Studio Aurora - Cerca la casa dei tuoi sogni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Studio Aurora - Cerca la casa dei tuoi sogni
articoliPolitica

Punto nascita Pavullo: la relazione Ausl smonta le speranze di riapertura

La Pressa
Logo LaPressa.it

L'analisi delle condizioni e le conclusioni inviate alla Regione lasciano poco spazio, anche al ministero, per concedere un sì alla ripresa dell'attività


Punto nascita Pavullo: la relazione Ausl smonta le speranze di riapertura
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.




Che il punto nascita dell'ospedale di Pavullo, chiuso nel 2017, fosse destinato a non riaprire, era già convinzione diffusa, soprattutto per un elemento: la politica sanitaria nazionale, provinciale e regionale che aveva portato alle condizioni per la chiusura, dirottando dal 2011 sempre più donne residenti del distretto del Frignano e delle aree montane a partorire a Sassuolo o a Modena, portando al di sotto dei 500 i parti annuali, (soglia derogabile solo per particolari condizioni tra cui quelle orogeografiche, che però non vennero adeguatamente evidenziate nella prima richiesta di deroga all'apertura bocciata dal ministro Lorenzin), non era e non è cambiata.

In questa consapevolezza apparvero subito per quello che erano, ovvero promesse elettorali che probabilmente non avrebbero trovato riscontro nella realtà, le dichiarazioni, elettorali appunto, del Presidente della Regione Stefano Bonaccini, ora impegnato in un tour italiano per la corsa alla segreteria nazionale del PD.

Quando un punto nascita chiude, per volontà politica, porta con se la scomparsa di tutto ciò che ci sta attorno. Dalle sale operatorie, agli specialisti ostetrici, ginecologi, anestesisti, neonatologi. Insomma, con la chiusura di un punto nascita si chiude un intero sistema che riguarda anche l'emergenza ospedaliera. Che difficilmente potrà essere ripristinato, soprattutto nel momento in cui il ripristino di quelle condizioni per la sicurezza e per la piena operatività prevista dalla normativa sui livelli minimi di assistenza nei punti nascita, non sono più sostenibili, anche e sopratutto sotto l'aspetto economico. 

Ed è quello che emerge dalla relazione tecnica della quale siamo entrati in possesso nei giorni scorsi, con la quale l'Ausl ha trasmesso alla regione le proprie valutazioni rispetto a cosa si dovrebbe fare, allo stato attuale, all'ospedale di Pavullo, per riaprire il punto nascita. Con relativa nota spese. Comprensiva di dichiarazioni conclusive.

A differenza del punto nascita di Mirandola, ancora aperto ma per il quale la commissione tecnica regionale ha chiesto la chiusura dal 31 dicembre per carenze di personale e costi, per Pavullo il parere contrario alla riapertura non viene esplicitamente scritto, ma di fatto sta nelle cose. Soprattutto se quando queste valutazioni sono funzionali e basilari alle scelte dell'organismo politico regionale e nazionale. Al termine dell'elenco delle cose da fare e delle relative spese (tra personale e riavvio di strutture), viene calcolata una spesa da 5 milioni di euro, e l'Ausl specifica quanto segue:

Stante l’attuale contesto epidemiologico che stima per il PN di Pavullo un numero di parti attesi non superiore ai 125/anno, al fine di garantire i livelli di sicurezza attesi, occorre:

- da un lato investire sull’adeguamento della struttura e delle tecnologie attualmente non in linea con
i requisiti previsti dalla normativa,

- dall’altro, l’avvio dell’attività impone di arruolare un numero importante di professionisti in
particolare anestesisti, ginecologi e neonatologi, figure difficilmente reperibili sul mercato.
Anche ricorrendo alla collaborazione dei punti nascita di Sassuolo e Policlinico ai quali demandare
l’acquisizione del personale che poi sarà impiegato in modo integrato, le risorse necessarie potranno essere assicurate con estrema difficoltà, ora, ed almeno nei prossimi 5-8 anni. 

Inoltre, già in molte realtà si è sperimentata la rotazione del personale con risultati non ottimali, sia in termini di qualità e sicurezza dell’assistenza che di “fuga” dei professionisti da tali contesti quando prolungati nel tempo.

 

In sostanza, è come dire che le condizioni non ci sono. Smontata anche l'ipotesi, percorsa in tanti altri casi, di una rotazione dai centri della pianura alla montagna, di professionisti che in 'tali contesti' rischiano di fuggire. E' chiaro che di fronte ad uno scenario di questo genere, che volontariamente inserisce anche un elemento 'epidemiologico', non strutturale, ma non cita nemmeno per contro di uno degli elementi fondanti e strutturali per l'ipotesi di riapertura, ovvero la distanza tra la residenza e gli ospedali di Sassuolo e Modena, ed i relativi tempi di percorrenza, (fondamentale in caso di parti in emergenza urgenza visto che non possiamo dimenticare i parti in ambulanza e purtroppo la morte di un neonato all'ospedale di Sassuolo dopo il trasporto in urgenza dal comune di Pavullo), è difficile pensare che il ministero possa procedere ad un via libera alla riapertura. Assumendosi la responsabilità enorme di una forzatura sia dal punto di vista amministrativo che dal punto di vista della spesa pubblica. Insomma nella relazione tecnica vengono evidenziati solo le criticità e nessuna opportunità. E, nemmeno tanto tra le righe viene detto: le condizioni per l'apertura non ci sono. 

Assisteremo probabilmente nelle prossime settimane ad un rimpallo di responsabilità politiche su una mancata riapertura che, come detto, sta nelle cose e, per questo, quasi certa. Chi l'ha promessa in campagna dirà che di fronte al parere tecnico negativo nulla si può fare a livello politico. Fatto sta che i documenti emersi solo nelle ultime settimane, tolgono il velo di una politica che su questo fronte ha giocato sempre a carte coperte, soprattutto nei confronti dei cittadini e dei territori periferici della provincia che, in particolar modo dal 2011, hanno visto accellerare il processo di smantellamento dei presidi di prossimità, senza soluzione di continuità e soprattutto, nei fatti, senza ritorno.

Abbiamo chiesto in forma scritta questa mattina al sindaco di Pavullo se di questo ha parlato, ieri, con l'Assessore regionale alla sanità Donini, in occasione dell'inaugurazione del Pronto Soccorso ristrutturato. Attendiamo risposta.

Gi.Ga.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Politica - Articoli Recenti
Studenti 'smistati' in scuole non ..
Dodici scuole soprattutto di Modena non avrebbero ancora fornite i dati sulle iscrizioni ..
22 Marzo 2023 - 01:17
Campogalliano, nuovo allevamento ..
'In un territorio tra i più inquinati d'Europa come il modenese, si permette la ..
21 Marzo 2023 - 17:16
Piazzale San Francesco: anziché ..
Gli utenti del centro storico disorientati dai ritardi nella raccolta, e dalla compresenza ..
21 Marzo 2023 - 16:19
'Vittime di Mafia, memoria diventi ..
E' stata la città di Milano ad ospitare l'edizione 2023 della manifestazione, la ..
21 Marzo 2023 - 16:01
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58