Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
articoliPolitica

Pasqua, senza morte non può esserci rinascita

La Pressa
Logo LaPressa.it

Un messaggio, quello del vescovo, che arriva in un territorio sempre uguale a se stesso, in perenne ricerca di autocelebrazione e incapace di riconoscere errori


Pasqua, senza morte non può esserci rinascita

La speranza pasquale non è solo 'ottimismo'; non è solo 'rilancio' e nemmeno solo 'progetto': è 'rigenerazione', cioè 'nuova nascita'. Dobbiamo prendere atto che qualcosa è morto. Gesù non ha aggirato il sepolcro, ma vi ha dimorato. Noi non possiamo fondare la nostra speranza sulla circonvallazione della tomba; è un passaggio inevitabile. La speranza pasquale non può avere il suono dell'illusione, tanto più oggi che siamo tutti disincantati e provati. Deve avere il suono realistico della rigenerazione: insieme a molte persone, sono morti anche i deliri di onnipotenza e i miraggi di facile e duraturo benessere. Dalle ceneri deve rinascere qualcosa, prendendo atto di ciò che è morto; dobbiamo ripartire, certo, ma non continuando a vivere come prima – con tante ingiustizie, superficialità e risentimenti.
.
.


Il messaggio pasquale di quest'anno dell'arcivescovo di Modena ha toccato i nodi più profondi delle inquietudini che da sempre scuotono l'uomo, oggi amplificati da una contingenza fatta di lutti e restrizioni. E' un messaggio che richiama ciascuno, a livello personale e collettivo, allo sforzo più grande. Accettare la propria sconfitta, ammettere i propri errori e le proprie morti. Un passaggio che va al di là del messaggio cristiano in senso stretto, ma che è visibile anche in termini laici nei cicli stessa della natura e nei percorsi elaborati dalla esperienza umana. Senza inverno non può esserci primavera, senza l'iniziale ammissione della debolezza non può esserci uscita dal tunnel di qualsiasi dipendenza, senza scuse non può esserci perdono. Nella consapevolezza che non si tratta nemmeno di un tragitto a senso unico, di un viaggio fatto una volta per sempre, ma viceversa di un cammino circolare, di un eterno ritorno che implica una fermata come presupposto di ogni ripartenza, una sconfitta come base di ogni vittoria. Quasi che la Morte stessa debba essere accettata ogni anno per poter dare un senso alla Resurrezione.

Un messaggio, quello del vescovo, che arriva in un territorio sempre uguale a se stesso, in perenne ricerca di autocelebrazione e incapace di riconoscere i propri errori. Un territorio che forse, come nessun altro nel nostro Paese, si sta ripetendo da decenni che davvero va tutto bene e che oggi - più che mai - vede frantumarsi questa narrazione autoassolvente, quasi maniacale nella sua cantilena ottusamente amplificata dal Sistema di potere fatto di tasselli servili e interessati. Di fronte all'apparire del vero, di fronte alla strage nella cra, di fronte a una campagna vaccinale raffazzonata, di fronte alla solita testuggine che immancabilmente nega ogni errore... quella cantilena del 'siamo i più bravi' suona semplicemente ridicola. E ridicoli coloro che si ostinano a pronunciarla.

Un messaggio che però, allo stesso tempo, tocca le coscienze individuali e che impone, per chi lo vuole ascoltare, la necessità di superare la logica della delega e della ricerca delle colpe fuori da sè, iniziando a fare semplicemente il proprio pezzo. Senza machiavelliche speranze di tornaconto. Rinunciando a patetiche scuse e comodi rinvii. Accettando di poter fallire di nuovo, anche nel tentativo stesso di rialzarsi. Perchè a volte i cicli sono più brevi, a volte apparentemente interminabili e i tre giorni di chiusura del Sepolcro diventano anni. Ma nulla è mai definitivo.

Giuseppe Leonelli

Foto Frizio



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Politica - Articoli Recenti
Di Maio in seggio emiliano blindato ..
Il video di allora: 'Io col partito che in Emilia Romagna toglieva i bambini alle famiglie ..
30 Luglio 2022 - 20:24
Pd regala collegio sicuro in Emilia a..
'Credo che Luigi Di Maio sia stata la persona che più ha compreso potenzialità e gli ..
30 Luglio 2022 - 19:51
Voto, Pd Modena fa la rosa dei ..
Fanno parte della lista l’ex direttrice sanitaria Ausl, appena andata in pensione, Silvana..
30 Luglio 2022 - 16:23
Dai 5 Stelle ad Articolo 1: la nuova ..
Porte aperte in Articolo 1 per Max Bugani e Marco Piazza, i due storici esponenti del ..
30 Luglio 2022 - 14:40
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58