La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliPolitica

'Fusione Fer-Rfi, esclusa la Modena-Sassuolo, rischierà la chiusura'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Gigetto stralciato dall'accordo firmato da Bonaccini-Gentiloni per il passaggio entro il 2021, alla rete nazionale. M5S e Lega contrari: 'La Regione ci ripensi'


'Fusione Fer-Rfi, esclusa la Modena-Sassuolo, rischierà la chiusura'

Tre linee ferroviarie dell’Emilia-Romagna a rischio chiusura tra poco più di un anno: sarebbe l’effetto dell’accordo siglato nel 2017 dal Presidente della Regione Bonaccini con l’allora premier Gentiloni e il ministro Delrio che prevede il passaggio delle linee gestite attualmente da Fer a Rfi. Tutte tranne tre: la Modena-Sassuolo, la Ferrara-Codigoro e la Reggio-Ciano che dal 2021 resteranno in capo alla Regione.

Un passaggio, quello definito dall'accordo Stato e Regione, criticato da M5S e Lega. Per entrambi il rischio di effetti negativi sulla rete è alto sia per le linee che passeranno a RFI sia per le linee che rimarranno sotto la competenza della Regione e che non godrebbero più dei finanziamenti statali.

A lanciare l’allarme è Silvia Piccinini, consigliera regionale del MoVimento 5 Stelle, concentrata sulle tre linee escluse dall'accordo, e quindi escluse dal passaggio. Tra queste, appunto, la Modena-Sassuolo. 'Le line che da fine 2020 resteranno in capo alla Regione, avranno più di una probabilità di essere dismesse nel giro di pochissimo tempo” - afferma

A sostegno di questa tesi ci sarebbero i numeri sulle risorse che negli ultimi anni la Regione ha destinato alla manutenzione delle ferrovie regionali gestite direttamente da Fer. “Da anni ormai – aggiunge la consigliera regionale del MoVimento 5 Stelle – le giunte del Pd a guida della Regione riservano pochi spiccioli alle linee ferroviarie di diretta competenza della Regione. Quest’anno sono stati 14 milioni per la manutenzione di 364 km di binari, in pratica neanche 44 mila euro a km. Venti volte di meno della Lombardia che, per le sue linee di circa 85 chilometri interconnesse con quelle nazionali, investe in manutenzione la bellezza di 90 milioni di euro.

Ma siccome Bonaccini e Donini pensano nei fatti solo alla Cispadana, le risorse in Emilia-Romagna si trovano e vengono previste solo per ‘la cura del cemento’ e per un’autostrada che è in naftalina ormai da quasi 30 anni: oggi siamo a 280 milioni stanziati o promessi da viale Aldo Moro. Con pochi di più – conclude Silvia Piccinini – si assicurerebbe su tutta la rete regionale lo stesso standard di sicurezza nazionale, che significherebbe poter superare il limite di velocità dei treni sulle linee Fer, oggi a 70 km/h, e garantire così un servizio degno, efficiente ed attrattivo per i pendolari, oltre a salvare le tre linee che Bonaccini e Donini di fatto stanno condannando a morte”.

Punta sulla non obbligatorietà del passaggio a RFI il Capogruppo regionale Lega Alan Fabbri: “La fusione di Fer con Rete Ferroviaria Italiana non è obbligatoria e non va data per scontata.  I costi a carico dell’ente andrebbero ad aumentare mentre gli investimenti e le migliorie sulle linee, soprattutto quelle utilizzate dai pendolari, sono tutt’altro che garantiti. Inoltre cancellare un servizio regionale, in un settore strategico, proprio oggi che finalmente si ragiona di autonomia regionale è contraddittorio e probabilmente frutto di logiche vecchie, che potrebbero portare più svantaggi che altro.

“E’ sgradevole assistere al solito teatrino di un Pd che per giustificare scelte maldestre parla di obblighi che non esistono”, specifica Fabbri. “Innanzitutto l’assessore Donini sa benissimo che il decreto legge a cui fa riferimento, prevede semplicemente che ‘le Regioni possano (e non debbano obbligatoriamente) concludere accordi per il subentro nella gestione a favore di Rfi’ e che, quindi, non esiste alcun obbligo normativo che lo impone”. Inoltre “da quando è nata, Fer risulta una società stabile, con bilanci in pareggio, per la quale una eventuale fusione potrebbe comportare conseguenze negative, più che positive”.

Per esempio “non è previsto alcun investimento da parte di Rfi sulle linee regionali, se non un semplice elenco di tratte che potrebbero, un giorno non specificato, essere oggetto di migliorie”, da cui peraltro sono escluse diverse linee fondamentali per i pendolari (Ferrara Codigoro, Modena Sassuolo e Reggio Emilia-Ciano d’Enza quindi destinate alla dismissione) “e non è certo una garanzia sufficiente per fare un passo importante come una fusione”.



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Critiche raccolta fondi, Bonaccini minaccia: 'Ci vediamo in tribunale'
Politica
05 Gennaio 2020 - 06:26- Visite:43294
'Crisi Coop Alleanza 3.0: il modello degli ipermercati ha fallito'
Politica
01 Febbraio 2019 - 13:33- Visite:41093
M5S: 'Lavoro festivo, ridare diritti ai lavoratori del commercio'
Politica
27 Marzo 2018 - 15:08- Visite:33786
Riccione, sindaco si ribella a Bonaccini: 'Io lunedì apro le spiagge'
Politica
02 Maggio 2020 - 00:19- Visite:33204
Bonaccini: 'Emilia Romagna pronta a riaprire 27 aprile. Ma no scuole'
Societa'
20 Aprile 2020 - 12:40- Visite:32820
Sanità, più risorse ai privati. Bonaccini firma accordo
Politica
20 Novembre 2019 - 17:49- Visite:32772
Politica - Articoli Recenti
Emilia Romagna, Rt peggiore d'Italia...
'A noi spetta il compito di individuare tempestivamente e circoscrivere gli eventuali ..
03 Luglio 2020 - 21:13- Visite:1272
Sondaggio Dire-Tecnè: scende la Lega..
Bene Azione, secondo partito per incremento negli ultimi sette giorni. E’ quanto emerge ..
03 Luglio 2020 - 18:35- Visite:440
Covid, ordinanze opposte: Zaia ..
Da domani nei bar emiliani tornano le carte da gioco e i giornali di carta da sfogliare. Ok ..
03 Luglio 2020 - 16:56- Visite:1795
Articolo Uno: 'La sanità modenese ha..
'Questo è il tempo per una nuova programmazione sanitaria locale. Occorre aggiornare la ..
03 Luglio 2020 - 16:31- Visite:412


Politica - Articoli più letti


'Vaccini, ecco il rapporto tra la ..
Esposto del Codacons all'Autorità nazionale anticorruzione
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:141930
Segretario Pd: ‘Votare Lega ..
Gianluca Fanti, segretario Pd Madonnina si lancia in ardite affermazioni
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:101884
'Commissione Bibbiano, M5S inizia ..
Il capogruppo di Forza Italia in Regione Andrea Galli critica la richiesta di soggetti da ..
07 Agosto 2019 - 14:23- Visite:75595
Autostrade, la concessione resta: la ..
La neo ministro De Micheli, è stata una delle principali animatrici del laboratorio di ..
08 Settembre 2019 - 11:50- Visite:70302