La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliPolitica

Regolamento dehor, Bellelli venne informato delle pressioni di Morelli

La Pressa
Logo LaPressa.it

La commerciante vittima della presunta tentata concussione: 'Morelli mi disse: o dai ok al bar a mettere dehor davanti al tuo negozio o io cambio regolamento'


Regolamento dehor, Bellelli venne informato delle pressioni di Morelli

E mentre dalla lettura degli atti emerge uno spaccato sempre più deprimente della vita politica carpigiana, è giusto, per dovere di cronaca, tornare alla principale imputazione mossa nei confronti del primo attore dell'intera indagine Mangiafuoco, e cioè la 'tentata concussione' notificata all'ex vicesindaco Simone Morelli.

Il testo

Morelli è indagato 'perchè, abusando della qualità di vice sindaco di Carpi e assessore con delega al centro storico, economia, turismo, cultura, patrimonio immobiliare, compiva atti idonei e diretti in modo non equivoco, a costringere ------, proprietaria di una profumeria, ed ------ , proprietaria di una farmacia, entrambe limitrofe al bar La Macina, ad accordare vantaggi e utilità a S.T. socia del citato bar La Macina. In particolare - poichè il vecchio Regolamento comunale sui Dehor prevedeva per i bar la possibilità di sconfinare mettendo strutture temporanee (tavolini, sedie, ombrelloni...) anche davani alle vetrine di esercizi commerciali di terzi, poichè vi fosse l'assenso di questi ultimi e poichè S.T. non aveva potuto farlo in quanto gli esercizi vicini  avevano negato l'assenso - Morelli chiedeva alle signore ---- e ------- di concedere tale benestare minacciando che in caso contrario egli stesso avrebbe cambiato il Regolamento nel punto in cui prevedeva il necessario assenso degli esercizi commerciali limitrofi.
In effetti, insieme al dirigente Tartari, Morelli presentava una bozza di modifica del citato Regolamento sul dehor in cui la punto 2e si consentiva di prescindere dal consenso degli esercizi commerciali limitrofi nel caso in cui 'gli elementi di delimitazione' delle strutture temporanee fossero superiori agli 80 cm di altezza. Tale ambigua formulazione  - che avrebbe consentito, ad esempio, di posizionare anche arredi alti 2 metri (ad esempio ombrelloni), purchè gli elementi di delimitazione fossero inferiori agli 80 cm - veniva modificato solo grazie alla opposizione dei consiglieri di minoranza nel corso della seduta del Consiglio comunale del 21.6.2018 con l'integrazione 'elementi di delimitazione e di arredo''.

Gli atti

Ebbene, dagli atti emerge come una delle due vittime di questa presunta tentata concussione il 15 settembre 2018 venne convocata dal comandante dei carabinieri di Carpi Iacovelli per avere la sua versione dei fatti. Una versione che emerge chiaramente dal testo di chiusura indagine.
'Era la primavera 2017, da poco tempo il bar Le Macine aveva cambiato gestione. In quel periodo la proprietaria mi chiese di concedere l'autorizzazione a chiedere al Comune il permesso di posizionare i propri tavolini, sedie e ombrelloni davanti alle mie vetrine: dissi ad entrambe che non ero disposta a farlo'. Passano pochi giorni e la negoziante riceve la visita dell'allora assessore Morelli che, riporta la donna, le disse: 'So che sei una persona di buon gusto, sai che il bar vicino a te sarebbe interessato a fare il dehor davanti alla tua attività, confido nel tuo buon gusto. Ora, in centro storico, per poter mettere i dehor in zone non contigue al proprio esercizio, occorre ottenere il benestare del negozio oscurato. Questa regola l'ho messa io. Confido nel tuo buon gusto. Per cui sappi che come ho fatto la regola del benestare, così io la posso togliere'. La donna racconta poi ai carabinieri di essere rimasta ammutolita e di non averlo più nè visto nè sentito. 'Di tale vicenda non seppi più nulla fino a luglio di quest'anno allorquando appresi dai quotidiani locali che il regolamento comunale era stato modificato: non occorreva più incassare il benestare'. Come noto la modifica poi non venne mai attuata, ma questo passaggio agli occhi della donna fu talmente grave che la spinse a scrivere al sindaco Alberto Bellelli. Era il 7 luglio 2018 quando Bellelli venne informato via messenger dalla negoziante di quanto accaduto e dei fatti che avevano visto protagonista Morelli. Nel messaggio riportò anche le parole del vicesindaco 'o dai il permesso al bar di mettere il dehor davanti al tuo negozio o io cambio il regolamento'. 'Caro sindaco - scrisse la negoziante - dovrò subire questa vostra imposizione ma sono disgustata'. Passò poco più di un'ora e il sindaco (non indagato) rispose alla donna - come emerge dagli atti - 'Io mi confronterò con Morelli rispetto a quanto riporti. Mi limito però ad osservare che la proposta è stata sottoposta alle associazioni di categoria che hanno integrato il regolamento. Di norma non facciamo cose non condivise'.
Il giorno dopo Morelli chiamerà Bellelli allarmato perchè 'i carabinieri hanno chiamato a deporre i commercianti'.

Giuseppe Leonelli


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Rintracciata la mamma scomparsa col figlio: è in Romania
La Provincia
29 Settembre 2019 - 10:57- Visite:27174
Castelfranco, blitz dei Carabinieri in abitazione: quattro ..
La Nera
16 Settembre 2017 - 12:27- Visite:14380
Capitano Ultimo, dalla parte dell'Ultimo modello
Oltre Modena
17 Settembre 2017 - 08:43- Visite:12393
Professore travolto e trascinato per 80 metri da furgone: muore in ..
La Nera
26 Ottobre 2017 - 08:55- Visite:12392
Memoria infangata, ancora scritte contro i caduti di Nassiriya
La Nera
02 Novembre 2017 - 15:47- Visite:12256
Anpi: 'La Carpi antifascista ha respinto gli opportunisti di Forza ..
Politica
06 Agosto 2017 - 16:12- Visite:12008
Politica - Articoli Recenti
'Verità per Bibbiano': consiglio di ..
Ad accendere lo scontro è una mozione depositata da Forza Italia per appendere sulla ..
14 Ottobre 2019 - 19:13- Visite:300
Crimine, sei province emiliane nei ..
La classifica del 'Sole 24 Ore' che fotografa l'indice di criminalità di tutte le province ..
14 Ottobre 2019 - 16:23- Visite:1002
Emilia Romagna, Borgonzoni: 'Serve ..
Non basta un osservatorio regionale sulla violenza di genere o una delega generica, serve un..
14 Ottobre 2019 - 16:18- Visite:548
Modena, manovra antismog al via da ..
Da martedì 15 ottobre e fino a giovedì 17 compreso, fermi anche i veicoli diesel Euro 4, ..
14 Ottobre 2019 - 14:57- Visite:194


Politica - Articoli più letti


'Vaccini, ecco il rapporto tra la ..
Esposto del Codacons all'Autorità nazionale anticorruzione
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:129055
Segretario Pd: ‘Votare Lega ..
Gianluca Fanti, segretario Pd Madonnina si lancia in ardite affermazioni
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:90573
'Commissione Bibbiano, M5S inizia ..
Il capogruppo di Forza Italia in Regione Andrea Galli critica la richiesta di soggetti da ..
07 Agosto 2019 - 14:23- Visite:64635
Inchiesta sui minori 'Angeli e ..
Si tratta dell'ex sindaco di Montecchio Paolo Colli e l’ex sindaco di Cavriago ed ex ..
02 Luglio 2019 - 16:02- Visite:55444