Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
articoliPolitica

Modena, la maggioranza si spacca sul Polo Conad: Articolo Uno dice no

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Particolarmente critici appaiono soprattutto i profili legati alla mobilità, all'inquinamento e alla qualità della vita dei residenti'


Modena, la maggioranza si spacca sul Polo Conad: Articolo Uno dice no

A sorpresa la maggioranza che sostiene la giunta Muzzarelli a Modena si spacca sul tema del progetto Polo logistico Conad.
'Il progetto sul sedime delle ex Civ&Civ, per quanto abbiamo desunto dai pochi atti amministrativi, dalle informazioni di stampa e dalla interlocuzione con i cittadini che vivono nell’area di Via Europa, per noi, Articolo Uno Città di Modena e “Sinistra per Modena” presenta un profilo di sostenibilità complessiva svantaggioso - si legge in una nota firmata dalla capogruppo Camilla Scarpa e dalla coordinatrice Maria Teresa Rubbiani -. Aspettiamo ovviamente, speriamo in tempi brevi, di vedere l’annunciato nuovo progetto informato alle prescrizioni e ai suggerimenti della Conferenza dei Servizi che si è espressa lo scorso fine febbraio per esprimere, a nostra volta, un giudizio aggiornato. Al momento il bilancio ambientale, sociale, economico e democratico (partecipazione dei cittadini) ci appaiono deficitari'.
'Particolarmente critici appaiono soprattutto i profili legati alla mobilità (congestionamento legato ai mezzi pesanti), all’inquinamento ambientale (aumento consistente delle emissioni inquinanti e clima-alteranti), alla qualità della vita dei residenti (inquinamento ambientale, rischi sanitari, perdita di porzioni di spazi pubblici verdi, invasività delle volumetrie in altezza rispetto alle altezze dell’abitato, eccessiva prossimità con l’abitato dei confini delle strutture). Relativamente alle emissioni dei mezzi pesanti che circoleranno, in assenza di consistenti azioni di compensazione e mitigazione, obiettivamente, questi aggiungeranno un carico ambientale e di qualità dell’aria scarsamente sostenibili - continua Articolo Uno -. Abbiamo incontrato in diverse occasioni i rappresentanti del “Comitato Villaggio Europa” e da tali incontri è emerso un nucleo di cittadini molto legati al loro territorio, che hanno dimostrato una conoscenza approfondita del progetto originario, la consapevolezza che, a norma di legge, questo nuovo insediamento potrebbe essere realizzato e, proprio per questo, si sono fatti parte attiva proponendo osservazioni e suggerimenti per consentire una convivenza che possa essere la più sostenibile per i cittadini e la società Conad'.

'Lavoreremo perché si giunga ad una soluzione condivisa, che tuteli gli interessi della comunità di cittadine e cittadini che vive nell’area, del Comune e della Conad. Questo passa attraverso una seria e rigorosa analisi costi/benefici, su ogni fronte, da quello ambientale/sanitario, a quello economico e democratico che deve vedere la partecipazione della comunità della zona. C’è però un problema emergente che come istituzioni e politica dovremo prima o poi affrontare: la gemmazione disordinata di poli logistici su tutto il territorio, senza programmazione generale e completamente spoglia di ogni obiettivo di intermodalità col ferro. Per questo a fine mese abbiamo previsto un incontro tra esponenti della Regione, esperti, cittadini, politici ed Istituzioni con l’obiettivo di capire cosa sta maturando in Viale Aldo Moro sulla pianificazione dei Poli Logistici e sull’utilissimo strumento della Comunità Energetiche, per mitigare, compensare gli impatti. Proprio a partire dall’intervento Conad in via Europa' - chiudono Maria Teresa Rubbiani e Camilla Scarpa.



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Politica - Articoli Recenti
Di Maio in seggio emiliano blindato ..
Il video di allora: 'Io col partito che in Emilia Romagna toglieva i bambini alle famiglie ..
30 Luglio 2022 - 20:24
Pd regala collegio sicuro in Emilia a..
'Credo che Luigi Di Maio sia stata la persona che più ha compreso potenzialità e gli ..
30 Luglio 2022 - 19:51
Voto, Pd Modena fa la rosa dei ..
Fanno parte della lista l’ex direttrice sanitaria Ausl, appena andata in pensione, Silvana..
30 Luglio 2022 - 16:23
Dai 5 Stelle ad Articolo 1: la nuova ..
Porte aperte in Articolo 1 per Max Bugani e Marco Piazza, i due storici esponenti del ..
30 Luglio 2022 - 14:40
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58