Negrini
GIFFI NOLEGGI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Negrini
articoliPolitica

Mori a Modena: 'Dimostrerò l'essenza della trattativa Stato-Mafia, non mi fermo'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il generale Mario Mori, già comandante dei Ros, dopo 13 anni di processi e l'assluzione finale ospite del Festival Giustizia Penale: 'Non è un problema giudiziario ma politico'


Mori a Modena: 'Dimostrerò l'essenza della trattativa Stato-Mafia, non mi fermo'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.




'Non mi fermo qua, voglio sostenere e testimoniare quello che è l’essenza della trattativa Stato-mafia che ritengo ancora attuale, come era attuale al tempo di Falcone e Borsellino. Voglio proseguire perché ritengo che non sia più un problema giudiziario ma è ancora e molto evidentemente un problema politico'.

Il generale Mario Mori, già comandante dei Ros, dopo 13 anni di processi e vessazioni è stato assolto in Cassazione nel procedimento che lo vedeva implicato in merito alla cosiddetta trattativa Stato mafia, ed è stato dunque ritenuto del tutto estraneo a ogni trattativa illecita.

Il Generale è intervenuto pubblicamente al Festival della Giustizia Penale ripercorrendo, in una lunga e appassionata disanima, il percorso che lo portò alla cattura di Totò Riina, il rapporto anche personale con Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e, naturalmente, i suoi procedimenti processuali.

Riguardo ai suoi rapporti con Vito Ciancimino ha spiegato: 'Ciancimino non era uomo d’onore, anche se conosceva benissimo l’ambiente mafioso e come muoversi al suo interno. Dopo la morte di Falcone (e quando si prospettava quella di Borsellino) l’ho conosciuto, l’ho trattato bene per avere un confidente e feci due iniziative innovative: provare ad alzare il livello dei nostri contatti con la controparte e mandare quello che ritenevo il mio ufficiale più efficiente (Ultimo) con 15 uomini a Palermo, dove gli dissi di non frequentare le caserme, ma di trovare e catturare Riina. Come diceva Dalla Chiesa quando si trovano persone di queste organizzazioni non si arrestano, ma si seguono: se non si capisce questo non si può fare alta polizia». Mori ha proseguito spiegando i motivi di questo rapporto, che lo ha portato a processo, sottolineando la trasparenza e la linearità dei loro contatti, una linea riconosciuta sia in Appello che in Cassazione.

Sui suoi rapporti con Falcone e Borsellino, Mori ha raccontato della collaborazione per l’avvio dell’indagine “mafia-appalti”, e delle loro personalità, tanto opposte quanto complementari. Dopo le loro morti, ha raccontato: «In quel periodo non solo la politica scomparve, ma anche le gerarchie delle forze di polizia non dissero una parola. La nostra reazione fu “vabbè siamo soli e allora combattiamo come sappiamo fare”. Quando mi sono sentito solo, Borsellino e Falcone mi hanno dato la forza di andare avanti. Lo dovevo per dignità professionale. Lo dovevo all’amico Falcone, a Paolo Borsellino, a tutti i nostri morti. Lo dovevo a loro'.

Riguardo alla riapertura delle indagini sulle stragi del ‘92 e in particolare sulla possibile collaborazione tra mafia e ndrangheta controllata dalla massoneria, il generale spiega: 'La mafia militare, quella di quei tempi, non accettava collaborazioni, accettava solo la sudditanza da parte degli altri e pertanto non credo che possa essere coinvolto un ente superiore. In generale l’importante è sempre partire dai fatti per dimostrare i teoremi, e non viceversa. È così che faceva Falcone'.
In chiusura una nota di speranza circa l’arresto di Matteo Messina Denaro, per mano di un collega di Mori, comandante dei Ros, seguendo uno schema alla vecchia maniera: 'Una ottima operazione investigativa' la ha definita il generale.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

GIFFI NOLEGGI

Politica - Articoli Recenti
Modena, Pd: 'Migranti, Forza Italia ..
'Il Governo ha dimezzato le risorse e non mette nelle condizioni gli enti locali di ..
19 Settembre 2023 - 14:45
Sisma, sopralluogo del presidente ..
Più di un centinaio di famiglie sfollate, domani riaprono le scuole nelle tende
19 Settembre 2023 - 14:44
Contrasto a immigrazione irregolare: ..
Ma a definire, per la prima volta, un piano europeo in dieci punti è il presidente della ..
19 Settembre 2023 - 09:03
Bersani, fiducia a Schlein: 'Se noi ..
L'ex segretario Pd Bersani, che aveva abbandonato il Pd, chiude l'ultima giornata della ..
19 Settembre 2023 - 02:56
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58