Acof onoranze funebri
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliPolitica

Seta, la rabbia dei sindacati: 'Umiliati da una dirigenza autoritaria lontana dai lavoratori'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Filt/Cgil, Fit/Cisl, Uiltrasporti, Ugl/Fna, Faisa/Cisal chiedono che il confronto sull'armonizzazione dei contratti applicati nei bacini di Seta (Modena, Reggio Emilia e Piacenza), non tolga diritti e danneggi i lavoratori. Ma il problema è sul rapporto logorato tra sindacati e dirigenza che ormai non si parlano più.


Seta, la rabbia dei sindacati: 'Umiliati da una dirigenza autoritaria lontana dai lavoratori'

Quattro ore di sciopero dalle ore 8,30 alle ore 12,30 ed un presidio unitario davanti al deposito bus Seta di via delle Suore per i lavoratori Seta aderenti Filt/Cgil, Fit/Cisl, Uiltrasporti, Ugl/Fna, Faisa/Cisal. Uniti su posizioni comuni nella richiesta di garanzie nell'ambito della cosiddetta armonizzazione dei contratti dei tre bacini Seta (oggi sui territori su coperti dal servizio Seta, ovvero Modena, Reggio Emilia e Piacenza operano  1.100 lavoratori ai quali sono applicati 3 contratti differenti). L’obiettivo, anche in vista delle gare che nel 2020 apriranno la gestione del trasporto pubblico locale anche a competitor europei è quello di arrivare ad un contratto unico. Per essere, come Seta, più competitivi. Ma le posizioni sul modo di farlo e sulla bozza di contratto hanno visto coinvolti in questi mesi sindacati e vertici aziendali in un braccio di ferro che anziché avvicinare ha allontanato le posizioni, fino ad arrivare all’interruzione del confronto.

I sindacati lamentano un atteggiamento autoritario e scorretto da parte dell'azienda che da un lato ha smesso di incontrare e di parlare con i sindacati e dall'altro - denunciano - invia la bozza di contratto anche agli abbonati come se gli interlocutori al tavolo del confronto e i diretti interessati fossero gli utenti ed il personale e non i sindacati ed i lavoratori rappresentati.

I sindacati chiedono la riattivazione del processo di armonizzazione contrattuale dei tre bacini (Modena, Reggio Emilia e Piacenza) ripartendo dal documento unitario proposto dai sindacati alla direzione aziendale il 29 giugno. 

'Chiediamo una vera armonizzazione contrattuale che non scarichi sui lavoratori le inefficienze di un'azienda incapace di attuare la riorganizzazione aziendale promessa e mai realizzata' - ha affermato Paolo Montorsi (Fit/CGIL).
'Allo stato attuale tutti gli aggravi di costi provocati dalla mancata riorganizzazione vengono scaricati direttamente sul costo del lavoro, con particolare danno in termini di mancanza di tutele e riconoscimenti soprattutto nei confronti dei nuovi assunti'

'Visto che Seta è un'azienda a maggioranza pubblica, chiediamo il diretto intervento della politica affinché siano prese delle decisioni per sbloccare una situazione inaccettabile anche sul piano dei rapporti tra dirigenza e lavoratori' - afferma Giuseppe Scarpitta UGL/FNA. 'Ormai la situazione è allo sbando. Questa è un'azienda che non riconosce e non ascolta più nulla e nessuno. Va avanti come una locomotiva con una logica autoritaria dove le decisione vengono solo imposte e non confrontate in una logica dove vige solo il 'qui comando io' e se non vi va bene andate dal giudice. I lavoratori vivono in un clima di terrore, temono ritorsioni anche solo per il fatto di lamentarsi. Una situazione davvero difficile da vivere e sulla quale vogliamo richiamare l'attenzione non solo della politica ma di tutta l'opionione pubblica'

Nel frattempo, mentre i 5 sindacati presidiavano l'accesso al deposito bus di via della Suore, in Tribunale si teneva la quarta udienza per la vertenza che vede contrapposti il sindacato autonomo USB e SETA  per la causa, partita nel 2014, sugli straordinari non adeguatamente riconosciuti. L’azienda - riferisce il responsabile regionale  Sebastiano Taumaturgo - non ha accettato la proposta di conciliazione ed il giudice ha aggiornato il tutto ad una prossima udienza.
 
Nella foto, i rappresentati sindacali ed alcuni lavoratori durante il presidio organizzato davanti al deposito bus Seta in concomitanza con lo sciopero di 4 ore 



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Acof onoranze funebri

Politica - Articoli Recenti
Ribaltone all'Uninominale Camera a ..
Il centro-destra strappa il seggio al centro sinistra. Il volto della vittoria anche qui è ..
26 Settembre 2022 - 05:48
'Grazie Italia': Giorgia Meloni ..
La leader di Fratelli d'Italia parla già da premier nel commento a caldo della netta ..
26 Settembre 2022 - 02:54
Meloni a un passo da Palazzo Chigi, ..
Letta e Salvini ora vedono fortemente compromessa la loro leadership
26 Settembre 2022 - 00:58
Affluenza, calo rispetto al 2018 è ..
In provincia di Modena l'affluenza alle 23 è del 73,1% contro il 79% di quattro anni fa. ..
26 Settembre 2022 - 00:19
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58