Studio Aurora - Cerca la casa dei tuoi sogni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Studio Aurora - Cerca la casa dei tuoi sogni
articoliPolitica

'Garantire l'apertura dei punti nascita a Pavullo e Mirandola si può e si deve'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Carte alla mano, i comitati Salviamo l'ospedale di Pavullo e Salviamo l'ospedale dalla Bassa rilanciano l'appello insieme al Consigliere provinciale di Forza Italia Antonio Platis: 'Punti nascita fondamentali anche per garantire servizi di emergenza, senza di loro gli ospedali perdono valore e e per la bassa e la montagna è inaccettabile'


'Garantire l'apertura dei punti nascita a Pavullo e Mirandola si può e si deve'
'Riaprire il punto nascita di Pavullo, come da impegno assunto dal Presidente della Regione Bonaccini in campagna elettorale dopo avere giudicato un errore averlo chiuso nel 2017, e mantenere aperto quello di Mirandola'. Sono queste le richieste rilanciate questa mattina rispettivamente dai Comitati Salviamo l'ospedale di Pavullo, rappresentato da Maria Cristina Bettini e Salviamo l'ospedale della Bassa (Mirandola), rappresentato da Ubaldo Chiarotti. Ospiti del Consigliere Provinciale di Forza Italia Antonio Platis nella sede della Provincia.
Una conferenza stampa per ribadire che l'apertura dei punti nascita degli ospedali, che la politica sanitaria provinciale degli ultimi dieci anni ha declassato significa mantenere alto il livello dei servizi degli ospedali stessi, presidio fondamentale per i due terzi della provincia comprendenti l'area montana e l'area della bassa pianura.
La conferma, come prova inversa, viene da Pavullo dove la chiusura del punto nascita nel 2017, ha avuto come conseguenza la chiusura di sale operatorie, la dismissione di servizi specialisti in campo ostetrico e ginecologico anche sul fronte dei servizi di emergenza urgenza, anestesia compresa, fondamentali per ospedali riferimento in aree territoriali lontane dagli hub della di Modena e Sassuolo. Perdita di servizi che si trasforma in un percorso in salita anche sotto il profilo dei costi per una apertura. Almeno per Pavullo. 'Ora, stando al documento con cui l'Ausl mette nero su bianco il fabbisogno per potere riaprire in sicurezza il punto nascita di Pavullo servirebbero 5 milioni di euro, di fatto per ripristinare quei servizi che a seguito della chiusura sono stati smantellati' - sottolinea Maria Cristina Bettini.

Inoltre la relazione tecnica dell'Ausl, inviata alla Regione il 22 luglio scorso, parte integrante di una richiesta formale di apertura, conterrebbe, come nel caso di Mirandola, tanti elementi di criticità che renderebbero difficile una risposta positiva da parte del Ministero. Insomma a remare contro alla riapertura di Pavullo e alla deroga all'apertura di Mirandola ci sarebbero proprio l'Ausl e la commissione tecnica sanitaria regionale che chiamata ad esprimersi sulle condizioni necessarie per proseguire con l'apertura di Mirandola, ne ha elencato forti criticità spingendosi a chiederne la chiusura al 31 dicembre 2022.



A Mirandola, dove il punto nascite era destinato alla chiusura nel 2017 insieme a Pavullo, sceso al di sotto dei 500 parti, e tenuto aperto in virtù dell'emergenza sisma, il rischio di chiusura quindi torna reale.
'Se l'ospedale non fosse stato declassato e il punto nascite non fosse stato destinato solo ai parti fisiologici dirottando un numero sempre più alto di donne in gravidanza verso l'ospedale di Carpi (come successe a Pavullo rispetto a Sassuolo), l'ospedale di Mirandola avrebbe nel distretto dell'area nord ancora il numero sufficiente di parti per potere proseguire l'attività con personale e strutture adeguati' - afferma Ubaldo Chiarotti mostrando il grafico contenuto nella relazione Ausl inviata alla regione in cui si conferma che i parti di donne residenti nei comuni dell'area nord si sono mantenuti oltre ai 500 annui. Anche il dato 2021 ne mostra 591' - sottolinea.
In sostanza se ci fosse la volontà politica, il punto nascita non solo potrebbe rimanere aperto ma anche ritrovare quella centralità per tutta l'area nord, 'da tenere ben distinta e non confondere con l'area delle terre d'argine alla quale appartiene l'ospedale di Carpi' - sottolinea Chiarotti che allarga la prospettiva all'intero ospedale. 'Di fronte alla scelta politica di rinunciare ad un unico ospedale baricentrico per Carpi e Mirandola spostato verso Cavezzo, con la scelta di realizzare il nuovo grande ospedale Ramazzini di Carpi, spostato verso Correggio, non possiamo che chiedere che l'ospedale di Mirandola rimanga o diventi ciò che venne prospettato nel 1994, ovvero un grande ospedale di riferimento per l'area nord, capace di attrarre anche dal basso mantovano anziché respingere' - sottolinea Chiarotti.
Per Mirandola la decisione del governo di prorogare lo stato di emergenza sisma, che doveva terminare il 31 dicembre, potrebbe accendere qualche speranza in più. 'Alla luce di questa novità presenteremo un altro documento in provincia per chiedere l'impegno di tutte le forze politiche per ottenere la deroga all'apertura. E sostenere la necessità, sottolineata anche dal Presidente Bonaccini, di riaprire l'ospedale di Pavullo' - rilancia Antonio Platis. 'Forza Italia, all'opposizione a Modena, ma al governo nazionale, metterà a disposizione ogni risorsa per raggiungere questo risultato'

Gi.Ga.


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Politica - Articoli Recenti
Burioni scivola anche sulla ..
'Il plurale di valigia è valige e non valigie. Ma non ce n’è uno di voi che non sia ..
31 Gennaio 2023 - 16:31
Pd, Vaccari: 'Giarrusso non può ..
'Fa parte di un gruppo diverso dal nostro al parlamento europeo, anche se è il misto, cioè..
31 Gennaio 2023 - 16:21
'Pd, voto Bonaccini: ma anche con lui..
Paruolo: 'Ma una vittoria alle primarie di Stefano Bonaccini avrebbe il senso della ..
31 Gennaio 2023 - 16:15
Antimafia, il sindaco di Sassuolo: ..
'Nel tempo, l’Associazione ha dato altresì d’avere inteso fare scelte politicamente ..
31 Gennaio 2023 - 16:04
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58