Modena, ok all'ampliamento dello stabilimento Maserati
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Modena, ok all'ampliamento dello stabilimento Maserati

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il Consiglio ha approvato all’unanimità la delibera che consente la realizzazione di un nuovo volume destinato alla ricerca per la produzione di auto elettriche


Modena, ok all'ampliamento dello stabilimento Maserati
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Lo stabilimento Maserati si amplierà con un ulteriore volume al confine con via San Giovanni Bosco, che consentirà all’azienda di sviluppare ricerche per il miglioramento delle tecnologie nella produzione di auto elettriche, con positive ricadute occupazionali e ambientali.
Il Consiglio comunale, nella seduta di giovedì, infatti, ha dato il via libera all’unanimità all’intervento di ampliamento dello stabilimento Maserati di via Ciro Menotti in variante agli strumenti urbanistici per distanza inferiore ai 5 metri dal confine di proprietà. L’intervento di ampliamento segue quello già autorizzato nel 2019 e consiste nella realizzazione di un secondo stralcio di opere volte al riordino delle costruzioni esistenti lungo tutto il confine con via San Giovanni Bosco.

'Si tratta di un piccolo ampliamento – ha spiegato l’assessore all’Urbanistica Anna Maria Vandelli presentando la delibera – di poco superiore ai 300 metri quadrati e l’attuale strumento urbanistico consente capacità edificatoria residua nel comparto.

L’elemento oggetto di deroga è infatti la minore distanza dal confine rispetto a quanto previsto dagli strumenti urbanistici dell’edificio in progetto, che andrebbe ad allinearsi alla precedente costruzione, anch’essa in confine. Vista la natura dell’area e il fatto che si tratta di una strada chiusa che termina contro la ferrovia e non presenta potenzialità futura di sviluppo, ma che dovrà essere rafforzata come zona 30, si ritiene di poter autorizzare la richiesta”. L’assessora ha quindi evidenziato che “l’evoluzione delle tecnologie automobilistiche e l’introduzione dei motori elettrici comportano nuovi studi e le sperimentazioni rendono necessari nuovi spazi. Trattandosi di intervento all’interno di un’area produttiva esistente, inoltre, l’ampliamento è coerente con le politiche di contenimento dell’uso del territorio'.

Il progetto definitivo di ampliamento dello stabilimento è stato approvato in sede di Conferenza dei servizi. Nel dettaglio il nuovo edificio, destinato a officina attrezzeria, avrà una superficie di 154 metri quadrati al piano terra a deposito, di 134 al primo piano adibita a locale celle prova per componenti di auto elettriche, mentre il secondo piano sarà costituito da un lastricato di copertura e da un locale per impianti tecnologici. Nel comparto verranno installate tre nuove colonnine di ricarica elettrica per auto, realizzati 10 posti biciclette dotati di una colonnina di ricarica e saranno destinati a verde una cinquantina di metri quadrati con la messa a dimora di tre alberi ad alto fusto.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Articoli Correlati
La piazza di Massimo
Politica
11 Giugno 2024 - 02:39
Modena, ecco i nomi del nuovo Consiglio comunale
Politica
10 Giugno 2024 - 23:06

Feed RSS La Pressa
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che era diventata una famiglia
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era informazione a pagamento dei poteri?
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06