Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
articoliParola d'Autore

Legge urbanistica regionale, pioggia di critiche

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Cosìla legge non pone limiti al consumo di suolo, si favorisce la speculazione'. Ma Cna in controtendenza chiede più cemento. E Muzzarelli punta sulla Sergio


Legge urbanistica regionale, pioggia di critiche

Ieri udienza conoscitiva in Regione sulla nuova proposta di legge urbanistica. Le critiche sono state espresse dai rappresentanti di enti e associazioni che sono intervenuti durante l’udienza andata in scena nella commissione Territorio, ambiente e mobilità, presieduta da Manuela Rontini.

Le critiche più dure sono arrivate dagli ambientalisti. Tra i punti più contestati, il limite del 3% per le espansioni fuori dal territorio urbanizzato che comprende i nuovi insediamenti produttivi e gli interventi residenziali collegati a progetti di rigenerazione. Rappresenterebbero una deroga, i parchi urbani, le opere pubbliche, gli ampliamenti delle attività produttive esistenti e le nuove imprese capaci di far crescere l’economia regionale. Alberto Conti, responsabile Wwf Emilia-Romagna, ricorda che tra le 'opere pubbliche' rientrano anche le autostrade – 'la cui costruzione renderebbe vani gli obiettivi stessi che la legge si prefigge, rischiando di amplificare, tra l'altro, lo squilibrio tra montagna e pianura”.

“Ai Comuni viene tolto il potere di disciplinare l’uso del consumo di suolo' aggiunge. 'Ciò che conta sono solo gli interessi dei grandi gruppi immobiliari”. D'accordo anche Lorenzo Frattini (Legambiente Emilia-Romagna) 'così la legge non pone limiti al consumo di suolo: ci sono tante, troppe deroghe anche di attività economiche in senso lato e, di conseguenza, anche la parte di rigenerazione urbana risulterebbe ridimensionata”.

Secondo Ezio Righi, architetto di Italia Nostra “il limite del 3% non è poco, anzi può portare a trasformazioni di grande rilevanza'. “Non è la riqualificazione che auspicavamo” aggiunge la collega Marina Foschi “qui è intesa solo in termini economici, ci vogliono strumenti innovativi”. Critiche dalle associazioni anche per la scelta di accorpare in un unico piano urbanistico regionale (Pug) i vari Psc, Rue, Poc e Pua e stabilire che sia il Comune a gestire gli accordi operativi con i privati. Sarà un accordo, secondo Simone Ruini (architetti indipendenti Reggio Emilia) “che sballerà il rapporto tra pubblico e privati a favore di quest’ultimi, e pur prefigurando delle semplificazioni burocratiche, non le rende reali”.  Si rischierà la 'speculazione immobiliare' secondo Wwf.

Suggerimenti per una regolamentazione più specifica sul limite del 3% arrivano anche da Stefano Bolettinari, direttore Confesercenti Emilia-Romagna, che esprime preoccupazione per la possibile crescita di grandi strutture di vendita a scapito dei piccoli negozi e da Mauro Malandri (Confcommercio Emilia-Romagna). Anche sulla procedura unica del Pug Alessandro Ghetti (Coldiretti ER) si dichiara preoccupato per l’assenza di linee guide dei Pra, che sono “gli strumenti per la costruzione in aree agricole”.  Dubbi sulla costituzionalità di alcune norme anche da Ebe Chiara Princigalli del Ministero beni culturali e turismo. Luca Bracci, presidente di Federalizzazione Emilia-Romagna, annuncia invece l’intenzione di presentare un emendamento per individuare aree di trasformazione immobiliare dove poter realizzare interventi di residenza sociale da cedere ai Comuni stessi, in funzione delle reali esigenze del territorio.

Ma c'è anche chi è d'accordo con Bonaccini. Oscar Zanagi (Cgil ER) ritiene “strumentale” la critica sul 3% di espansione: “in un periodo di crisi economica non vedo possibile che nei prossimi anni i Comuni si espandano come previsto dai piani attualmente in vigore”. Ciò che maggiormente viene apprezzato è l’obiettivo “ambizioso” di introdurre il principio del consumo di suolo a saldo zero. “Come associazione agricola non possiamo che trovarci d’accordo” per Piero Peli responsabile Cia Confagricoltura Emilia-Romagna, anche se bisognerà lavorare affinché “l’obiettivo diventi realtà nei tempi stabiliti del 2050” (Massimo Rossi, direttore Ente Parco Emilia orientale). “Dal nostro punto di vista la legge rappresenta un buon punto di equilibrio tra la crescita occupazionale ed economica e il rispetto del suolo come risorsa finita e bene prezioso” spiega Francesco Zanoni di Confcooperative Emilia-Romagna. L’unica perplessità dei 'soddisfatti' riguarda forse i tempi (3 anni) di fase transitoria nella quale i Comuni dovranno adeguare i propri strumenti urbanistici. “Accettiamo la sfida ma chiediamo comunque flessibilità” spiega Rita Pareschi, responsabile del settore ambiente e territorio di Legacoop. Anche Mario Agnoli (Unindustria), pur dichiarando che la “legge offre opportunità di modernizzazione dell’urbanistica”, suggerisce di allungare il periodo 'a 5 anni per la presentazione dei progetti cui andrebbero aggiunti i tempi per le convenzioni”.

La posizione più strana dalla Cna che - al contrario degli ambientalisti - avrebbe voluto la legge consentisse più cementificazione. Una posizione che, ovviamente, fa molto comodo a Bonaccini. “Noi avremmo voluto un periodo di transizione più lungo e una percentuale di espansione maggiore ma questo vuol dire arrivare un equilibrio” sottolinea Roberto Centazzo (Cna). Dubbi sulla fase transitoria anche da Stefano Betti, presidente Ance Emilia-Romagna, secondo cui però la legge “rappresenta un orizzonte nuovo capace di creare attrattività e occupazione del territorio”. 

IL CASO MODENA

'Sui tempi di elaborazione e presentazione del nuovo Piano urbanistico a Modena pesa, tra l'altro, la nuova legge urbanistica regionale'. Lo ha detto proprio ieri il sindaco Gian Carlo Muzzarelli rispondendo in Consiglio comunale a un'interrogazione del consigliere di Forza Italia Adolfo Morandi. 'I tempi sono legati da un lato, alla discussione e approvazione della nuova legge urbanistica regionale, dall'altro allo svolgimento del percorso partecipativo che abbiamo illustrato sempre in questa sede, che certamente non intendiamo dilatare senza fine, ma nemmeno comprimere al punto da screditarlo e renderlo ininfluente'. Muzzarelli ha evidenziato come i lavori del Piano siano 'diretti con attenzione e capacita' dall'ingegner Maria Sergio'.

Sergio che è il famoso dirigente comunale modenese, moglie del sindaco di Reggio della quale i grillini avevano chiesto le dimissioni per la casa acquistata da Macrì, poi arrestato nel processo Aemilia.




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Giovanni Finali
Giovanni Finali

Educatore e Formatore, poi Coordinatore degli Educatori professionali del Comune di Modena, ha terminato la carriera presso la stessa Amministrazione in qualità di Istruttore Direttivo c..   Continua >>


 


Parola d'Autore - Articoli Recenti
Ma quale scandalo, l'Italia deve ..
La crisi in Ucraina non si risolve di certo mandando armi all'infinito e parlando solo con ..
29 Luglio 2022 - 10:54
Zelensky, la copertina di Vogue e le ..
Mentre gli ucraini muoiono e hanno perso tutto, questi due scherzano con i giornalisti, si ..
28 Luglio 2022 - 17:39
Ma davvero Draghi era la Salvezza? ..
Senza dimenticare che l'imposizione dell'obbligo vaccinale e il blocco del lavoro per i ..
24 Luglio 2022 - 20:24
Così a Modena aumenta il disagio ..
E intanto sono sempre più i negozi che chiudono e i locali pubblici che si trasferiscono ..
24 Luglio 2022 - 18:19
Parola d'Autore - Articoli più letti
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37
Obbligo vaccinale per insegnanti, ..
'A questo punto consiglio a tutti i bravi cittadini di offrire senza esitazione il braccio ..
25 Novembre 2021 - 19:40
Follia Green pass, i bambini prime ..
A questo punto davanti a questi adulti privi di cuore e di anima, non ci resta che sperare ..
08 Febbraio 2022 - 12:52
'Il vaccino non rende immuni: questo ..
Giovanardi: 'Stupisce e sconforta che gli Ordini Professionali si accaniscano contro ..
29 Dicembre 2021 - 21:23