Studio Aurora - Cerca la casa dei tuoi sogni
Italpizza
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Studio Aurora - Cerca la casa dei tuoi sogni
articoliPolitica

'Caro ministro, fermi la Bretella in nome della transizione ecologica'

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Si stima che solo a causa del consumo di suolo occupato dalla Bretella e dai suoi cantieri verranno liberati in atmosfera circa 6 milioni di chili di CO2'


'Caro ministro, fermi la Bretella in nome della transizione ecologica'
Il Comitato No Bretella, insieme alle associazioni, ai comitati e ai cittadini aderenti, ha inviato una lettera al ministro della Transizione ecologica per chiedere la sospensione del progetto della Bretella Campogalliano-Sassuolo. Nel mirino, in particolare, la attuale Valutazione di impatto ambientale, che risale al 2004 e che, secondo i comitati, non essendo più stata aggiornata (nonostante la sua validità non possa superare i 5 anni), non tiene conto degli evidenti cambiamenti del sistema socio-economico e ambientale. Inoltre la Vas, sottolinenano ancora i Comitati, è invece totalmente assente.
Ecco la lettera integrale.

Gentile Ministro Cingolani,
guardiamo con fiducia all’istituzione del Ministero della Transizione Ecologica che Le è stato affidato nella speranza possa dare maggiore impulso alle politiche per ridurre le emissioni climalteranti, fermare il consumo di suolo, proteggere le risorse idriche, la biodiversità e dare soluzione alle altre criticità ambientali come il dissesto idrogeologico e l’inquinamento atmosferico.


Per queste ragioni, confidando nella sua sensibilità, vogliamo portare alla Sua attenzione la Bretella Campogalliano–Sassuolo, il nuovo tratto autostradale di collegamento tra l’A22 del Brennero e il comprensorio ceramico, giunto alla fase conclusiva di redazione del progetto esecutivo. La riteniamo un’opera vecchia come concezione, superata, inutile ed estremamente impattante, le cui criticità Le evidenziamo in pochi passaggi:
- Vecchia come concezione, perché pensata ormai più di 40 anni fa, in un periodo caratterizzato da scarsa o nulla attenzione alla sostenibilità ambientale nel quale si dismettevano ferrovie per fare strade. Un periodo nel quale la realizzazione di nuovi tratti autostradali traeva origine dalla strategia aziendale delle concessionarie per ottenere prolungamenti della concessione più che da reali necessità di rispondere ad una domanda di traffico.


- Superata, perché la vera esigenza del comparto ceramico è affrontare il nodo della mobilità interna: troppe prese, di piccole partite, in luoghi differenti difficili da comporre in un carico, con inquinamento e costi energetici rilevanti, a causa di una strutturale debolezza della logistica che si affida a padroncini e imprese estere di trasporto che competono solo sui costi del personale.
- Inutile, perché nel frattempo è stata realizzata una superstrada a 2 corsie per senso di marcia con svincoli a doppio livello che corre parallela a circa 3-4 chilometri di distanza, connessa con la viabilità del distretto ceramico e gratuita, tranquillamente in grado di reggere il traffico attuale. Peraltro, a seguito dell’internazionalizzazione dei mercati e conseguente delocalizzazione produttiva, la produzione ceramica è passata da 650 milioni di metri quadrati nel 2006, prima della crisi economica del 2008, a poco più di 400 milioni nel 2019, prima della crisi pandemica.
Per quanto riguarda l’impatto sul territorio Le segnaliamo, perché di competenza del Suo Ministero, che il progetto della Bretella sconta gravissimi limiti di Valutazione di impatto ambientale risalente all’ormai lontano 2004, e da allora mai più aggiornata nonostante la validità della procedura VIA non possa superare i 5 anni proprio in ragione degli ovvi cambiamenti del sistema socio-economico e ambientale, del tutto evidenti nel nostro caso. Basti ricordare la non valutazione del rischio idrico già in fase di redazione della VIA in merito all’ indebita omissione del grande Polo estrattivo 5.1 di Via Pederzona a monte dei campi acquiferi di Marzaglia che riforniscono l’acquedotto di Modena (il Piano Particolareggiato risale al 1997). Polo già programmato in origine per una durata trentennale, ampliato nel tempo con piani decennali e con escavazioni ancora in corso. Purtroppo tale presenza è stata indebitamente ignorata dalla stessa Regione Emilia Romagna pur contitolare del Procedimento di VIA e responsabile della programmazione delle attività estrattive sul proprio territorio. Pertanto, per le descritte ragioni e persistendo il transito della Bretella sulla zona di protezione assoluta dei predetti campi acquiferi, si impone una rivalutazione del rischio idrico complessivo generato dalla presenza del Polo di escavazione poco a monte degli stessi nel senso di deflusso delle acque. La Bretella produrrà una immensa colata di cemento (ed è soprattutto per questo che l’opera costerà oltre 600 milioni di euro) in quanto circa 1/4 della lunghezza del tratto principale sarà costituito da devastanti strutture in cemento armato per viadotti (attraversamento zona golenale esondabile del Secchia), ponti, gallerie (due in zona Colombarone), sottopassaggi viabilità ordinaria... Oltre 600mila metri quadrati di terreno naturale-agricolo a fianco del fiume Secchia verranno impermeabilizzati in modo praticamente irreversibile, contribuendo al degrado paesaggistico, alla diminuzione del suolo naturale disponibile, alla diminuzione della capacità di ricarica delle falde acquifere e all’aumento del rischio di allagamenti. Per quest’ultimo aspetto segnaliamo che l’opera andrà ad occupare in località Campogalliano un’area periodicamente allagabile e destinabile per l’ampliamento della cassa di espansione del fiume Secchia, opera strategica per ridurre il pericolo di alluvioni della pianura modenese, uno dei territori a maggior rischio di alluvioni d’Italia.
Si può stimare che solo a causa del consumo di suolo occupato dalla Bretella e dai suoi cantieri verranno liberati in atmosfera circa 6 milioni di chili di CO2, che andranno ad aggiungersi ai quantitativi di emissioni climalteranti connessi a tutte le fasi di realizzazione e al successivo utilizzo della nuova autostrada. Nonostante gli evidenti effetti territoriali di area vasta, questa infrastruttura non è mai stata considerata in un Piano a Valutazione Ambientale Strategica (VAS).
Inoltre, contraddice, anche in modo clamoroso, gli indilazionabili obblighi di efficienza energetica e riduzione dell’utilizzo di idrocarburi richiesti dagli accordi internazionali sul clima e dagli impegni
assunti a livello europeo. Sarà anche responsabile della creazione di nuovo traffico indotto su gomma, specie pesante, e contribuirà alla già pessima qualità dell’aria.
Con l’autostrada Campogalliano-Sassuolo sarà sicuramente più difficile trasferire su ferro gran parte delle piastrelle e merci del distretto con destinazione internazionale. Inoltre, confligge con il percorso del collegamento ferroviario Dinazzano-Marzaglia e nel suo tracciato attuale penalizza il nuovo scalo merci ferroviario di Marzaglia che verrebbe trasformato in un piazzale di scarico per il comprensorio ceramico senza più poter ospitare la logistica al servizio dell’area produttiva che si estende da Modena a Reggio Emilia.
Riteniamo anche opportuno informarLa che il progetto esecutivo non è ancora stato presentato pubblicamente nei nostri territori e non si sa, quindi, se le 39 prescrizioni ed una raccomandazione approvate con ultima delibera CIPE n° 62/2010, sono state recepite. Per tutte le descritte ragioni siamo pertanto a chiederne la sospensione dell’ approvazione, quantomeno per procedere all’ aggiornamento della VIA. Contando sull’impegno Suo e del suo Ministero a garanzia della trasparenza e della partecipazione, confidiamo in un Suo riscontro alla presente e ci rendiamo disponibili ad un incontro per maggiori spiegazioni e per la presentazione di nostre proposte alternative assai meno ambientalmente impattanti e costose elaborate con l’ausilio di professionisti esperti.
Le auguriamo buon lavoro e le porgiamo i nostri più cordiali saluti.

Comitato No bretella, Sì Mobilità Sostenibile: Gianni Ballista, Eriuccio Nora, Sentimenti Mauro, Paolo Silingardi, Mauro Solmi
Legambiente: Modena Davide Ferraresi, Sassuolo Sonia Pistoni, Formigine Ferrari Marco
Associazione WWF Emilia centrale: Daniele Bigi
Italia Nostra: Giovanni Lo Savio
Lega difesa ecologica Modena: Paolo Dieghi, Gladio Gemma
Comitato Salute Ambientale Campogalliano: Aldo Lugli, Luca Tavoni
Associazione Liberamente Cittadino Formigine: Patrizia Pagliani
Associazione Agricoltura Ambiente Bagno-Rubiera: Giorgio Bonacini
Comitato cittadini impattati dalla Bretella: Cesare Ruini
Coordinamento cispadano No autostrada Sì a strada a scorrimento veloce: Silvano Tagliavini
Associazione ISDE: Modena Paolo Lauriola
Rete sociale Modena: Carlo Lugli
Fiab Modena: Eugenio Carretti


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Italpizza

Politica - Articoli Recenti
Malattie Infiammatorie Croniche ..
Al forum Monzani e in diretta social, una giornata di informazione organizzata dalla ..
26 Novembre 2022 - 22:47
'Modena, Pd strumentalizza Consiglio ..
Rossini (Fdi): 'Interrogazione contro il Governo viene messa in trattazione ad appena 15 ..
26 Novembre 2022 - 18:28
Sondaggio Dire, Fdi vola oltre il ..
Il partito di Salvini scende all’8,4; mentre l’alleanza Renzi-Calenda è al 7,6
26 Novembre 2022 - 15:11
'Garantire l'apertura dei punti ..
Carte alla mano, i comitati Salviamo l'ospedale di Pavullo e Salviamo l'ospedale dalla Bassa..
25 Novembre 2022 - 19:45
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58