GIFFI NOLEGGI
Negrini
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

La Lorenzin torna a Modena: 'All'opposizione sarò qui ogni settimana'

La Pressa
Logo LaPressa.it

L'analisi post voto dell'ancora ministro della salute, l'impegno per il territorio, e la gaffe nell'ufficio del Sindaco con la foto del Drake: 'E' Gino Paoli?'


La Lorenzin torna a Modena: 'All'opposizione sarò qui ogni settimana'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Questo territorio mi ha eletto e nei confronti di questo territorio, sento una grande responsabilità che cercherò di onorare con il lavoro parlamentare. I modenesi mi vedranno spesso. Ho riportato le valigie a Modena, ora organizzerò un ufficio qui, dove sarò settimanalmente. Il nuovo Governo? Vedremo cosa proporranno M5S e Lega. Accordo centro-sinistra e m5S? Basta leggere il programma 5stelle per capire che è totalmente incompatibile con il mantenimento dello stato sociale' 

Parola di Beatrice Lorenzin. Ancora per pochi giorni ministro della salute (il suo mandato scadrà quando si insedierà il nuovo governo), ma tempo sufficiente per godere ancora per alcuni giorni dei servizi ed i benefit di cui gode un ministro. Compresa auto-blu al suo servizio e al servizio di scorta e staff. Con le quali, alle ore 19, si presenta in piazza Grande, per incontrare il sindaco  Giancarlo Muzzarelli, in Municipio.

Al termine di una giornata che ha segnato il suo ritorno a Modena per la prima volta nel post elezioni; quelle che l'hanno vista eletta del centro sinistra grazie ai voti del PD nel collegio 9 della Camera (Civica Popolare, la lista di cui è leader, ha ottenuto nel collegio modenese lo 0,73%, quarto ed ultimo posto tra le 4 liste della coalizione comprendente oltre al PD, Insieme e + Europa). Una giornata, a Modena, che si è svolta all'insegna di una serie di incontri privati e si è chiusa con una visita istituzionale al Sindaco Giancarlo Muzzarelli, in Comune, dove il ministro, pronta a rappresentare la città ed il territorio del collegio non più al governo ma all'opposizione, mette a segno una gaffe da 'non modenese', scambiando la foto del Drake (in bella vista sul tavolo dell'ufficio del Sindaco), con quella di Gino Paoli.

Gaffe che fa scendere il silenzio nella sala, davanti a fotografi, e che solo un elegante colpo del sindaco riesce a rompere e stemperare, affermando: 'Però la moglie di Gino Paoli è di Modena'. 

Le porte si chiudono e alla stampa rimane l'immagine di quei secondi imbarazzati senza tempo, di quegli sguardi fissi, e il compito di sbobinare in serata l'analisi post voto che prima, davanti alla 'Preda Ringadora' Beatrice Lorenzin aveva fatto: 'Il risultato elettorale ci dice che siamo di fronte ad trasformazione genetica del ceto medio che si è spostato in modo massiccio sul Movimento 5 Stelle e sulla Lega Nord'. Le ragioni che Beatrice Lorenzin individua alla base di tale risultato, così negativo e pesante per il centro sinistra, sono molteplici: 'L'effetto di una lunghissima crisi economica che ha penalizzato le forze di governo nonostante i risultati ottenuti, che hanno consentito di passare da una fase di recessione ad una fase di ripresa economica. C'è stato poi uno scollamento tra la politica, la gente ed i luoghi in cui di registravano livelli di sofferenza. Uno scollamento tra governo e partiti e tra partiti e territorio'. Insieme a quella che il ministro e neo eletta Beatrice Lorenzin definisce la 'disarticolazione dei corpi intermedi' che - spiega - 'sono luoghi in cui si 'ricevono feed back e si elaborano decisioni ed azioni'.

'Poi c'é il ruolo dei social dei social che ha totalmente cambiato il rapporto tra il cittadino e la politica e tra i cittadini stessi. Luoghi dove si è concentrata e ha avuto espressione, la violenza, la paura rispetto ai grandi cambiamenti: da una parte la globalizzazione e dall'altra l'immigrazione'

Cosa faranno adesso Beatrice Lorenzin e la sua parte politica?
'Innanzitutto lavorare all'opposizione, iniziando a ragionare sul futuro perché non possiamo abbandonare lo spazio della ragione e della razionalità. Innanzitutto voglio restituire al collegio che mi ha eletto impegno e lavoro. Vivo questa elezione con grande senso di responsabilità e voglio onorare il riconoscimento che mi è stato tributato e che i cittadini mi avevano già riconosciuto apprezzando il mio lavoro come ministro. Non ho più la casa modenese che avevo in campagna elettorale, ma ho riportato le valigie a Modena. Mi organizzerò nei prossimi giorni per strutturare un ufficio e per essere presente settimanalmente. Per raccogliere le istanze del territorio, portarle in parlamento. Modena è una città ricchissima, più di quanto chi ci vive riesce spesso a riconoscere, capace di fornire esempi e modelli, sia nel proprio tessuto produttivo sia sul piano organizzativo della parte sociale'

Alla domanda se e quanto il fatto di non essere una candidata espressione del territorio possa avere inciso sul risultato elettorale non certo brillante del centro sinistra, Beatrice Lorenzin risponde ribaltando la prospettiva, come se a sua candidatura, anziché un limite, fosse stato un valore aggiunto: 'Ho avuto certamente un apprezzamento del lavoro svolto come ministro e credo che sia stata una bella campagna elettorale perché affrontata sui temi e ascoltando il territorio. Il governo? Sicuramente presto ce ne sarà uno. Vediamo cosa proporranno il Movimento 5 Stelle e la Lega, vinvitori di queste elezioni. Possibile avvicinamento col M5S? Basta leggere il loro programma per capire che è totalmente incompatibile con il mantenimento dello stato sociale'

Gianni Galeotti


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06