Aiutaci a mantenere gratuita La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Aiutaci a mantenere gratuita La Pressa
articoliSocieta'

Punti nascita, Bettini: 'Sul DM 70 Bonaccini ora ci da ragione, ma senza rivedere il Pal nessuna garanzia'

La Pressa
Logo LaPressa.it

La referente del Comitato Salviamo l'ospedale di Pavullo e candidata FDI: 'Bonaccini si contraddice e conferma che la responsabilità della chiusura è del governo PD'



'Le elezioni fanno miracoli. Dopo avere scelto con la complicità del ministro Lorenzin di chiudere i punti nascita, dopo avere negato la possibilità di riformulare la richiesta di deroga per la riapertura, dopo avere per mesi utilizzato il pretesto che la chiusura era avvenuta sulla base dell'accordo stato regioni del 2010, nel tentativo di scaricare la colpa sull'allora governo di centro-destra, il presidente della Regione ammette che la chiusura è avvenuta sulla base di quanto disposto dal Decreto Ministeriale del 2015, firmato dal Ministro Lorenzin; decreto che improvvisamente ritiene opportuno modificare. Annunciando di fare ciò che il comitato Salviamo l'ospedale di Pavullo chiede da anni, senza avere risposta dallo stesso Bonaccini. Per chiedere la riapertura dei punti nascita che Bonaccini, insieme alla sua giunta, ha sempre negato'

Così la storica attivista del Comitato Salviamo l'ospedale di Pavullo, Maria Cristina Bettini, ora candidata nella lista di Fratelli d'Italia alle prossime elezioni regionali, commentando l'annuncio del Ministro della Salute Roberto Speranza e del Presidente della Regione e ricandidato Stefano Bonaccini di rivedere, all'interno del Patto per salute, il Decreto Ministeriale 70 del 2015 (a firma del Ministro Lorenzin), che incide direttamente sui parametri per la vita dei punti nascita. L'abbiamo raggiunta telefonicamente

Cosa non le piace di questa ipotesi?  

'Non mi piace il fatto che Bonaccini si permetta di prendere in giro i cittadini, annunciando a dieci giorni dalle elezioni di fare ciò che non ha fatto in 5 anni, prima per evitare la chiusura dei punti nascita e poi per sostenere la richiesta di deroga al ministero, supportata da dati corretti, all'apertura. Mi piace il fatto che indirettamente ci dia ragione, riconducendo le cause della chiusura ad un decreto ministeriale varato dal governo PD e ad una scelta da lui sottoscritta.

Oggi nel tentativo disperato di recuperare consenso, Bonaccini è pronto anche a rinnegare non solo la sua politica ma anche quella sanitaria provinciale a guida PD che in questi ultimi anni è andata in direzione opposta. Prevedendo il declassamento a livello minimo di ospedali come quelli di Pavullo e Mirandola, sede dei punti nascita. Ospedali come quello di Pavullo, proprio in funzione di questo declassamento imposto dal PAL (Piano Attuativo Locale) della sanità, sancito dai sindaci della provincia, non ha più potuto avere quegli strumenti, quelle professionalità e quei numeri, dati anche da parti complessi, che dal 2011 sono stati dirottati in maniera massiccia a Sassuolo: elementi necessari per garantire quegli standard di sicurezza che la legge prevede e, nel tempo, necessari per mantenere attivi funzioni e reparti, tra cui ginecologia ed ostetricia, e punto nascite. Questo è ciò che la Regione ha voluto e ha fatto. E' davvero poco credibile se non nel delirio elettorale, che oggi Bonaccini, a pochi giorni dalle elezioni, ci dica che vuole rinnegare quelle scelte.

Per lei che cosa dovrebbe cambiare allora per procedere all'apertura dei punti nascita

'Bisogna ridare agli ospedali declassati a primo livello di Pavullo e Mirandola la centralità e l'importanza che il Pal sottoscritto dai sindaci e dagli amministratori PD della provincia e dai sindaci, ha tolto. Declassandoli ad un livello tale da non potere più gestire, da protocollo, funzioni complesse, ed essere appetibili anche per il personale medico. 

Per questo senza revisione del PAL, piano attuativo locale per la sanità, che ha declassato ospedali strategici e di area come quelli di Mirandola e Pavullo, in libello di prossimità, anche parlare del Decreto Ministeriale 70, è inutile, poco credibile e strumentale.
 
E' inutile fare edifici, ristrutturare sale operatorie quando da protocollo ci muoviamo all'interno di un ospedale declassato. Non vogliamo scatoloni vuoti. La sfida a Bonaccini è questa: ridare alle piccole strutture ospedaliere quelle centralità di area che è stata loro tolta. Per renderli appetibili non solo per attirare personale medici migliori ma anche per garantire un servizio di emergenza-urgenza che è stato smantallato e snellire le liste di attesa che rappresentano una criticità nel sistema sanitario regionale'

Ha citato il tema dell'emergenza-urgenza, un altro punto centrale nelle battaglie del comitato, soprattutto dopo la chiusura del punto nascita. Il problema rimane?

'In effetti dopo la chiusura del punto nascita di Pavullo era stato promesso un piano straordinario sul fronte dell'emergenza urgenza che non è stato garantito. Un tema questo, che va ben oltre a quello della nascita. Ricordiamo che nonostante le nostre denunce e le nostre sollecitazioni manca ancora un infermiere H24 e in caso di emergenza l'intervento adeguato in montagma non è garantito nei tempi massimi di intervento previsto dalle legge. Questo è un altro problema gravissimo al quale Bonaccini non ha mai dato adeguata risposta'

Gianni Galeotti


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Articoli Correlati
Modena, l'allarme Ausl: 'Circolazione virale alta: proteggetevi'
Societa'
15 Novembre 2020 - 18:12- Visite:51981
Muore a 36 anni in incidente, ufficialmente deceduto Covid
Societa'
22 Settembre 2021 - 18:24- Visite:26142
Basta cazzeggio? Caro Venturi per favore non ci offenda
Lettere al Direttore
19 Marzo 2020 - 11:32- Visite:21727
Da asili nido gratis a punti nascita riaperti: le 16 clamorose ..
Politica
28 Gennaio 2020 - 16:35- Visite:20167

Societa' - Articoli Recenti
Mobilità: inaugurata la diagonale ..
La cerimonia con la scopertura della targa di intitolazione alla ciclista Alfonsina Strada. ..
05 Ottobre 2021 - 01:29- Visite:226
Educare all'amore: da studentessa mi ..
Mi accorgo che non vi è corrispondenza tra i preziosi insegnamenti della Montessori e il ..
04 Ottobre 2021 - 19:01- Visite:420
Covid Modena, 51 contagi e due ..
I sintomatici sono 28, gli asintomatici 23. Due le persone ricoverate in Reparto
04 Ottobre 2021 - 18:58- Visite:1309
Instagram, Facebook e WhatsApp down: ..
Su Twitter, piattaforma non interessata dal down, tantissimi utenti si stanno lamentando di ..
04 Ottobre 2021 - 18:44- Visite:818
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40- Visite:356916
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37- Visite:274989
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11- Visite:174041
Il sindacato dei carabinieri: ..
‘Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39- Visite:158868