Negrini
GIFFI NOLEGGI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Negrini
articoliPolitica

‘Quasi la metà dei richiedenti asilo accolti a Modena non ha diritto all'asilo'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il capogruppo di Forza Italia Giacobazzi sui dati forniti da Comune e Prefettura in risposta ad una sua interrogazione: 'Utilizzando i ricorsi, anche chi ha visto bocciarsi la richiesta di asilo continua a restare nei centri con vitto e alloggio pagato, anche per due anni'


‘Quasi la metà dei richiedenti asilo accolti a Modena non ha diritto all'asilo'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.




'Ciò che temevano è confermato dai numeri ufficiali forniti oggi dall’Assessore Comunale ai servizi sociali Roberta Pinelli alla mia interrogazione sulla presenza di richiedenti asilo sul territorio comunale. Su 1095 accolti nelle strutture di accoglienza presenti a Modena al 31 dicembre 2022, almeno 495 erano senza requisiti necessari per ottenere l’asilo e quindi il permesso di soggiorno, ma continuavano ad essere presenti nelle strutture perché in attesa dell’esito del ricorso avverso la decisione della commissione territoriale che aveva bocciato la loro richiesta. Una attesa che può durare anche due anni, e in circa il 60% dei casi, si conclude con un rigetto del ricorso presentato. Un rigetto che non toglie il diritto del richiedente asilo di presentare un ulteriore ricorso, prolungando ulteriormente la propria permanenza nei circuiti di accoglienza fino all’esito del giudizio che può arrivare, appunto, ai due anni'.

La condizione descritta è quella che emerge dalla risposta che il consigliere comunale di Forza Italia Piergiulio Giacobazzi ha ricevuto dall'assessore ai servizi sociali Roberta Pinelli all'interrogazione sull'accoglienza dei richiedenti asilo. 

'In sintesi - specifica Giacobazzi - ii dati confermano che svariati milioni di euro pubblici vengono spesi per l’accoglienza di persone che una volta giunti davanti ad una delle tre commissioni territoriali di valutazione in Emilia-Romagna risultano privi dei requisiti minimi (fuga da guerre, emergenze, condizioni sociali) per ottenere il diritto all’asilo. Ma che proprio grazie ai ricorsi possono continuare a godere della permanenza sul territorio e dell'accoglienza con vitto e alloggio nella rete di strutture gestite dalle cooperative dell’accoglienza.

Un sistema che vanifica anche gli sforzi fatti per accelerare i tempi di analisi delle singole richieste'. Di fatto per garantire un turn over all'interno delle strutture che dovrebbero fornire accoglienza temporanea in attesa dell'esame della richiesta di asilo.

'Se nel 2017, anno del boom di sbarchi, la permanenza nei centri di accoglienza in attesa della valutazione della propria richiesta di asilo durava anche un anno anno e mezzo, oggi grazie alla presenza di tre commissioni territoriali di valutazione, la permanenda sarebbe di 4 mesi circa, prima di essere convocati dalla commissione e di otto per l’esito. Che a seguito di diniego della richiesta di asilo, e della possibilità di fare ricorso, possono allungarsi a 48 mesi. Di fatto la possibilità di ricorso data a tutti viene utilizzata come strumento per prolungare, anche per un altro anno, la propria permanenza sul territorio e l’inserimento nelle reti dell’accoglienza, nonostante le pochissime possibilità di integrazione e di avviamento al lavoro. In un limbo sociale ed istituzionale che spesso, come la cronaca conferma, sfocia in derive illegali se non criminali da parte dei singoli soggetti. E’ chiaro che un sistema così non può reggere né socialmente, né economicamente, né sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica; un sistema che pregiudica l’obiettivo di garantire accoglienza e integrazione a chi, sulla base della normativa, ne avrebbe veramente diritto'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

GIFFI NOLEGGI

Politica - Articoli Recenti
Modena, Pd: 'Migranti, Forza Italia ..
'Il Governo ha dimezzato le risorse e non mette nelle condizioni gli enti locali di ..
19 Settembre 2023 - 14:45
Sisma, sopralluogo del presidente ..
Più di un centinaio di famiglie sfollate, domani riaprono le scuole nelle tende
19 Settembre 2023 - 14:44
Contrasto a immigrazione irregolare: ..
Ma a definire, per la prima volta, un piano europeo in dieci punti è il presidente della ..
19 Settembre 2023 - 09:03
Bersani, fiducia a Schlein: 'Se noi ..
L'ex segretario Pd Bersani, che aveva abbandonato il Pd, chiude l'ultima giornata della ..
19 Settembre 2023 - 02:56
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58