La Corte Costituzionale rimanda Carlo Giovanardi a processo
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
articoliPolitica

La Corte Costituzionale rimanda Carlo Giovanardi a processo

La Pressa
Logo LaPressa.it

Giovanardi (Popolo e Libertà): 'Così si riduce al silenzio il Parlamento'


La Corte Costituzionale rimanda Carlo Giovanardi a processo
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

L'ex parlamentare modenese Carlo Giovanardi tornerà a processo per le presunte pressioni che avrebbe esercitato, quando era senatore, nei confronti della prefettura di Modena, affinché riammettesse due imprese nella White List per la ricostruzione post sisma emiliano del 2012. La posizione di Giovanardi, a processo in tribunale a Modena, era stata 'congelata' in attesa che la Corte Costituzionale si pronunciasse, dato che il Senato si era espresso in favore del politico, sostenendo che negli episodi contestati dalla procura di Modena Giovanaerdi avrebbe soltanto espresso opinioni nell'esercizio delle funzioni di parlamentare.

Al contrario, per la procura di Modena l'ex ministro deve rispondere di rivelazione ed utilizzazione di segreti d'ufficio, violenza o minaccia ad un Corpo politico, violenza o minaccia a un pubblico ufficiale. Condotte che, si è espressa la Corte Costituzionale, 'non possono essere inquadrate tra le 'opinioni' espresse nell'esercizio della funzione parlamentare.

Pertanto, non spettava al Senato - chiarisce la Corte - deliberare la loro insindacabilità: va annullata la deliberazione del Senato del 16 febbraio 2022'. Dunque Giovanardi tornerà davanti al giudice. 

'I membri del Parlamento non possono essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati nell 'esercizio delle loro funzioni', così stabilisce l'articolo 68 della Costituzione e così a suo tempo ha votato in Aula il Senato della Repubblica in merito alle mie critiche espresse in Aula, in Commissione Giustizia e in Commissione antimafia sulle modalità con le quali le Prefetture paralizzano le imprese con le interdittive antimafia, che sono meri atti amministrativi - afferma Carlo Giovanardi -.

Il Tribunale di Modena, che mi aveva rinviato a giudizio per pressioni e minacce nei confronti della Prefettura, ha sollevato conflitto di attribuzione presso la Corte Costituzionale, che ha dato in gran parte ragione al Tribunale di Modena e torto al Senato, sostenendo che avendo l'accusa configurato le mie pubbliche affermazioni non come opinioni non sindacabili, ma come condotte materiali di pressioni e minacce, il processo, a quasi dieci anni dai fatti, deve continuare'. 

'Come già Ministro per i Rapporti con il Parlamento e Vicepresidente della Camera non posso non rilevare che in base a questa decisione ai Parlamentari viene tolta anche il diritto di parlare, essendo sufficiente che una Procura interpreti l'opinione pubblicamente espressa come pressione e minaccia, per svuotare completamente il Parlamento di una sua fondamentale prerogativa. Investirò nuovamente il Senato della questione perchè la Giunta delle Autorizzazioni aveva già votato nella scorsa legislatura che per il mio rinvio a giudizio erano state utilizzate intercettazioni fraudolentemente carpite, senza chiedere il preventivo via libera del Senato. Continua pertanto la mia battaglia a favore delle libertà dei cittadini e del Parlamento, nella radicata convinzione che in un paese democratico sono i Prefetti a dover rispondere delle loro azioni ai rappresentanti del popolo e non viceversa'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


e-work Spa
Politica - Articoli Recenti
San Felice: Michele Goldoni confermato sindaco
Ottiene il 54,37% dei voti, battendo così il diretto ed unico avversario di centro-sinistra..
10 Giugno 2024 - 16:29
San Cesario: Francesco Zuffi rieletto sindaco
Con la lista di centro.sinistra Insieme per San Cesario ha concentrato il 68,8% dei voti
10 Giugno 2024 - 16:19
A Ravarino vince centrosinistra: Maurizia Rebecchi si conferma sindaco
La candidata del centrosinistra ha vinto le elezioni amministrative col 76,5%
10 Giugno 2024 - 16:01
A Lama Mocogno vince il centrodestra di Arnaldo Ricchi
Ricchi si è imposto col 54,32% superando Pasini 823 voti contro 692
10 Giugno 2024 - 15:21
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58