Studio Aurora - Cerca la casa dei tuoi sogni
Italpizza
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Studio Aurora - Cerca la casa dei tuoi sogni
articoliPolitica

Aimi (Forza Italia): ‘Cara Pigoni in Emilia Romagna Azione è costola della sinistra’

La Pressa
Logo LaPressa.it

‘Prima l'ha ospitata nella sua lista permettendole il seggio, poi le ha dato anche un posto in giunta con l'assessore Mauro Felicori. Se il 26 settembre il Pd si arrabbia sono guai per Lei’


Aimi (Forza Italia): ‘Cara Pigoni in Emilia Romagna Azione è costola della sinistra’

'Sul fronte della strategia di uscita dalla crisi, il Presidente Draghi aveva già individuato il price cap europeo al costo del gas come soluzione ponte. Ora però la sua figura e la forza dell’Italia, proprio per colpa di Forza Italia e delle altre forze che hanno fatto cadere il Governo, sono molto indebolite. Al senatore Aimi domando solo un po’ più di coerenza. La priorità ora è sostenere il piano energia del Governo Draghi: sospendiamo la campagna elettorale'. A usare queste parole è stata Giulia Pigoni, consigliera regionale e segretaria di Azione Emilia-Romagna. Un intervento che non è passato inosservato ad Aimi che subito ha rimarcato le contraddizioni di Azione.

'Come mai la consigliera regionale e coordinatrice di Azione Giulia Pigoni ha messo nel mirino il sottoscritto e Forza Italia? La risposta credo sia semplice.


Spera che in questa campagna elettorale nessuno si accorga che è in maggioranza, a Bologna appunto, con il PD. Probabilmente teme che il futuro segretario del partitone e attuale presidente di Regione voglia presentarle il conto. Prima l'ha ospitata nella sua lista permettendole il seggio, poi le ha dato anche un posto in giunta con l'assessore Mauro Felicori. Se il 26 settembre il Pd si arrabbia sono guai per Lei - afferma Aimi -. In Emilia-Romagna possiamo affermare senza alcun dubbio che Azione non è altro che una costola della sinistra. Lo tengano bene a mente gli elettori. La Pigoni, poi, si deve collegare con la realtà e non parlare da un Pianta Parallelo in cui pare soggiornare. Non abbiamo fatto cadere il governo Draghi. Questa crisi ha un nome e un cognome preciso, anzi due.

Il primo è quello del Movimento 5 Stelle, che per un capriccio si è messo fuori dal governo, tra l'altro senza far dimettere i propri ministri. Il secondo è quello del Pd, che non ha voluto rinunciare per un interesse elettoralistico a stare al governo con i 5Stelle. E' il Pd che non ha voluto nascesse un Draghi bis perché in quel momento avrebbe significato cedere sul proprio progetto di “Campo Largo” e avrebbero perso anche l'ultimo filo che li teneva uniti. Il Pd ha lavorato per salvare i 5Stelle, riuscendo solo a sacrificare Draghi. Forza Italia ha creduto in Draghi e crede in Draghi. Noi siamo stati il partito più responsabile tra tutti i partiti di governo. Quelli che hanno dovuto ingoiare bocconi amari in nome della fedeltà a un patto che nel frattempo altri stavano rompendo. Ma il governo di unità nazionale si fonda su maturità, lealtà, spirito di sacrificio condiviso. Noi siamo stati disposti fino alla fine a prenderci la nostra parte di sacrifici, altri no. Il presidente Berlusconi ha chiesto una verifica, ha chiesto discontinuità. Non abbiamo mai chiesto a Draghi di dimettersi, anzi gli abbiamo chiesto di restare e formare un nuovo governo. Draghi era il nostro brand elettorale, il nostro candidato per gestire lo strappo dei 5Stelle. Non abbiamo votato la risoluzione Casini perché dava la fiducia al governo come se nulla fosse accaduto, come se non ci fossero stati strappi, come se i 5Stelle non avessero pugnalato alle spalle il governo. D'altra parte lo stesso Draghi nel suo discorso aveva chiesto di siglare un altro patto. Benissimo, ma questo patto doveva fondarsi su altre basi. La nostra proposta di risoluzione prevedeva un nuovo governo sempre a guida Draghi, ma senza chi aveva tradito il patto fiduciario, proprio per mettere al riparo un nuovo esecutivo dalle fibrillazioni e dagli strappi futuri. In discussione non c'è mai stato il direttore d'orchestra, ma gli orchestrali che ormai suonavano senza ricercare la melodia'.

'Se avessimo legittimato i 5Stelle lasciandoli al governo, avremmo legittimato tutti a strappare alla prima occasione utile. Così non si sarebbe potuto andare avanti, con i ricatti, con le meschinità. Mario Draghi è stato voluto da Berlusconi alla Banca d’Italia, alla BCE e al Governo. La Pigoni non si deve far prendere dalla foga della campagna elettorale: capisce che Draghi stesso non poteva rimanere con quelli del no a tutto? Peraltro è lo stesso Mario Draghi che mette a tacere qualunque allarmismo. Chiarissime le parole pronunciate pochi giorni fa al Meeting di Rimini: “Sono convinto che il prossimo governo, qualunque sia il suo colore politico, riuscirà a superare quelle difficoltà che oggi appaiono insormontabili - come le abbiamo superate noi l'anno scorso - chiude Aimi-. L'Italia ce la farà, anche questa volta'. La Pigoni, si rassegni all’idea che in tanti  hanno capito l'inutilità del voto ad Azione in questa tornata elettorale. Il Suo leader, Calenda, dopo la magra figura collezionata nella fase degli accordi elettorali, prima con Enrico Letta, poi con Renzi ne fanno un “Capitan Tentenna” borioso di cui l’Italia non ha bisogno alcuno'.



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Italpizza

Politica - Articoli Recenti
'Modena, Pd strumentalizza Consiglio ..
Rossini (Fdi): 'Interrogazione contro il Governo viene messa in trattazione ad appena 15 ..
26 Novembre 2022 - 18:28
Sondaggio Dire, Fdi vola oltre il ..
Il partito di Salvini scende all’8,4; mentre l’alleanza Renzi-Calenda è al 7,6
26 Novembre 2022 - 15:11
'Garantire l'apertura dei punti ..
Carte alla mano, i comitati Salviamo l'ospedale di Pavullo e Salviamo l'ospedale dalla Bassa..
25 Novembre 2022 - 19:45
Bonaccini su M5S e Terzo Polo: 'Fanno..
'Mi piacerebbe ci fosse un concerto un po' più avanzato da parte delle tre opposizioni per ..
25 Novembre 2022 - 18:34
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58