Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Il futuro delle liste civiche, una collocazione serve

La Pressa
Logo LaPressa.it

Credo che necessiti, anche per una lista civica, l'individuazione di un comune orientamento


Il futuro delle liste civiche, una collocazione serve

Continuiamo con la pubblicazione dell'analisi in più parti di Giovanni Finali sul futuro delle liste civiche. A livello europeo, nazionale, ma anche modenese. Dopo la puntata di ieri, ecco la quinta parte.

Da un pó di tempo si va dicendo sempre più spesso, e con un'insistenza che mi preoccupa, che non esistono più né la destra, né la sinistra e si sostiene che le necessità di dare risposte ai sempre più pressanti problemi che le crisi economica e sociale evidenziano, ha contribuito ad avvicinare sempre di più fra di loro le 'ricette' che le due categorie politiche  possono individuare per risolverli.

Come detto all'inizio, la popolazione francese ha premiato quest'idea ed il suo Presidente si é affrettato a renderla operativa attribuendo incarichi di primaria importanza a personalità che precedentemente si erano riconosciute da ambo le parti.


Si tratta di una scelta che rende merito a chi, come Macron, che le elezioni le ha vinte, ha sempre sostenuto questa opportunità. Tuttavia  non é possibile evitare di osservare che, data l'imminenza del fatto, non é certo possibile evidenziarne i meriti, così come i demeriti. Staremo a vedere.

In Italia, come tutti ricordiamo, la scelta che é stata fatta quando la gravità dei problemi economici e di rappresentanza politica hanno chiesto il saldo del conto, non é stata quella di responsabilizzare la sinistra e la destra per un comune impegno bensì quella di incaricare una schiera di 'tecnici' di prima qualità (?) perché individuassero le soluzioni per uscire dall'impasse.

Il tempo ha dimostrato che non si é trattati di una scelta felice. 

Venendo al livello locale ed al tema, credo che fin dal momento del suo nascere, una lista civica debba interrogarsi sulla sostanza di questo problema. Puó una lista di questo tipo, che ha scelto di non riconoscersi in alcun partito politico tradizionale ed in nessun schieramento, evitare di porsi l'interrogativo se orientare o meno la sua progettualità politica secondo quelli che, pur vecchi che siano, sono comunque gli attuali indirizzi e le attuali strategie che animano il panorama politico nazionale? Io credo di no.

La decisione di asfaltare una strada, fatta eccezione per ciò che riguarda la priorità di questa scelta in relazione ad altre, non é un agire politico che puó essere connotato politicamente. Non é un atto di sinistra, di centro-sinistra, di centro-destra, di destra e neppure dei 5stelle. Se risponde ad un oggettivo bisogno e non sottrae risorse economiche per provvedimenti più urgenti... é una scelta giusta e basta. Il problema, al contrario, si pone allorquando vi è da prendere una decisione che ha a che fare con orientamenti, linee di pensiero ed interessi (nel senso nobile del termine) che, tanto  tradizionalmente quanto attualmente, sono differenti, quando non addirittura contrapposti.

La dimensione delle responsabilità delle Amministrazioni locali, non avendo alcun compito legislativo a livello nazionale, semplifica in parte questa problematicità, ma non la esclude.

Un Consiglio comunale non é un ramo del Parlamento, non é un'assemblea dell'ONU o altro organismo di pari livello, anche se talvolta vi avvengono discussioni che hanno a che fare con  tematiche importantissime, sulle quali però la possibilità di un suo fattivo intervento é nulla. E talvolta ne sfugge proprio la ratio. Tuttavia il Consiglio, per ogni Comunità, é l'organismo di massima rappresentanza democratica e molto spesso si trova a decidere interventi che vanno ad incidere direttamente sulla vita di ciascuno.

Per fare degli esempi, la costruzione di una struttura protetta per gli anziani, di una scuola per l'infanzia, la garanzia di un livello di prestazioni socio-sanitarie adeguate etc. sono argomenti e contenuti che si inseriscono in un orientamento politico che non é comune. Almeno tanto quanto non lo é la scelta di promuovere un tipo di economia o un altro oppure avere in mente un certo tipo di urbanistica che prevede un impulso a costruire molto altro oppure preservare l'esistente, o ancora  pensare a che tipo di Cultura sostenere, se  finalizzata solo ad un ritorno turistico, che promuove solo interventi 'mordi e fuggi' o anche altro.

Di fronte a questo tipo di problematiche, credo che necessiti, anche per una lista civica, l'individuazione di un comune orientamento. Non credo che possano essere sufficienti nè il convincimento che 'la politica è l'arte della mediazione degli interessi differenti' nè tanto meno che 'le buone idee hanno buoni argomenti e non hanno coloro (politico)'.

Giovanni Finali



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Giovanni Finali
Giovanni Finali

Educatore e Formatore, poi Coordinatore degli Educatori professionali del Comune di Modena, ha terminato la carriera presso la stessa Amministrazione in qualità di Istruttore Diret..   Continua >>


 

Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:189180
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda ..
La Provincia
09 Settembre 2021 - 20:11- Visite:183238
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:109576
Ex primario Pronto soccorso Modena: 'Alle persone sane sconsiglio il ..
Politica
19 Giugno 2021 - 16:44- Visite:78395
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare mia moglie a fare la spesa?
Societa'
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:71090
No al green pass, lavoratori uniti: 'Diciamo no al lasciapassare'
Pressa Tube
01 Ottobre 2021 - 21:13- Visite:66587

Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi così tanto tempo ..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39- Visite:12412
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:16803
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:14181
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi «perfettamente integrati» E la Camorra ora «è più presente»
02 Gennaio 2014 - 13:54- Visite:13286
Quelli di Prima - Articoli più letti
AeC, la moglie di Muzzarelli nel ..
L’azienda, coinvolta nell’inchiesta ‘Cubetto’, finanziò la campagna elettorale del ..
01 Gennaio 2014 - 20:45- Visite:22101
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:16803
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:14181
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06- Visite:13392