Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
Onoranze funebri Gibellini
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al Canale YouTube de La Pressa
articoliPolitica

Punti nascita, Speranza è cauto: 'Apriremo si, ma la discussione nazionale'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il ministro della Salute alla convention elettorale pro-Bonaccini alla Polisportiva Modena est . 'Nel patto per la salute la revisione del DM 70'


Punti nascita, Speranza è cauto: 'Apriremo si, ma la discussione nazionale'

Dal diritto universale e sancito in costituzione alla salute alla discussione sui punti nascita. E’ la sanità l’argomento scelto dal comitato elettorale a supporto di Stefano Bonaccini che ieri sera ha riunito tutte le liste della coalizione in suo supporto nell’incontro pubblico organizzato alla polisportiva Modena est sul tema della sanità e sulle prospettive del modello emiliano. Sala gremita (circa 700 le persone presenti), per il ministro, (introdotto dall'intervento del sindaco, dall'appello al voto per Bonaccini della presentatrice che si presenta come giornalista della Gazzetta di Modena, e seguito dal presidente Bonaccini), pronto, anzi, arrivato da Roma ('Scusate se non mi avete visto spesso in giro ma ho preferito stare a Roma a lavorare al Ministero' - dice) a difendere il modello emiliano di sanità. In platea ci sono anche volti noti, primari, defilato ma presente, il Direttore Generale Ausl, il Presidente di Seta ed il presidente regionale Avis. 


Speranza difende il modello emiliano, ricorda i due miliardi di investimenti sul fondo sanità e i due miliardi per le infrastrutture sanitarie, oltre all’abolizione del superticket, 'già realtà in Emilia-Romagna' sottolinea Bonaccini. Sanità, appunto, tema sul quale la discussione si è concentrata, nelle ultime settimane, sull’impatto della riorganizzazione della rete ospedaliera sui centri della provincia e, negli ultimi giorni, sul tema dei punti nascita. Ed in particolare di quelli chiusi e della possibilità (mai contemplata ed ipotizzata a livello governativo regionale e nazionale), di riaprirli. Oggi la scelta di chiudere quelli montani, da sempre difesa e giudicata improrogabile dall’amministrazione regionale, viene messa in discussione dalla possibile rivisitazione di un decreto del 2015, il DM 70, (a firma del Ministro Lorenzin), che aveva posto le condizioni per la chiusura



 'Nel patto per la salute sottoscritto dal Governo, e da tutte le Regioni italiane, alla scheda 15 si prevede una revisione del Dm 70, che al suo interno disciplina anche la questione dei punti nascita. Penso che dobbiamo ascoltare questo grido che arriva soprattutto dalle aree interne, che- riconosce il ministro di Articolo 1- sono davvero fondamentali. È chiaro che la tutela e la sicurezza della mamme e del nascituro è sempre la prima cosa, ma questo grido va ascoltato con la massima attenzione e noi lo faremo“.

Sulla riapertura di queste strutture, dibattito che in Emilia-Romagna ha riguardato in questi anni Porretta Terme, Pavullo e Castelnovo né Monti in particolare, rimarca quindi il ministro rimandando all’impianto del decreto 70: “Lo ribadisco, la scheda 15 del patto per la salute approvato poche settimane fa e sottoscritto da tutte le Regioni e dal Governo prevede una ridiscussione, a ormai quasi cinque anni di distanza, sul Dm 70, che è un testo approvato nel 2015. È passato un tempo congruo, quindi, e dentro quella discussione bisognerà verificare anche la questione dei punti nascita. Penso che dobbiamo ascoltare con attenzione quello che le aree interne e montane ci dicono”, insiste il ministro'

Insomma tempi lunghi, quella di una normale discussione per definire un iter. Tempi lunghi che Bonaccini non può attendere. E a dieci giorni dal voto annuncia che il 23 gennaio, il giorno precedente alla chiusura della campagna elettorale, convocherà i sindaci dei comuni montani interessati per dare il via al processo di apertura. 

“L’obiettivo dell’incontro è quello di avviare immediatamente le procedure per riaprire i punti nascita, definendo insieme i passaggi necessari”, sottolinea Bonaccini in una nota. “Dopo aver atteso inutilmente per oltre un anno di essere convocato dal precedente Governo per poter discutere di come rivedere la normativa nazionale che ha portato molte Regioni a dover chiudere alcuni punti nascita - scrive ancora Bonaccini in una nota- adesso siamo nelle condizioni di poterli riaprire, mettendo davanti a tutto la sicurezza delle mamme e dei nascituri. Come abbiamo sempre detto, infatti, la Regione è pronta a mettere a disposizione tutte le risorse professionali, organizzative ed economiche per garantire l’operatività delle strutture anche nelle aree appenniniche”.


Gi.Ga.






Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Onoranze funebri Gibellini
Articoli Correlati
Sanità, svolta in Emilia-Romagna: la regione apre ai privati
Politica
10 Luglio 2018 - 14:14- Visite:53645
Da Pavullo a Sassuolo, partorisce in ambulanza
La Nera
18 Febbraio 2018 - 22:39- Visite:43348
Coronavirus, da domani tutte le scuole chiuse in Emilia Romagna
Societa'
23 Febbraio 2020 - 16:53- Visite:33727
Neonato morto, Sergio Venturi spiega i trentanove minuti che hanno ..
La Nera
31 Ottobre 2017 - 11:50- Visite:13095
Covid: test salivari, Speranza frena ma ora sono in tanti a chiederli
Politica
25 Agosto 2021 - 22:39- Visite:12959
Coronavirus: a Modena i casi sospetti... vanno al Pronto soccorso
Lettere al Direttore
07 Febbraio 2020 - 09:44- Visite:12629

Politica - Articoli Recenti
'Variazione Bilancio Modena, così il..
Rossini e Baldini: 'Altri 30mila euro dal Fondo Covid oltre ai 100mila finanziati da ..
26 Novembre 2021 - 12:49- Visite:582
Variante sudafricana, stop ingresso ..
Speranza: 'I nostri scienziati sono al lavoro per studiare la nuova variante B.1.1.529'
26 Novembre 2021 - 12:16- Visite:552
Malato di cuore e senza lavoro: ..
'Sono stanco, vorrei solo poter aver la possibilità di ricominciare, e sono certo sarò in ..
26 Novembre 2021 - 10:55- Visite:828
Contrordine: la Cunial non potrà ..
Il Consiglio, composto anche dalla modenese M5S Stefania Ascari, ritiene che non vi siano ..
25 Novembre 2021 - 19:12- Visite:671
Politica - Articoli più letti
'Vaccini, ecco il rapporto tra la ..
Esposto del Codacons all'Autorità nazionale anticorruzione
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:189130
Il sindacato dei carabinieri: ..
‘Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39- Visite:180726
Green Pass, nelle grandi aziende ..
Al di là della deroga per le piccole imprese, il lavoratore che non esibisce il Green Pass ..
09 Ottobre 2021 - 15:08- Visite:122614
Miracolo di Ferragosto: anche ..
'Col Green Pass ogni giorno aumenta il rischio di incontrare contagiati-contagiosi muniti di..
15 Agosto 2021 - 07:58- Visite:116897