Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
articoliIl Punto

Giunta Bonaccini, nell'eterno derby Baruffi-Boschini oggi vince Davide

La Pressa
Logo LaPressa.it

Tutto cominci? nella ormai lontanissima primavera 2012. Alla guida dei Dem in città vi era Boschini mentre a livello provinciale la guida era affidata a Baruffi


Giunta Bonaccini, nell'eterno derby Baruffi-Boschini oggi vince Davide

Era l'ormai lontanissima primavera 2012. Sindaco di Modena era Giorgio Pighi. Il Pd modenese mostrava crepe profonde, frutto anche (ma non solo) delle frizioni in giunta create dal vulcanico Daniele Sitta. Alla guida dei Dem in città vi era Giuseppe Boschini mentre a livello provinciale la guida era affidata a Davide Baruffi che, da solierese, aveva raccolto il testimone proprio di Stefano Bonaccini da Campogalliano. Ex Margherita il primo, ex Ds il secondo. Intelligenti entrambi. Due intelligenze diverse, riflessiva, forse non coraggiosissima, ma solo apparentemente accomodante quella di Boschini, acuta, lucida e finanche dalemiana quella di Baruffi.

Per sanare la crisi di giunta, in quel 2012 Boschini accettò di entrare al fianco di Pighi come vicesindaco: una scelta sofferta che nelle ambiziose intenzioni del democristiano Giuseppe doveva essere il preludio al grande salto alla candidatura a sindaco 2014, un salto che - come noto - venne stoppato dal protagonismo di Francesca Maletti.
Premio di consolazione (si fa per dire visto, almeno dal punto di vista economico, il compenso decisamente superiore rispetto a quello del sindaco) l'elezione in consiglio regionale nell'autunno 2014. Davide invece si lanciò nelle parlamentarie Pd e, nonostante l'ostruzionismo di buona parte del partito, divenne - pur di un soffio - deputato. Poltrona che 5 anni dopo gli venne negata dal Pd stesso, in quel momento renziano, che non lo ricandidò nel 2018 (punendo anche l'altro suo compagno modenese ex Ds Stefano Vaccari, ora braccio destro di Zingaretti, con una candidatura nella difficilissima Bassa risultata poi perdente). E Baruffi venne poi ripescato dall'amico Bonaccini nella squadra di viale Aldo Moro.

Ecco, oggi, a otto anni di distanza, le strade dei due eterni rivali, figure simbolo della fusione a freddo tra l'anima comunista e quella Dc all'interno del Pd, si tornano ad incrociare.
E questa volta l'ex Ds Davide vince sull'ex Margherita Giuseppe. A Baruffi con la nuova giunta-Bonaccini va il ruolo strategico di sottosegretario dalla presidenza della Regione Emilia Romagna, mentre Boschini (sacrificatosi anche alla guida della delicatissima commissione Bibbiano) resta fuori dalla assemblea nonostante la marea di preferenze per la scelta di Bonaccini stesso di non chiamare in giunta Palma Costi (ricordiamo che 5 anni fa proprio la promozione della Costi consentì all'altro ex Ds Enrico Campedelli di essere ripescato). Boschini fuori, proprio come Campedelli, ricordiamo, sfiorati entrambi (pur non indagati) nel caso Carpigate contro il sindaco di Carpi Bellelli (Boschini solo attraverso il suo collaboratore Mattia Vivarelli, anche egli non indagato, e Campedelli da alcune intercettazioni).

La sconfitta brucia, ma Boschini replica con eleganza e prepara le armi per la prossima battaglia, magari proprio quella per la successione a Giancarlo Muzzarelli tra 4 anni quando Francesca Maletti, eletta in viale Aldo Moro superandolo di un soffio, meno di 300 su oltre 5000 preferenze, non ostacolerà finalmente le sue ambizioni.

'Per Modena in Giunta non ci sarà più Palma Costi e quindi il nuovo riferimento modenese sarà non un assessore, ma il ruolo di 'sottosegretario' affidato a Davide Baruffi, ex-segretario provinciale PD, ex-parlamentare, cui pure vanno i miei migliori auguri di buon lavoro - scrive Boschini, concedendosi pur nella eleganza, una punta di malizia sottolineando due volte quell'ex -. E' un ruolo diverso da quello pienamente 'politico' di un assessore, ma è un ruolo comunque importantissimo. Il suo impegno costante e la puntualità nelle risposte per Modena sarà essenziale, perché chiaramente la rappresentanza di territori per noi tutti da recuperare, come montagna e bassa modenese, oggi non è certo più forte di ieri in Regione. Per quanto mi riguarda, come avevo già spiegato, il responso era già venuto dalle urne, seppure di misura; ringrazio comunque i tanti che fino ad oggi e in questi giorni mi hanno augurato di poter rientrare a seguito di qualche 'scatto' dalla Giunta: non è così, ma ribadisco, ero e sono sereno'.

Un modo democristiano per dire 'quel posto lo meritavo io, non Davide'.

Giuseppe Leonelli



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Onoranze funebri Simoni

Il Punto - Articoli Recenti
Ucraina, tra Pd e Fdi è corsa a chi ..
Le parole di ieri di Giorgia Meloni hanno stupito per il loro estremismo e nascondono il ..
29 Luglio 2022 - 18:15
Elezioni, ora è impossibile ..
La sacrosanta esigenza di perdonare, di passare oltre non c'entra nulla. Tutto questo è ..
25 Luglio 2022 - 16:38
I danni di Reddito di cittadinanza e ..
I temi non risolti e le responsabilità che il Presidente del Consiglio ha provato a ..
22 Luglio 2022 - 11:45
Draghi cerca la delega in bianco: ..
'Votate risoluzione Casini'. L'ultimo atto di arroganza politica di un premier che ha sempre..
20 Luglio 2022 - 17:34
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58