La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliPolitica

L'inceneritore di Modena? E' pronto per l'operazione 'soccorso rusco'

Data: / Categoria: Politica
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

Silvano Guerzoni (Comitato Modena Salute e Ambiente): 'L’ultimo caso di qualche giorno fa, dovuto a una eccedenza di produzione rifiuti in Emilia Romagna'


L'inceneritore di Modena? E' pronto per l'operazione 'soccorso rusco'

'Ottobre è stato il mese del “Soccorso rusco” e cioè l’attività degli inceneritori della Emilia Romagna, Modena in particolare, di bruciare ulteriori eccedenze di rifiuti altrui che per un motivo o per un altro non riescono a essere smaltiti nel modo programmato in origine (in parte anche le discariche). Da qualunque parte del territorio nazionale arrivino.'. Così in una nota Silvano Guerzoni del Comitato Modena Salute e Ambiente.

'Per esempio, già da qualche anno nell’inceneritore  di Modena circa metà dei rifiuti proviene da fuori provincia di Modena. Con l’ultimo caso di qualche giorno fa, dovuto a una eccedenza di produzione rifiuti in Emilia Romagna rispetto alle previsioni del piano regionale rifiuti, si crea la necessità improvvisa di ri-distribuire tale ulteriore massa imprevista negli impianti esistenti, Modena compresa. Se ricordiamo bene ci sono stati in passato altri casi analoghi di “Soccorso rusco”, per Roma, Napoli, Liguria, Lombardia... Siamo stati previdenti o siamo diventati le pattumiere altrui  a spese dei nostri polmoni? - continua Guerzoni -. Certo questa vicenda di eccedenze di rifiuti da incenerire in arrivo anche a Modena, non è un buon viatico all’avvio in questi giorni della raccolta porta a porta nelle frazioni di Villanova, Ganaceto, Lesignana e S. Pancrazio, tra l’altro vicine e sottovento rispetto alle emissioni dell’inceneritore. Oltre che alle altre parti della città già attive sul porta a porta. Raccolta differenziata che, lo ripetiamo da sempre, i cittadini devono fare sempre e comunque nel migliore dei modi possibile. Salvo poi chiedere ai referenti sul reale destino dei risultati della differenziata, che sia coerente con quanto chiesto ai cittadini. Il dubbio che però la raccolta differenziata serva anche a fare posto all’incenerimento rifiuti altrui viene e rimane. Avvalorato dall’art. 35 c. 1 e 2, del D L 12/09/2014, n. 133 (Sblocca Italia) che prevede infatti:

Entro novanta giorni dalla  data  di  entrata  in  vigore  del presente decreto,  il  Presidente  del  Consiglio  dei  ministri,  su proposta del Ministro dell'ambiente e della tutela del  territorio  e del mare, individua, con proprio decreto, gli impianti di recupero di energia e di smaltimento dei rifiuti urbani e speciali,  esistenti  o da realizzare per attuare un sistema integrato e moderno di  gestione di  tali  rifiuti  atto   a   conseguire   la   sicurezza   nazionale nell'autosufficienza  e  superare  le  procedure  di  infrazione  per mancata attuazione delle norme europee  di  settore.  Tali  impianti, individuati con finalità di progressivo riequilibrio socio economico fra le aree del territorio nazionale concorrono allo  sviluppo  della raccolta  differenziata  e  al  riciclaggio   mentre   deprimono   il fabbisogno  di  discariche.   Tali   impianti   di   termotrattamento costituiscono infrastrutture e insediamenti strategici di  preminente interesse  nazionale  ai   fini   della   tutela   della   salute   e dell'ambiente.
Tutti gli impianti, sia esistenti  che  da  realizzare,  devono essere autorizzati a saturazione del carico  termico,  come  previsto dall'articolo 15 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n.46. Entro 60 giorni dalla entrata in vigore del presente decreto, per gli impianti esistenti,  le  Autorita'  competenti  provvedono  ad   adeguare   le autorizzazioni integrate ambientali.

Decreto che deve essere superato a livello nazionale per le previsioni nefaste su nuove costruzioni di inceneritori ed utilizzo a piano regime - aggiunge Guerzoni -. Superato intanto qui mediante accordo tra Comune di Modena e Regione Emilia Romagna, come è già avvenuto con Forlì e Parma, per accogliere nell’inceneritore di Modena, salvo casi stremi, solo i riifuti della nostra Provincia. Inoltre, il destino della Plastica Differenziata raccolta da Hera, merita nota a parte, perché la maggior parte di essa viene destinata all’incenerimento, definito come “recupero energetico”. Come dal documento “Sulle tracce dei rifiuti” dal sito Hera (e dalle immagini sotto) si deduce che almeno il 57% della plastica recuperata (per non parlare di quella indifferenziata) viene inviato al “recupero energetico”, sinonimo di inceneritore.

Indirizzando invece questa plastica al recupero di materia, ad esempio con l’azienda Aliplast del medesimo gruppo Hera, gli inceneritori si spegnerebbero da soli per mancanza di combustibile'.
'Particolarmente interessante inoltre il caso di qualche settimana fa, dove il non concesso ampliamento di una discarica a Imola ha fatto avanzare alla Cna di Modena  addirittura la richiesta di un ulteriore potenziamento di portata dell’inceneritore. Dimostrando, ancora una volta, come certi stereotipi siano duri a morire.  Ad esempio il nostro sistema economico industriale è stato capace di rinuciare all’ amianto, al mercurio, ora stiamo abbandonando il diesel... ma agli inceneritori ancora non ci siamo arrivati - chiude Guerzoni -. Sembra proprio trovare applicazione questa frase attribuita a A.Einstein: Non puoi risolvere un problema con lo stesso tipo di pensiero che hai usato per crearlo'.

 



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione poli..   Continua >>


Profilo Facebook di Redazione La Pressa Profilo Google+ di Redazione La Pressa Profilo Twitter di Redazione La Pressa Profilo Linkedin di Redazione La Pressa Profilo Instagram di Redazione La Pressa Indirizzo Email di Redazione La Pressa 


Articoli Correlati


'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:125146
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:82860
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:38317
'Festa Unità: è il vuoto totale, a Modena non esiste centrosinistra'
Parola d'Autore
31 Agosto 2018 - 11:38- Visite:33988
M5S: 'Lavoro festivo, ridare diritti ai lavoratori del commercio'
Politica
27 Marzo 2018 - 15:08- Visite:32230
'Lo Ius Soli sarà per noi il primo punto nella nuova legislatura'
Pressa Tube
01 Febbraio 2018 - 01:00- Visite:27525
Politica - Articoli Recenti
'Giornata della Terra, Modena diventi ..
Franchini: 'Un segnale che si aggiunge a un altro punto centrale del ..
22 Aprile 2019 - 12:17- Visite:345
Gestione PalaPanini, gara ancora deserta
Dopo quella deserta dell'agosto scorso che portò alla proroga di 10 mesi ..
22 Aprile 2019 - 10:54- Visite:230
'Fu Baldini a fare avere a Vernole ..
Dalle carte del Carpigate emerge il ruolo dell'attuale candidato in ..
20 Aprile 2019 - 01:08- Visite:1070
'Fonderie, Arpae pubblichi i dati degli ..
Dopo l'assemblea di quartiere che il Comune ha annullato, Modena Volta ..
20 Aprile 2019 - 00:41- Visite:270

Feed RSS La Pressa

Politica - Articoli più letti


'Vaccini, ecco il rapporto tra la ..
Esposto del Codacons all'Autorità nazionale anticorruzione
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:125146
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa ..
Gianluca Fanti, segretario Pd Madonnina si lancia in ardite affermazioni
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:82860
Il nuovo Iper Esselunga aiuterà anche ..
E' la conclusione della Valutazione di Sostenibilità Ambientale e ..
19 Febbraio 2019 - 08:30- Visite:47515

Contattaci

Feed RSS La Pressa

Contattaci

Feed RSS La Pressa