Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliPolitica

25 aprile, l'Anpi relegata a parlare per ultima rilancia: 'No all'invio di armi in Ucraina''

Data: / Categoria: Politica
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

Gli interventi del sindaco e di don Mattia Ferrari monopolizzano il comizio in piazza Grande. Il presidente provinciale Anpi sceglie di andare a Pavullo, al suo posto Silvano Righi che solidarizza con chi, sotto il palco, sventola il cartelli contro le armi. Il sindaco: 'Se mio zio non avesse avuto armi qui oggi ci sarebbero i fascisti. Quella in Ucraina è comunque una resistenza'


Guarda i nostri video in anteprima, Iscriviti al nostro canale YouTube !

L'invio delle armi in Ucraina, da parte del governo italiano, divide le coscienze e le forze politiche nella piazza del 25 aprile. Anche tra Anpi, Partito Democratico e, nel caso di Modena città, il sindaco. 

In Piazza Grande a Modena, dove era programmato il comizio 'politico', al termine di una mattinata iniziata con la Messa solenne, il corteo capitanato dalla banda cittadina e dalla deposizione di una corona d'alloro alla presenza della autorità civili e militari, ciò è ancora più evidente. Il Presidente provinciale dell'Anpi, figura immancabile e protagonista nelle celebrazioni modenesi della liberazione, ruolo oggi ricoperto da Vanni Bulgarelli, non c'è. E non perché è impossibilitato. Perché anziché a Modena ha scelto di andare a Pavullo, per una analoga iniziativa. Al suo posto, in rappresentanza dell'Associazione, Silvano Righi. Poco di strano se non fosse che strano e insolito lo diventa il trattamento che viene riservato a lui e all'Anpi.


All'ultimo posto sul palco e nella scaletta degli interventi. I cui spazi vengono monopolizzati dal sindaco e da don Mattia Ferrari, di Mediterranea Saving Humans. Come il sindaco, quest'ultimo sfora, non si sa se in modo programmato e consapevole, gli otto dieci minuti a disposizione. Il suo discorso di spinge al quarto d'ora, poi ai 20 minuti, poi alla mezz'ora. Cita il dramma dei migranti respinti dall'Italia e obbligati a tornare in Libia, condannando l'Italia per gli accordi con la Libia del 2017, così come cita l'amica Carola Rackete e Roberto Saviano. Il suo intervento è lunghissimo, dopo quello analogo del sindaco. Il tema della liberazione è completamente superato da quello sull'immigrazione, che l'organizzazione ha messo davanti all'Anpi. Dalle 11,30 si è già quasi alle 12,30 quando al rappresentante Associazione Nazionale Partigiani d'Italia, viene concesso di parlare. Ma quando la gente ha già iniziato ad andarsene dopo un'ora in piedi sotto il sole e pronta a sedersi a tavola. 'Non ho programmato nulla di particolare ma parlerò poco' - sottolinea Righi.

Un messaggio, il suo, che affrontando l'inevitabile tema della guerra, è distante dalla posizione espressa dal sindaco. 'La pace non si costruisce con l'invio di armi, ma con un tavolo di negoziato. Questa è la posizione dei compagni che sono qui sotto il palco con i cartelli contro le armi'.

In effetti, sotto il palco, alcuni espongono cartelli che criticano l'invio di armi da parte del governo Draghi. In uno emerge una Z con caratteri più grandi nella parola Liberazione, quasi a volere richiamare l'attenzione su quella Z collegato all'immagine dei mezzi dell'esercito russo ora vista come un tabù e cosa da condannare nel pensiero dominante. A questo però ci pensa la Digos. Possono rimanere ed essere esposti solo i cartelli contro le armi. Gli altri non si possono esporre. Chi ha i cartelli accetta la disposizione e continua a mostrare quelli seppur 'scomodi', ma politicamnte corretti.

La posizione dell'Anpi espressa a Modena è comunque questa. Chiara, contraria all'invio di armi che non è proprio quella del PD a sostegno del governo e del sindaco che sul palco cita lo zio partigiano e il fatto che se non avesse avuto le armi non avrebbe potuto combattere la lotta per la liberazione. La stessa affermazione che ripete per rispondere proprio a chi, al termine del comizio, lo aspetta giù dal palco, per consegnargli quei cartelli l'invio delle armi, riferendosi a Muzzarelli non solo come rappresentante istituzionale ma come esponente di un partito, il PD, che sostiene il governo nell'invio armi. Atto che continua a dividere, soprattutto il popolo della sinistra. 'Oggi rappresento le istituzioni, ma sappia che se mio zio, che prendo a riferimento, se non avesse avuto qualcuno che gli mandava le armi qui avremmo ancora i fascisti' - afferma il sindaco in risposta. Prima di lasciare la piazza.

Gi.Ga. 




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Gianni Galeotti
Gianni Galeotti

Nato a Modena nel 1969, svolge la professione di giornalista dal 1995. E’ stato direttore di Telemodena, giornalista radiofonico (Modena Radio City, corrispondente Radio 24) e consiglie..   Continua >>


 

Acof onoranze funebri

Politica - Articoli Recenti
Santori: 'Pd rifletta: elegge Casini ..
'Premiato l'ultrasessantenne bianco, uomo delle istituzioni da 39 anni e rappresentante di ..
26 Settembre 2022 - 12:01
Uninominali Emilia: passano Rando, De..
Il centrosinistra si conferma tra Modena e Bologna: battuti di misura Enrico Aimi e Giuseppe..
26 Settembre 2022 - 07:10
Ribaltone all'Uninominale Camera a ..
Il centro-destra strappa il seggio al centro sinistra. Il volto della vittoria anche qui è ..
26 Settembre 2022 - 05:48
'Grazie Italia': Giorgia Meloni ..
La leader di Fratelli d'Italia parla già da premier nel commento a caldo della netta ..
26 Settembre 2022 - 02:54
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58