New deal in Provincia: Braglia non lo dice ma ora è lui l'alter ego di Muzzarelli
Ozonoterapia 1
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
CAFFE' L'ANTICO DANTE CAGLIARI
articoliPolitica

New deal in Provincia: Braglia non lo dice ma ora è lui l'alter ego di Muzzarelli

La Pressa
Logo LaPressa.it

Muzzarelli per la prima volta da quando è stato eletto sindaco dovrà dialogare con un alter ego pronto anche dirgli 'no'


Guarda i nostri video in anteprima, Iscriviti al nostro canale YouTube !
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Nel suo discorso di rito c'è ovviamente una lunga sere di cifre sui nodi della viabilità e dell'edilizia scolastica, prime competenze dell'Ente provinciale, e c'è la promessa di un 'atteggiamento d'ascolto' per rendere la provincia la 'casa di tutti i Comuni'. Il neo presidente della provincia di Modena, Fabio Braglia, nel presentare oggi le linee guida del suo mandato promette 'continuità' con l'esperienza del suo predecessore Giandomenico Tomei (colui che fino all'ultimo ha provato a rilanciare se stesso nel ruolo di presidente) e tende la mano agli avversari interni che ha sbaragliato, in primis il sindaco di Castelnuovo, Massimo Paradisi e quello di Vignola, Emilia Muratori.

Eppure, forte di oltre il 70% dei consensi, specchio di una compattezza del Pd e dell'intero centrosinistra sul suo nome, e del pieno appoggio del presidente della Regione Emilia Romagna e prossimo segretario nazionale Stefano Bonaccini, Fabio Braglia, al di là delle dichiarazioni di rito, si appresta a guidare una fase nuova dell'Ente.

 
Una fase nuova che in realtà si estende all'intera idea di governo del territorio modenese. La storia politica di Braglia è quella di un civico che, come prima esperienza politica, nella sua Palagano battè l'allora candidato Pd. Da lì iniziò un percorso di avvicinamento all'ala cattolica e centrista dei Dem, una stima (ricambiata) da parte di Bonaccini e un parallelo apprezzamento da parte della segreteria provinciale (di cui è stato a lungo membro in epoca renziana) oggi guidata dall'ex Ds Roberto Solomita.

E' stato proprio Solomita infatti a volerlo come presidente della Provincia, un ruolo che è tornato centrale in termini economici e politici, dopo gli anni bui della riforma Renzi. Solomita lo ha fortemente voluto spendendosi in questo senso contro la sua stessa ala ex Ds e, in fin dei conti, in aperta controtendenza politica rispetto al sindaco di Modena Giancarlo Muzzarelli, il quale appena poche settimane fa ha detto pubblicamente di aver sostenuto la candidatura della Muratori.

E allora la vera sfida che si profila all'orizzonte è proprio questa. Da una parte Muzzarelli, prossimo alla scadenza del secondo mandato da sindaco del capoluogo ma ancora plenipotenziario rispetto al governo del territorio modenese (ricordiamo che è stato presidente della Provincia a lungo prima di Tomei), dall'altra il new deal rappresentato da Fabio Braglia. Braglia rappresenta il volto sorridente e pulito di una politica nuova e di un Pd che - gioco forza, come dimostra il congresso nazionale - deve ripensare se stesso fuori dalle logiche dell'appartenenza. Un presidente della Provincia che è riuscito nel miracolo politico non solo di compattare i Dem, ma anche di raccogliere consensi a destra, come dimostra l'endorsement in suo favore da parte del suo ex avversario alle amministrative a Palagano, Giuseppe Fontana.
Braglia non lo dice, ma sa che il vero banco di prova sul quale dovrà misurarsi, al di là dei numeri di bilancio, sarà proprio il rapporto che avrà con Muzzarelli che per la prima volta da quando è stato eletto sindaco dovrà dialogare con un alter ego pronto anche dirgli 'no'. In un rapporto di dialogo vero, libero da ogni tipo di reverenza. Il sindaco di Modena sarà il vicepresidente di Braglia in Provincia (ovviamente fino al rinnovo del Consiglio provinciale) e sarà il presidente della Ctss, la Conferenza territoriale socio-sanitaria alla quale il sindaco di Palagano siederà con un ruolo importante. Allora proprio sulla sanità il neo presidente dovrà misurarsi e mostrare che a Modena è iniziato un corso nuovo. Libero da inchini ai soliti totem e sganciato da ormai sterili tabù.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


e-work Spa
Politica - Articoli Recenti
Europee a Modena, il valzer preferenze: male Fdi e Cavedagna incassa meno del previsto
A Modena prende solo poco più della metà delle preferenze che Bignami avrebbe chiesto a ..
10 Giugno 2024 - 11:52
In Emilia-Romagna cresce il centro sinistra, centro destra al palo, nonostante FDI
Sulla base dei dati alle elezioni europee, il divario tra centro-destra e centro-sinistra in..
10 Giugno 2024 - 10:23
Record di affluenza a Fiumalbo per il candidato unico Alessio Nizzi
Eletto per la prima volta nel 2019, sostenuto in primis dalla Lega, Nizzi ha ottenuto così ..
10 Giugno 2024 - 08:08
Europee a Carpi: vola il Pd, doppiata Fdi. Righi punta a vincere al primo turno
Con questi numeri Riccardo Righi vede la vittoria al primo turno, ma molto dipenderà dai ..
10 Giugno 2024 - 08:02
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58