Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
articoliIl Punto

Maria Grazia Modena assolta completamente, chi ora chiede scusa?

La Pressa
Logo LaPressa.it

Da parte nostra abbiamo ripescato i giornali di allora, del 2012, e ci scusiamo. Va detto: il giornalismo giudiziario spesso è a servizio delle tesi dell'accusa


Maria Grazia Modena assolta completamente, chi ora chiede scusa?


La dottoressa Maria Grazia Modena è innocente. Completamente. Il suo camice per la giustizia italiana è immacolato. Per la Cassazione lo è oggi e lo è sempre stato. E ora? Ora chi chiede scusa? Chi - al di là dell'orgoglio ostentato ancor oggi per indagini più o meno sperimentali - chiede scusa a una professionista umiliata, derisa e alla quale è stata stroncata una carriera di successo? Non solo: chi chiede scusa ai pazienti che per 5 anni non hanno potuto essere curati da una dottoressa considerata un luminare della cardiologia? Qualcuno dovrebbe farlo. E non bastano le felicitazioni dell'Università e la solidarietà a denti stretti del Policlinico che - nonostante tutto - ancor oggi non vorrebbe reintegrarla.
Qualcuno dovrebbe chiedere scusa. Per avere rovinato una persona, la sua reputazione. Senza motivo per la Cassazione.
Al di là degli steccati, dell'obbligo della azione penale e del sacrosanto dovere di indagine delle procure.
Allora, invece di chiedere le scuse ad altri, stavolta iniziamo noi. Abbiamo ripescato i giornali di cinque anni fa, quelli del novembre 2012 quelli dell'avvio dell'operazione Camici sporchi. Ecco, rileggendo quei giornali alla luce della sentenza di oggi chiediamo scusa. 
Perchè il processo mediatico è davvero una stortura che lede le persone e offre una immagine della giustiza non più come baluardo di garanzia, ma come spauracchio del quale avere paura. Perchè tutti possono finire nel tritacarne. Perchè il processo mediatico non lede il 'potere', ma le persone. Convinti che il giornalismo, anche quello giudiziario, non faccia affatto il 'cane da guardia del potere' ricopiando semplicemente gli atti dell'accusa ancor prima dei processi.
Per questo, dopo aver chiesto scusa alla Modena, sottoscriviamo anche l'intervento degli avvocati della Camera penale di Modena, un intervento degli avvocati Guido Sola e Alessandro Sivelli, nato da uno scontro proprio con il sindacato e l'ordine dei giornalisti. 

'Il diritto di informazione è sacro e va difeso. Ma va difeso anche il processo, il Giusto processo ed i principi costituzionali del diritto di difesa, della presunzione di innocenza. Il processo mediatico spesso inquina e travisa il processo, quello vero, quello disciplinato dal codice di procedura penale, quel processo che si deve celebrare nelle aule dei Tribunali; il processo mediatico diventa uno spettacolo e come tale non informa correttamente; viene dato più risalto alla fase delle indagini che alla fase dibattimentale; l’informazione di garanzia viene equiparata ad una condanna; vengono “passate“ dalle procure e dalla polizia giudiziaria atti e notizie dell’indagine in violazione del segreto istruttorio, a volte prima ancora che l’indagato sia a conoscenza dell’indagine; i fotografi vengono preavvertiti degli arresti perché possano immortalare l’umiliazione dell’indagato, presunto innocente. In manette; vengono diffusi filmati che riproducono scene del delitto spesso in modo non fedele. Non si può negare che alcuni magistrati hanno costruito con i processi mediatici la loro carriera politica e che la pubblicazione della notizia diventa inevitabilmente cassa di risonanza della tesi dell’accusa, solo dell’accusa. Tutto questo provoca una informazione parziale, che può condizionare anche l’imparzialità del giudice ma che soprattutto forma nell’opinione pubblica un convincimento inesatto e diffonde una distorta cultura dei principi costituzionali del giusto processo, del diritto di difesa e dalla presunzione di innocenza'.

Ecco, da giornalisti condividiamo.

Giuseppe Leonelli 



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Onoranze funebri Simoni

Il Punto - Articoli Recenti
Ucraina, tra Pd e Fdi è corsa a chi ..
Le parole di ieri di Giorgia Meloni hanno stupito per il loro estremismo e nascondono il ..
29 Luglio 2022 - 18:15
Elezioni, ora è impossibile ..
La sacrosanta esigenza di perdonare, di passare oltre non c'entra nulla. Tutto questo è ..
25 Luglio 2022 - 16:38
I danni di Reddito di cittadinanza e ..
I temi non risolti e le responsabilità che il Presidente del Consiglio ha provato a ..
22 Luglio 2022 - 11:45
Draghi cerca la delega in bianco: ..
'Votate risoluzione Casini'. L'ultimo atto di arroganza politica di un premier che ha sempre..
20 Luglio 2022 - 17:34
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58