.540.000 (dato 2018) che vengono trasferiti alla Fondazione?

Il risultato, come abbiamo visto nelle precedenti puntate (Scuole per ricchi e scuole pubbliche per poveri: ecco la scuola inclusivaScuola Modena, fin dalla culla si consolida la stratificazione sociale), è quello di un sistema frammentato, con tariffe diverse a seconda del gestore; un sistema nel quale si può dire che: i ricchi possono scegliere; i poveri no.

Ora che fare? Ne parleremo nella prossima puntata.

Franco Fondriest



Franco Fondriest
Franco Fondriest

Sono di origine trentine, ma ho trascorso la maggior parte della mia vita a Modena. Mi sono laureato in pedagogia ed ho svolto la mia attività lavorativa prevalentemente nella mia ..   Continua >>


 

Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:132861
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:98086
Inchiesta sui minori 'Angeli e Demoni': indagati altri due sindaci
Politica
02 Luglio 2019 - 16:02- Visite:60941
Così il M5S appena un mese fa donava soldi alla onlus Hansel e Gretel
Politica
28 Giugno 2019 - 22:51- Visite:52006
Sanità, svolta in Emilia-Romagna: la regione apre ai privati
Politica
10 Luglio 2018 - 14:14- Visite:49876
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:47371
Parola d'Autore - Articoli Recenti
Salvini, Zaia, Fontana: tre punte per..
In tre hanno coperto tutte le casistiche, e ora si parla solo di loro: è questa la forza ..
29 Febbraio 2020 - 10:07- Visite:433
Coronavirus, così si è passati dal ..
Ma in Italia non siamo abituati alla prevenzione, tant’è che quando accade un’alluvione..
25 Febbraio 2020 - 07:37- Visite:1333
Coronavirus, pandemia mediatica? Ma i..
In Italia abbiamo già diversi focolai, almeno 4/5, una cinquantina di casi e due morti. ..
22 Febbraio 2020 - 14:28- Visite:1538
Modena, da un anno le sedute del ..
Un Consiglio comunale che 'si adagia' su quanto prodotto dai suoi Uffici, è uno dei ..
18 Febbraio 2020 - 23:56- Visite:1476


Parola d'Autore - Articoli più letti


'Festa Unità: è il vuoto totale, a ..
Il Psi: 'Da Muzzarelli lettera piena di dignità e di passione ma anche di un inascoltato ..
31 Agosto 2018 - 11:38- Visite:41711
E dopo il Modena calcio toccherà al ..
In difesa di Stoytchev. Ngapeth non è un bell’esempio per i giovani della pallavolo che ..
18 Aprile 2018 - 14:41- Visite:25086
Crisi Coop Alleanza 3.0, ex leader ..
Vezzelli: 'Ricordiamo che Alleanza 3.0 ha la proprietà della più grande rete televisiva ..
13 Gennaio 2019 - 18:31- Visite:21746
'Neonato morto: col punto nascite di ..
Parla il ginecologo Locatelli (Forza Italia): 'La paziente con distacco di placenta ha ..
02 Novembre 2017 - 20:41- Visite:16840