La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
progettiQuelli di Prima

Il costo dell'inceneritore? Cinquecentomila euro al giorno

La Pressa
Logo LaPressa.it

Questo solo dato economico, oltre al dato politico, da l’idea delle attenzioni e tensioni attorno allo smaltimento dei rifiuti in generale e tramite incenerimento in particolare


Il costo dell'inceneritore? Cinquecentomila euro al giorno

Il Comitato Modena Salute e Ambiente, uno dei protagonisti della opposizione al raddoppio dell’inceneritore, ha realizzato per la Pressa un dossier dettagliato che fotografa attraverso le cifre diffuse dal gestore stesso (Hera) la situazione dell’impianto modenese che brucia ogni anno oltre 200mila tonnellate di rifiuti. Un quadro che contribuisce al dibattito sul tema-rifiuti, sulle sue ricadute ambientali ed economiche, e che racconta di come Modena sia diventata negli anni uno dei poli dell’incenerimento in Italia.

Pubblicheremo il dossier in più puntate, il mercoledì e il venerdì. Siamo giunti oggi alla diciasettisima puntata.

Si tratta, come già detto, un resoconto effettuato da una delle parti in causa (anche se i dati sono diffusi direttamente da Hera e quindi non smentibili), ovviamente qualora Hera o altri soggetti interessati volessero replicare, La Pressa ospiterà ogni intervento. 

PER ORA HERA NON HA VOLUTO COMMENTARE

Dopo la ricerca prescritta dalla VIA, il parere dell'Ordine dei Medici, una analisi sui dati del Registro Tumori, la parte finale dell'indagine Moniter oggi il tema dei costi.

Costi, ma quanto mi costi.

2002 Nasce HERA e quasi contemporaneamente parte un piano di ammodernamento/potenziamento degli inceneritori del gruppo.

2005 Hera assorbe Meta, con incorporata l’autorizzazione al raddoppio di Modena.

2008  20 dicembre. In una intervista all’Informazione l’Ing. Galli, di Hera, precisa i costi della 4° Linea: sono 80 milioni di Euro. Tanti.

Ma il dato ancora più interessante sono i costi annui di gestione.

2010 26 novembre Da una interrogazione in Consiglio Comunale da noi “suggerita”.

Escono i costi annui di gestione:

Ricaviamo per il 2010 un costo totale annuo  di 29.517.208 euro, in meno di tre anni se ne fa uno nuovo! Siamo a poco meno di 100.000 Euro/giorno!  Solo per l’inceneritore di Modena.  La voce più grossa di spesa, con 9.000.679 euro/anno ( quasi il 30 % del totale ) sono oneri finanziari e ammortamenti. A seguire con 5.769.106 anche la “renumerazione del capitale investito”, anch’esso allora consentito dalla legge (oggi non sappiamo se è ancora così), pari al 5.3%. In pratica metà dei costi se ne vanno in oneri finanziari relativi al capitale investito o ai mutui accesi ecc...  Con questi livelli di costi annui/giornalieri, metà dei quali finanziari e quindi indipendenti dal bruciato, forse diventa necessario vendere la capacità di incenerimento eccedente il fabbisogno provinciale fino a saturare l’impianto. Il costo medio “al cancello” di una tonnellata di rifiuti  urbani incenerita è di circa 110-120  euro.

L’inceneritore di  Modena, nell’anno di questo conteggio, 2010,  ha bruciato 157.784 t, nel 2016 sono state 212.242. Nello stesso periodo i rifiuti “modenesi” inceneriti sono passati 114.013 t (2010) a 125.660 (2016). (A proposito: I rifiuti “modenesiperfettamente entro i limiti di capacità del vecchio impianto, quindi per i rifiuti di Modena il raddoppio non serviva).  

Da questi dati si ricava che nel 2016 ben 86.582 t (40 % del totale!) sono da fuori Provincia, per un incasso di circa 10 milioni di Euro per i rifiuti da fuori provincia!

Si realizza così la poco lusinghiera condizione : Rifiuti e Inquinamento da tutta Italia a Modena, Ricavi a Bologna e Piazza Affari.

Nota del Comitato MSA : non sappiamo se questo “risvolto” fosse previsto nella cessione di Meta a Hera nel 2005, ma come risultato a oltre 10 anni dalla fusione non ci sembra un granché, almeno per Modena. Oltretutto il Comune di Modena è sì socio in Hera, ma con meno del 9%. Si realizza  di nuovo sul piano finanziario quanto accaduto sul piano impiantistico ( il minimo bruciabile), ovvero non più un inceneritore al servizio della comunità ma la comunità al servizio dell’inceneritore

Ancora costi: altri 5.650.921 servono a smaltire i fanghi residui della combustione. E così via spendendo. Ci sono anche dei ricavi, ma sono di origine “pubblica”, ovvero da vendita di energia elettrica ( TLR sta per teleriscaldamento, ma vale zero a Modena)  e certificati verdi. Ricavi  allora in essere grazie a particolari regolamenti sui contributi ai produttori utilizzanti fonti “ rinnovabili”,   che comprendevano anche gli inceneritori. E quindi a spese di tutta la collettività.

Informazioni indicative danno per 500-600 milioni di Euro  l’ investimento globale che il Gruppo  Hera ha fatto per ammodernare/potenziare negli stessi anni di Modena tutti i suoi inceneritori. Se rapportiamo queste cifre di costo annuo di Modena, circa il 37% della spesa iniziale, a tutto il parco inceneritori di Hera ne esce un costo indicativo annuo globale di mantenimento/gestione di 150-200 milioni di Euro!!. (500-600.000 mila euro al giorno, oltre 1 miliardo in lire!) Questo solo dato economico, oltre al dato politico, da l’idea delle attenzioni  e tensioni attorno allo smaltimento dei rifiuti in generale e tramite incenerimento in particolare. Per dato politico intendiamo le varie Amministrazioni Locali che  hanno puntato tutto solo sull’incenerimento, senza un vero e proprio piano  alternativo di una seria e convinta raccolta differenziata. Che ora devono maneggiare questi costi, essendo anche soci/proprietari degli inceneritori stessi.



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:129065
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:90583
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:43918
'Lo Ius Soli sarà per noi il primo punto nella nuova legislatura'
Pressa Tube
01 Febbraio 2018 - 01:00- Visite:40641
'Festa Unità: è il vuoto totale, a Modena non esiste centrosinistra'
Parola d'Autore
31 Agosto 2018 - 11:38- Visite:40391
Grandinata devastante su Modena: danni alle auto e alberi abbattuti
La Nera
22 Giugno 2019 - 15:59- Visite:34734
Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi così tanto tempo ..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39- Visite:11333
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:13523
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:12303
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi «perfettamente integrati» E la Camorra ora «è più presente»
02 Gennaio 2014 - 13:54- Visite:11778


Quelli di Prima - Articoli più letti


AeC, la moglie di Muzzarelli nel ..
L’azienda, coinvolta nell’inchiesta ‘Cubetto’, finanziò la campagna elettorale del ..
01 Gennaio 2014 - 20:45- Visite:17222
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:13523
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:12303
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06- Visite:11890