'Inceneriore, così Modena resta pattumiera di tutti oltre il 2034'
Vota Bruno Rinaldi  Forza Italia
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Vota Bruno Rinaldi  Forza Italia
articoliPolitica

'Inceneriore, così Modena resta pattumiera di tutti oltre il 2034'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Lega: 'Non è giusto che i cittadini si trovino a vivere in una delle più inquinate città d’Italia pagando conseguenze delle scelte di comodo della maggioranza'


'Inceneriore, così Modena resta pattumiera di tutti oltre il 2034'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

“Pretendono che i modenesi si dimostrino “green” e virtuosi – chiedendo loro maggior impegno e attenzione nelle operazioni di smistamento, aumentando la Tari per la gestione del servizio porta a porta di raccolta differenziata e imponendo periodi di limitazione al traffico veicolare – per poi permettere che l’inceneritore continui a bruciare 24 ore su 24 rifiuti, anche speciali, per la maggioranza proventi da fuori provincia e fuori regione, con tutte le conseguenze negative che ne derivano in termini di salute dei cittadini e ambiente. È un classico controsenso da centrosinistra intriso di ipocrisia, che ci sentiamo in dovere di mettere in evidenza e condannare ancora una volta, come del resto abbiamo già fatto in passato”. Il capogruppo consiliare della Lega Alberto Bosi è tornato alla carica sull’impianto di via Cavazza a due anni esatti dalla bocciatura della mozione presentata sul tema.

“Avevamo chiesto all’Amministrazione che si bruciassero soltanto i rifiuti locali rinunciando ad importarli da altri territori, così da ridurre del 45% le emissioni del termovalorizzatore e l’inquinamento dell’aria. Paradossalmente ci siamo scontrati con la netta opposizione della maggioranza, con PD e Verdi in prima linea: proprio quei gruppi che si proclamano paladini dell’ambiente; ecologisti solo a parole ma non nei fatti. Noi del gruppo Lega, però, non ci arrendiamo: esigiamo da chi amministra la città coerenza e impegno nel mantenere le promesse dei programmi di mandato in termini di sostenibilità e tutela ambientale, a cominciare dall’adozione di provvedimenti per limitare l’attività della struttura”.
“Ciò che è peggio” ha rimarcato la consigliera leghista Barbara Moretti “è che, al contrario, sembra sempre più concreta la possibilità che l’inceneritore non chiuda nel 2034 – come promesso dal sindaco nella scorsa campagna elettorale – ma che rimanga attivo almeno fino al 2036, anno in cui giungerà a scadenza il contratto per la gestione dei rifiuti a carico di Hera.

Evidentemente più che alla difesa dell’ambiente e alla salute dei cittadini, il centrosinistra tiene ai delicati equilibri politici implicati nella questione: ricordo infatti che il Comune, essendo un importante azionista di Hera, ha un rapporto strettamente connesso e dipendente dalla stessa. È dunque evidente che si trovi in conflitto d’interesse con i modenesi, costretti a respirare aria di pessima qualità e dannosa per il fisico”.

“Non possiamo continuare ad essere la pattumiera di tutti - ha concluso Bosi -. Non è giusto che i cittadini si trovino a vivere in una delle più inquinate città d’Italia pagando le conseguenze delle scelte di comodo della maggioranza. È ora che il centrosinistra inizi a dimostrare con i fatti che è davvero “green” come dice di essere e dia il buon esempio optando per la riduzione della quantità di rifiuti bruciati quotidianamente e lo stop completo dell’impianto al più tardi nel 2034”.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


e-work Spa
Politica - Articoli Recenti
Modena, in 200 al faccia a faccia de La Pressa tra Negrini e Mezzetti
Mezzetti è tornato anche a prendere le distanze dalla scelta di Giancarlo Muzzarelli di ..
28 Maggio 2024 - 00:37
Sicurezza e immigrazione, Modena Cambia alle Costellazioni, secchi d'acqua sui giornalisti
Le proposte del candidato sindaco Daniele Giovanardi e della capolista Beatrice De Maio: ..
27 Maggio 2024 - 19:55
Dare piena e corretta attuazione agli investimenti PNRR: Meloni in videoconferenza con la Prefettura
Si struttura la cabina di coordinamento con gli enti locali. Alle riunioni potranno, di ..
27 Maggio 2024 - 19:44
Maranello, avvocata di origine marocchina si candida: sommersa dall'odio sul web
Vittima della vicenda Khaoula Kanjaoui, avvocato 30enne, originaria del Marocco e in Italia ..
27 Maggio 2024 - 17:05
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58