Iscriviti al Canale YouTube de La Pressa
Onoranze funebri Gibellini
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al Canale YouTube de La Pressa
articoliPolitica

No alla metrotranvia: sinistra, PD e Verdi scelgono i bus

La Pressa
Logo LaPressa.it

Bocciato l'Ordine del Giorno delle di M5S e del centrodestra a sostegno del progetto da candidare ai finanziamenti del Recovery Fund


No alla metrotranvia: sinistra, PD e Verdi scelgono i bus

Rilanciare il progetto della metrotranvia cittadina, risalente al 2003, candidandolo ai finanziamenti del Recovery Fund era la proposta contenuta nell’ordine del giorno dei gruppi di minoranza, presentato dal primo firmatario Giovanni Silingardi (M5s), e respinto dal Consiglio comunale con i voti contrari di Pd e Modena civica (astenuti Sinistra per Modena e Verdi) che hanno giudicato “superato” il progetto soprattutto in un momento in cui “si sta già valutando il riassetto del trasporto pubblico locale, anche alla luce del Pums e dei cambiamenti nel modo di muoversi e di lavorare conseguenti alla pandemia”, suggerendo, quindi, di attendere la conclusione del percorso di valutazione.

Nell’ordine del giorno, come ha sottolineato Silingardi, si affermava che lo sviluppo di una rete metrotranviaria consentirebbe al trasporto pubblico di diventare “altamente competitivo”, con frequenze adeguate, velocità importanti e fermate ravvicinate: “Una metropolitana leggera di superficie, con due linee, come previsto dell’allora Atcm nel 2003 e aggiornato oggi con un progetto cantierabile in tempi brevi, risolverebbe i problemi”.




La mozione proponeva, quindi, di candidare il progetto della metrotranvia, “che è in linea con Next generation Eu”, ai finanziamenti europei legati al Pnrr, “affiancandolo al progetto di valorizzazione e trasformazione della linea Modena-Sassuolo”.

Il Consigliere M5S Andrea Giordani ha aggiunto che la metrotranvia “farebbe il bene futuro della città: Modena si sta espandendo e un’evoluzione del trasporto pubblico sarebbe adeguata ai flussi di persone che si muovono continuamente dal capoluogo ai territori vicini, sia in ingresso sia in uscita”.

Il gruppo Lega Modena ha sostenuto la proposta, “costruttiva per la città”, come ha affermato Alberto Bosi: “Forte di un progetto già pronto, la metrotranvia risolverebbe il problema del traffico e dello smog”. Inoltre, la metrotranvia, ha aggiunto Giovanni Bertoldi, sarebbe “l’unica soluzione per avvicinare i cittadini al trasporto pubblico, realizzabile rapidamente e con costi accettabili”.

'Ancora una volta la maggioranza in consiglio comunale boccia una proposta costruttiva delle opposizioni per la città ma lo fa spaccandosi. PD da una parte, Sinistra per Modena e i Verdi dall’altra' - affermano i consiglieri comunali leghisti.

“Si tratta di un intervento fondamentale per Modena” ha rimarcato il capogruppo Alberto Bosi “con un piano di realizzazione di due linee metropolitane di superficie già ben delineato e cantierabile in tempi brevi. Inutile dire che un provvedimento come questo non solo consentirebbe un forte sviluppo del trasporto pubblico locale - consentendo di collegare diversi punti chiave della città con frequenze adeguate, velocità notevole e fermate ravvicinate - ma che risolverebbe in misura sostanziale e decisiva i problemi di mobilità cittadina e d’inquinamento, con conseguenti ricadute positive sull’ambiente e sulla salute dei modenesi”.
“Modena da questo punto di vista partirebbe sicuramente in vantaggio rispetto ad altre città che potrebbero farne richiesta, dal momento che il programma di lavoro è praticamente già pronto. Peraltro, oltre ai contributi europei si potrebbero richiedere risorse statali come hanno fatto Modena e Reggio, dove le linee metrotranviarie sono in corso di costruzione” ha fatto notare il capogruppo leghista

Elisa Rossini (Fratelli d’Italia - Popolo della famiglia) ha ricordato che nel 2005 il Consiglio comunale aveva approvato, col voto della maggioranza, il progetto per la metrotranvia che “era rimasto nel cassetto perché i costi erano molto alti. Oggi però si potrebbero ottenere finanziamenti europei”.

Vincenzo Walter Stella (Sinistra per Modena), mantenendo il Pums come piano di riferimento per il trasporto pubblico, ha proposto l’adozione di autobus a transito rapido: “Bus elettrici ed ecologici che si muoverebbero sulla rete già esistente con impatto ambientale nullo. Inoltre, a parità di costi con la metrotranvia, si potrebbero realizzare 4 o 5 linee invece di due”.

Anche Diego Lenzini, per il Pd, ha rilevato la necessità di “dare impulso al trasporto pubblico, restando nella cornice del Pums e coinvolgendo Amo”, affermando che un progetto del 2003 difficilmente si può adattare a una città che oggi ha una “visione differente su crescita, urbanizzazione e rigenerazione”.

Marco Forghieri ha suggerito di attendere la conclusione del percorso di valutazione iniziato con il Pums”, considerando anche che “in conseguenza all’emergenza Covid stanno emergendo nuove tendenze nella modalità e, soprattutto, nella quantità degli spostamenti”.

Katia Parisi (Modena civica) ha motivato il voto contrario all’ordine del giorno perché “in questo momento non siamo nelle condizioni di valutare un’operazione così complessa e con ricadute così significative”.

Paola Aime (Verdi) ha fatto presente che è necessario anche avere “una visione complessiva sul trasporto pubblico”, come quella che scaturirà dagli studi in corso che dovrà avere come temi centrali “il Piano del trasporto pubblico, con focus sulla linea ferroviaria Modena-Sassuolo, e l’ipotesi di assetto urbanistico dell’hub intermodale di piazza Dante, che si estenderà fino all’area scalo merci”.

Ricordiamo che la giunta comunale, nell'elenco delle opere legate alla mobilità da finanziare con recovery fund, ha inserito la diagonale della Madonnina, e la riqualificazione viaria della 'stazione piccola', con un nodo intermodale e con il potenziamento del trasporto su elettrico su gomma


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Onoranze funebri Gibellini
Articoli Correlati
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:109575
'Commissione Bibbiano, M5S inizia opera di insabbiamento'
Politica
07 Agosto 2019 - 14:23- Visite:79684
Sanità, svolta in Emilia-Romagna: la regione apre ai privati
Politica
10 Luglio 2018 - 14:14- Visite:53646
Lgbt, la legge è stata approvata dopo 51 ore di dibattito: asse ..
Politica
27 Luglio 2019 - 06:19- Visite:50611
Covid, Aimi: 'Da Modena un medicinale che contrasta il virus'
Societa'
08 Aprile 2020 - 12:33- Visite:48808
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0: soci prestatori esigono risposte
Il Punto
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:35423

Politica - Articoli Recenti
Modena, Babbo Natale in tutù: ..
Fdi: ‘Viste le sue recenti battaglie e l’odio per le nostre tradizioni forse la sinistra..
27 Novembre 2021 - 16:47- Visite:4023
Il sondaggio: Pd primo partito, Lega ..
Resta giù dal podio il Movimento 5 Stelle con il 15,9% (-0,2%). Forza Italia al 7,7%
27 Novembre 2021 - 14:30- Visite:353
'Variazione Bilancio Modena, così il..
Rossini e Baldini: 'Altri 30mila euro dal Fondo Covid oltre ai 100mila finanziati da ..
26 Novembre 2021 - 12:49- Visite:1291
Variante sudafricana, stop ingresso ..
Speranza: 'I nostri scienziati sono al lavoro per studiare la nuova variante B.1.1.529'
26 Novembre 2021 - 12:16- Visite:718
Politica - Articoli più letti
'Vaccini, ecco il rapporto tra la ..
Esposto del Codacons all'Autorità nazionale anticorruzione
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:189176
Il sindacato dei carabinieri: ..
‘Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39- Visite:180783
Green Pass, nelle grandi aziende ..
Al di là della deroga per le piccole imprese, il lavoratore che non esibisce il Green Pass ..
09 Ottobre 2021 - 15:08- Visite:122636
Miracolo di Ferragosto: anche ..
'Col Green Pass ogni giorno aumenta il rischio di incontrare contagiati-contagiosi muniti di..
15 Agosto 2021 - 07:58- Visite:116920