Onoranze funebri Gibellini
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Commissione speciale sicurezza: il centro sinistra dice no

La Pressa
Logo LaPressa.it

Respinta in consiglio comunale la proposta presentata dalla Lega e firmata da FdI-PDF e Forza Italia


Commissione speciale sicurezza: il centro sinistra dice no

Il Consiglio comunale di Modena, ha respinto l’ordine del giorno, presentato dalla Lega (e sottoscritto anche da Forza Italia e da Fratelli 5gd’Italia – Popolo della famiglia), per istituire una commissione consiliare speciale dedicata alla sicurezza integrata e urbana con il compito di verificare l’attuazione degli obiettivi previsti dal decreto legge 14 del 2017 sulla sicurezza delle città. L’ordine del giorno aveva ottenuto il voto favorevole dei proponenti e di Andrea Giordani (M5s). Contrari i gruppi di maggioranza (Pd, Sinistra per Modena, Modena civica, Verdi), che hanno giudicato sufficienti gli strumenti ordinari a disposizione del Consiglio, mentre si è astenuto il Movimento 5 stelle.

Nell’ordine del giorno si ricordavano le misure introdotte dal decreto legge per potenziare l’intervento degli enti territoriali e delle forze di polizia nella lotta al degrado, facendo riferimento al concetto di “sicurezza integrata” come all’insieme degli interventi “assicurati dallo Stato, dalle Regioni, dalle Province e da altri soggetti istituzionali per concorrere alla promozione e attuazione di un sistema unitario e integrato di sicurezza per il benessere della comunità”. Si evidenziava, inoltre, come, “ferma la competenza dello Stato in materia di ordine pubblico e sicurezza”, il decreto preveda la sottoscrizione di patti tra prefetto e sindaco per l’attuazione della sicurezza urbana. Un patto, ricordava l’ordine del giorno, che a Modena esiste e che è stato rinnovato il 20 dicembre 2019.

Il documento citava, quindi, i problemi di ordine pubblico che interessano Modena e la richiesta, avvenuta anche attraverso lo stesso Consiglio comunale, di elevare in fascia A la questura di Modena, “richiesta finora disattesa dal Governo”, chiedendo, infine, la costituzione di una commissione consiliare speciale (come previsto dal regolamento del Consiglio che la può nominare per particolari materie o col compito di istruire ed esaminare questioni di interesse rilevante). L’ordine del giorno invitava, inoltre, l’amministrazione ad “aprire un confronto all’interno del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, sulle particolari criticità emerse e a promuovere, in questa sede, l’attuazione degli strumenti di sicurezza urbana e integrata previsti dal decreto legge”, oltre a ribadire al prefetto la necessità di includere Modena tra le città di particolare rilevanza, consentendo così di aumentare il numero delle forze dell’ordine.

Aprendo il dibattito, Elisa Rossini (Fratelli d’Italia – Popolo della famiglia) ha spiegato che la mozione restituisce “una fotografia veritiera della sicurezza in città scattata dal punto di vista dei cittadini, come anche le statistiche riportate dalla stampa ci ricordano”. La consigliera ha chiesto all’intera Assemblea di votare il documento, “in cui sono citati due strumenti interessanti – ha continuato – come l’istituzione di una commissione consiliare speciale sulla sicurezza urbana e la necessità di intervenire sul Patto Modena sicura che non ha avuto completa attuazione”.

Per il Pd, Vincenza Carriero ha ricordato innanzi tutto che la sicurezza “è uno degli obiettivi di questa amministrazione”. Entrando nel dettaglio della mozione, ha osservato che la richiesta di istituire una commissione consiliare dedicata non può essere accolta “perché la funzione di questi organismi non è ispettiva né finalizzata a verificare l’operato della giunta comunale, come l’ordine del giorno vorrebbe, bensì istruttoria e preparatoria di documenti e argomenti a sostegno dell’attività dell’amministrazione”. Anche il capogruppo Antonio Carpentieri ha rigettato l’ipotesi di attivare una commissione speciale: “Questo iter dovrebbe essere percorso per situazioni di eccezionale gravità come la crisi economica nel 2009 e il Coronavirus nel 2020”. Mentre l’argomento della sicurezza, per quanto importante, “può essere trattato dal Consiglio comunale – ha proseguito – con gli strumenti previsti dalla legge come le interrogazioni e gli ordini del giorno”.

Netta la replica del centrodestra alla bocciatura del documento: 'I consiglieri comunali del centro-destra non possono che constatare nuovamente che il PD modenese, se di fronte alla preoccupazione dei cittadini per l’escalation di criminalità si mostra all’apparenza “disponibile al dialogo”, in Consiglio comunale nega l’evidenza dei dati nazionali (una classifica pubblicata nei giorni scorsi dal Sole 24 ore pone difatti Modena al decimo posto per indice di insicurezza), sostenendo che la sicurezza urbana non è una questione di rilevante interesse tale da giustificare l’istituzione di una commissione speciale di indagine, anche solo temporanea e senza alcun costo per i cittadini' - affermano i consiglieri dei gruppi Lega Modena, Fratelli d'Italia - Popolo della Famiglia e Forza Italia, Baldini, Rossini e Giacobazzi. 

'D’altronde - continuano - lo stesso Sindaco Muzzarelli, pur di negare che esista un problema sicurezza a Modena, si nasconde di sovente dietro analisi socio-politiche adoperando termini quali “percezioni” o “sicurezze” e in passato ha addirittura sostenuto in Consiglio comunale che i dati sulla criminalità elencati dall’opposizione non sarebbero attendibili poiché i modenesi avrebbero, rispetto ad altri abitanti delle zone d’Italia, una maggiore propensione a denunciare i reati.

In realtà non ha senso richiedere al governo centrale l’elevazione della Questura di Modena dalla fascia “B” alla “A” o l’inclusione nelle sedi di particolare rilevanza - come ha fatto la maggioranza di centro-sinistra con una mozione approvata ad ottobre - se allo stesso tempo i rappresentanti delle istituzioni cittadine non riferiscono al Ministero degli Interni la reale situazione della città di Modena e non pretendono “dati alla mano” un incremento degli organici delle Forze di Polizia o il rafforzamento dei presidi territoriali, quali ad esempio il posto integrato di Polizia presso l’Autostazione di viale Molza da anni svuotato di agenti.

Un’amministrazione saggia usa gli strumenti che ha e dato che le risposte dal governo centrale non sono al momento arrivate, ben si potrebbe - con una commissione d’indagine ad hoc costituita all’interno dello stesso Consiglio comunale - analizzare i problemi di sicurezza che riguardano sì tutte le città italiane ma che a Modena sono obiettivamente più acuti da anni a questa parte; problemi legati prevalentemente ad avviso dell’opposizione di centro-destra non solo alla “crescita demografica” e ai mutamenti sociali intervenuti dagli anni ’90 ad oggi - come sostiene appunto la maggioranza al governo della città - ma alla criminalità di origine straniera e alle politiche di “accoglienza” indiscriminate.

Ma la maggioranza a guida PD, piuttosto che approfondire tematiche scomode o ascoltare i suggerimenti delle minoranze, preferisce evidentemente negare un serio confronto'

 



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Articoli Correlati
Modena, decreto Sicurezza, allontanate 3 prostitute nigeriane alla ..
Politica
06 Ottobre 2017 - 19:11- Visite:16766
Caso-vigili Vignola, il Sulpl: 'Non abbiamo alcun orientamento ..
La Provincia
09 Ottobre 2017 - 18:57- Visite:12967
Boom di furti in abitazione, Modena è la terza provincia italiana ..
La Nera
09 Ottobre 2017 - 15:28- Visite:12734
Pavullo, pausa pranzo blindata, in zona arcate tre furti in due ore
La Nera
25 Maggio 2017 - 19:56- Visite:12279
Sicurezza, la raccolta firme del M5S Carpi, Soliera e Campogalliano
La Provincia
14 Ottobre 2017 - 14:02- Visite:12073
Caro sindaco, lei lo sapeva? E ora risponda alla domanda!
Il Punto
14 Giugno 2017 - 22:25- Visite:12069

Feed RSS La Pressa
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi così tanto tempo ..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39- Visite:12320
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:16592
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:13987
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi «perfettamente integrati» E la Camorra ora «è più presente»
02 Gennaio 2014 - 13:54- Visite:13067
Quelli di Prima - Articoli più letti
AeC, la moglie di Muzzarelli nel ..
L’azienda, coinvolta nell’inchiesta ‘Cubetto’, finanziò la campagna elettorale del ..
01 Gennaio 2014 - 20:45- Visite:21797
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:16592
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:13987
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06- Visite:13237