Mivebo
Onoranze funebri Gibellini
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Mirandolexit, in Consiglio tutto come previsto: approvazione solo rimandata

La Pressa
Logo LaPressa.it

La Delibera votata dalla maggioranza ma non dai 2/3 dei Consiglieri. Approvazione solo rinviata alle prossime sedute, entro il 30 giugno


Mirandolexit, in Consiglio tutto come previsto: approvazione solo rimandata

Tutto come previsto. L'approvazione del documento che definisce l'uscita di Mirandola dall'Unione modenese comuni dell'area nord è solo rimandata di una/due sedute del Consiglio Comunale. Forse già alla seduta del 22 prossimo.
Una seduta, quella di ieri sera, nell'aula consigliare del Municipio di via Giolitti, a Mirandola (per la prima volta in presenza e con la diretta streaming), che doveva, per la forza (o la debolezza), dei numeri, finire così. Con una fumata grigia. Su una delibera, forse la più importante degli ultimi 15 anni per il comune capofila e per l'intera Unione, per decretare l'uscita di Mirandola dai comuni modenesi Area Nord. Votata dalla maggioranza (Lega e Fratelli d'Italia che insieme fanno 11 voti), che ieri sera non sarebbe stata sufficiente per l'approvazione. Come previsto. Una tale delibera necessitava infatti, almeno per il primo passaggio consigliare, della maggioranza dei due terzi del Consiglio comunale, per essere approvata. A meno di un cambio di rotta e di idea, alquanto improbabile, del M5S.

Ieri sera sarebbero stati sufficienti dodici voti. La maggioranza, anche se compatta e tutta presente, non sarebbe potuta andare oltre agli undici voti. Ed è così che la Delibera che definisce le ragioni dell'uscita, illustrata dal sindaco Alberto Greco, ha avuto il via libera politico della maggioranza Lega - FDI ma non quella numerica prevista. Che, per la prima seduta, è prevista per i due terzi. Insomma, tutto come previsto. Perché con quei numeri si sapeva che la Delibera, ieri sera, difficilmente sarebbe potuta passare.

Si sapeva che il gruppo PD avrebbe votato contro, e vane, da parte della maggioranza, sarebbero state le speranze di avere i voti, (su un passaggio così fondamentale, contestato dai consiglieri di minoranza per non avere avuto le prove di quanto conveniente l'uscita sarebbe per Mirandola), dei gruppi del M5S e di Più Europa. E così, con gli stessi numeri, ma a tappe forzate, visto l'obbligo di approvare tutto entro il 30 giugno (in alternativa la maggioranza dovrebbe aspettare un altro anno per riprovarci), la maggioranza chiederà la convocazione, nei tempi più stretti possibili, di una nuova seduta, per rivotare la delibera nel momento in cui non saranno più necessari i due terzi del consiglio per l'approvazione. Ma solo la maggioranza semplice. Quella che c'è, definita dalla Lega, con il supporto di Fratelli d'Italia, rappresentata dal Consigliere Marian Lugli, firmatario di una mozione che sarà approvata nella prossima seduta del 22 con il supporto della maggioranza e con la quale si chiedono garanzie per i comuni più piccoli e di puntare, anche nel momento in cui Mirandola non sarà più nell'unione, di stipulare con loro specifiche convenzioni sulla gestione dei servizi.


G.G.



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Articoli Correlati
'Commissione Bibbiano, M5S inizia opera di insabbiamento'
Politica
07 Agosto 2019 - 14:23- Visite:78492
Orrore di Bibbiano, onlus coinvolta è la stessa della Bassa modenese
La Provincia
27 Giugno 2019 - 15:22- Visite:35613
Case riposo provincia di Modena: i dati che certificano una apocalisse
Societa'
21 Aprile 2020 - 09:04- Visite:27196
Mirandola, vigilessa trovata morta, il Sulpl: 'Suicidio annunciato'
La Nera
04 Aprile 2018 - 13:58- Visite:22737
La mappa dei nuovi contagi: 6 casi a Carpi, 2 a Castelvetro e Fiorano
Societa'
17 Marzo 2020 - 18:19- Visite:20227
Coronavirus, la mappa dei contagi: 21 casi a Modena e 9 a Maranello
La Provincia
16 Marzo 2020 - 18:11- Visite:17754

Contattaci
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi così tanto tempo ..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39- Visite:12161
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:16148
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:13674
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi «perfettamente integrati» E la Camorra ora «è più presente»
02 Gennaio 2014 - 13:54- Visite:12802
Quelli di Prima - Articoli più letti
AeC, la moglie di Muzzarelli nel ..
L’azienda, coinvolta nell’inchiesta ‘Cubetto’, finanziò la campagna elettorale del ..
01 Gennaio 2014 - 20:45- Visite:21163
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:16148
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:13674
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06- Visite:12936