Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
articoliPolitica

Istituto Resistenza, dal Comune di Modena 36mila euro all'anno

La Pressa
Logo LaPressa.it

Rossini: 'Cosìil Comune di Modena finanzia solo la ricerca storica a senso unico. Le storie di Rolando Rivi o di Dapinguente l'Istituto le ha dimenticate?'


Istituto Resistenza, dal Comune di Modena 36mila euro all'anno

Il Comune di Modena rinnova per tre anni la convenzione con l’Istituto storico proprio mentre sono in corso i lavori nel comparto ex Fonderie per riqualificare la palazzina che diventerà la sede dell'organismo con uffici, biblioteca e archivio, sale didattica e uno spazio per organizzare conferenze. La delibera della convenzione è stata approvata dal Consiglio comunale nella seduta di giovedì. Il provvedimento è stato presentato dall'assessore alla Cultura Andrea Bortolamasi ed è stato approvato con il voto favorevole di Pd, Sinistra per Modena, Modena civica, Verdi e Movimento 5 stelle; l’astensione di Lega e Forza Italia e il voto contrario di Fratelli d’Italia – Popolo della famiglia. La convenzione per il sostegno all'Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea di Modena e provincia prevede, come la precedente, un impegno economico a carico dell’Amministrazione di 36mila euro ogni anno.

La critica

'Il Comune rappresenta tutti i cittadini e per questo dovrebbe o non finanziare nessun istituto storico oppure, meglio, finanziarne vari in modo da garantire il pluralismo e la libertà, ripartendo tra quei vari le risorse disponibili. Invece, mentre il Comune non ha voluto riconoscere una ispirazione (quella cristiana) nel progetto educativo delle scuole Fism con il malcelato fine di omologare l’istruzione 0-6 anni, contemporaneamente finanzia solo un istituto per la storia della Resistenza, che ha evidentemente una precisa ed esplicitata ispirazione. Quindi a Modena se le ispirazioni sono differenti da quelle condivise dalla amministrazione si impedisce di esplicitarle, non vengono riconosciute nel nome del principio della laicità dello Stato, se invece le ispirazioni sono condivise dalla amministrazione, allora non solo se ne consente la manifestazione ma la si incentiva'. Così la capogruppo di Fdi-Popolo della famiglia Elisa Rossini ha argomentato il proprio no alla delibera. 'Fino a quando non si finanzieranno e sosterranno altri istituti con una differente esplicitata e valorizzata ispirazione, il nostro voto su questa convenzione sarà negativo. E' sufficiente citare due casi noti.
Il primo è quello di Alfredo Dapinguente, esule istriano storico editore modenese. Nel giorno del ricordo dedicato alle vittime delle foibe egli ricorda spesso il suo arrivo a Modena insieme alla sua famiglia sottolineando come per i comunisti di allora fosse inconcepibile fuggire da quello che consideravano il paradiso terrestre. Dapinguente fuggiva per avere la libertà e veniva trattato come fascista: i suoi genitori dovettero per anni vivere a Modena esclusi, in silenzio, nascondendo le proprie sofferenze. Questa storia l'istituto per la storia della Resistenza non la racconta. L'altra drammatica vicenda è quella del 14enne Beato Rolando Rivi. Il 10 aprile 1945, durante le ultime fasi della guerra di liberazione, fu rapito da un gruppo di partigiani comunisti che lo costrinsero a seguirli nella boscaglia. Accusandolo di fare la spia per i fascisti, dopo tre giorni di percosse, umiliazioni e sevizie, lo uccisero a colpi di pistola in un bosco di Piane di Monchio, frazione di Palagano. Anche questa storia l'istituto per la storia della Resistenza non la racconta - chiude Elisa Rossini -. Ecco perchè abbiamo bisogno di altri Istituti che facciano ricerca anche su questi fatti storici. Solo così si garantirebbe il pluralismo e si libererebbe anche l’Istituto per la storia della Resistenza dalla necessità di giustificare la propria legittima ispirazione'.




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Politica - Articoli Recenti
'Il Pd è il partito della borghesia ..
A parlare è l'ex presidente di Legacoop Modena Roberto Vezzelli
31 Luglio 2022 - 14:17
Ucraina, il Papa ora fa il Papa: ..
Parole che suonano come un monito profondo da parte del Pontefice alla posizione dell'Europa..
31 Luglio 2022 - 12:50
Alla fine Puzzer si candida, sarà ..
Stefano Puzzer ha cambiato idea. Il leader del movimento 'La gente come noi non molla mai' ..
31 Luglio 2022 - 12:17
Di Maio in seggio emiliano blindato ..
Il video di allora: 'Io col partito che in Emilia Romagna toglieva i bambini alle famiglie ..
30 Luglio 2022 - 20:24
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58