Mivebo
Onoranze funebri Gibellini
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Con il lockdown 4,7 milioni in multe in meno nelle casse del Comune

La Pressa
Logo LaPressa.it

Sempre più difficile per l'Amministrazione raggiungere l'obiettivo dei 18 milioni di euro da sanzioni per violazioni al CDS sancito dal bilancio del 31 marzo


Con il lockdown 4,7 milioni in multe in meno nelle casse del Comune

Tutto come previsto, anzi come non previsto, almeno sulla carta, dal Comune di Modena che in piena emergenza Covid nel pieno della fase di chiusura delle attività commerciali e del blocco degli spostamenti e quindi del traffico, varò, il 31 marzo 2020, un bilancio di previsione con valori simili se non uguali a quelli del 2019, e consapevolmente lontano anni luce dalla realtà che, causa emergenza, si sarebbe prospettata. Una realtà che avrebbe registrato il crollo nelle entrate fiscali, tributarie, ma non solo, ovvero anche in una delle voci diventata negli anni, paradossalmente, una delle più importanti del bilancio stesso. Quella derivante dalle sanzioni per violazioni al Codice della Strada. Nonostante il crollo delle multe generate dalle telecamere ai varchi ZTL, così come sulla strada, data l'assenza di traffico, l'amministrazione mise infatti nero su bianco la previsione di incassare ugualmente 18 milioni di euro. Per poi accorgersi che quella cifra non sarebbe mai stata raggiunta. Così per le multe, così per tante altre voci in entrata crollate, anche a causa delle esenzioni varate per arginare gli effetti negativi sulle attività: dall’imposto di soggiorno (- 131 mila euro) che il comune continuò a mettere a bilancio nonostante l'azzeramento del turismo, all’esenzione Tosap (- 225 mila euro), passando per l’esenzione Imu per il settore turistico (- 164 mila euro), l’imposta di pubblicità (- 635 mila euro), i diritti delle pubbliche affissioni (281 mila euro), le riduzioni Imu (un milione e 636 mila euro), la Tosap (195 mila euro) e i proventi dagli ingressi ai monumenti come la Ghirlandina (34 mila euro).

Ma la voce più imponente di quella che ha costituito la necessaria settima variazione di bilancio da 7 milioni di euro (varata per supplire al discostamento tra la realtà prospettata nel bilancio di previsione del 30 marzo che non sbagliammo definendolo 'dell'altro mondo', e la realtà emersa dagli effetti dell'emergenza Covid), è quella relativa alle sanzioni per violazioni al codice della strada. A causa del periodo del lock-down che ha drasticamente ridotto le multe, anche con sistemi automatici di rilevazione, per 4,68 milioni di euro per il Comune sarà difficile, se non impossibile, chiudere l'anno raggiungendo la cifra prevista dei 18 milioni di euro da incassare con le multe. E così è necessario compensare il bilancio dell'altro mondo, trasferendo soldi da una voce si spesa e di entrata all'altra, variandone gli importi. Per farlo il Comune utilizzerà anche un non meglio specificata quota del contributo governativo di ristoro previsto per l’emergenza Covid-19.

Il provvedimento, approvato con il voto della maggioranza (Pd, Sinistra per Modena, Verdi e Modena civica), l’astensione del Movimento 5 stelle, di Forza Italia e Fratelli d’Italia - Popolo della famiglia; il voto contrario di Lega Modena ha portato con se anche la delibera finale del controllo sulle società partecipate per l’esercizio 2019 nel quale spicca il passivo di Cambiamo, la società di trasformazione urbana che gestisce oltre alla riqualificazione del comparto R-Nord, anche gli accordi e appalti compresi nel Piano Periferie. Nel documento sancito anche il passivo (in questo caso prevedibile anche se non inizialmente inserito a bilancio) della società Fiera di Modena determinato dagli effetti, altrettanto prevedibili, delle disposizioni anti-covid che ha bloccato tutte le manifestazioni.


Gi.Ga. 

Nella foto, il sindaco di Modena Giancarlo Muzzarelli osserva l'auto in dotazione alla Polizia Municipale di Modena sulla quale è installato il nuovo sistema per il rilevamento automatico delle violazioni al Codice della Strada



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Articoli Correlati
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0: soci prestatori esigono risposte
Il Punto
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:34282
Coop Alleanza 3.0, ancora bilancio in forte perdita: meno 138 milioni
Economia
08 Maggio 2021 - 11:35- Visite:21529
'Coop Alleanza 3.0, un bilancio in perdita per ripartire: prestito ..
Economia
04 Maggio 2019 - 14:33- Visite:19584
Muzzarelli aumenta le tasse senza motivo: idea sovietica
Parola d'Autore
27 Marzo 2020 - 19:22- Visite:18603
Cna Servizi Modena in pre-fallimento, tutti i numeri della crisi
Economia
23 Luglio 2017 - 10:30- Visite:14250
Viale Gramsci, bando deserto per le nuove attività
Politica
11 Ottobre 2017 - 18:35- Visite:11686

Contattaci
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi così tanto tempo ..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39- Visite:12156
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:16132
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:13667
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi «perfettamente integrati» E la Camorra ora «è più presente»
02 Gennaio 2014 - 13:54- Visite:12798
Quelli di Prima - Articoli più letti
AeC, la moglie di Muzzarelli nel ..
L’azienda, coinvolta nell’inchiesta ‘Cubetto’, finanziò la campagna elettorale del ..
01 Gennaio 2014 - 20:45- Visite:21141
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:16132
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:13667
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06- Visite:12931